•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 14 aprile, 2014

articolo scritto da:

Diminuisce il consumo di alcool, ma aumenta quello fuori pasto, gli ultimi dati

L’Italia è sempre stata ben lontana dalle media dei Paesi anglosassoni o scandinavi, per non dire di quelli dell’Est Europa, per quanto riguarda l’alcolismo e i problemi connessi al consumo di alcool. In parte le cose stanno cambiando.

Se è vero che tra il 2003 e il 2013 il consumo totale di alcol è passato dall’interessare il 68,7% dei maggiorenni al 63,9%, in realtà qualcosa è cambiato qualitativamente. Vi è stato un piccolo aumento del consumo fuori pasto e soprattutto di quello occasionale, con un crollo di quello legato al pasto.

Esaminiamo i segmenti noti per il consumo maggiore di alcol, ovvero gli uomini nei due segmenti 18-24 anni e 25-44 anni:

Come vediamo il consumo totale minore vede però un aumento del consumo occasionale di circa il 9% ra il 25 e i 44 anni, segmento in cui crolla anche maggiormente il consumo al pasto, e del 3% tra i più giovani.

Rimanendo sui giovani, e includendo le donne vediamo che il consumo fuori pasto, se come media nazionale aumenta dell’1%, in realtà si incerementa di ben l’8% tra le donne tra i 18 e i 24 anni. E’ un dato molto significativo:

Più modesto, ma comunque superiore alla media l’aumento in questa statistica tra i 25-44enni:

Questi invece i dati totali, in cui si possono apprezzare i trend decennali:

E di seguito quello femminile, in cui si nota come nel complesso le donne consumino meno alcol, probabilmente anche rispetto ad altri Paesi europei:

I dati ISTAT, tuttavia, ci offrono spaccati su altre statistiche, come il consumo per fasce di età:

E’ interessante vedere come il declino del consumo cominci solo dopo i 74 anni e come il gap tra uomini e donne rimanga ampio, già in giovane età. Preoccupante la quota sepur piccola di consumatori sotto i 16 anni, e dobbiamo immaginare anche che quello a 16 e 17 anni siano in realtà superiori di quanto le statistiche ufficiali ci dicano.

Venendo alla geografia vi è una curiosa omogeneità nel consumo in base alla grandezza del comune, come vediamo di seguito:

Tuttavia dobbiamo immaginare che il tipo di consumo differisca tra la grande città e il piccolo comune, anche per la differenza demografica sicuramente esistente.

Infine le differenze regionali. Poche sorprese, il Triveneto e le aree alpine, e soprattutto queste ultime, si confermano come quelle in cui vi è più piacere nell’alzare il gomito, con buoni posizionamenti anche di Toscana ed Emilia Romagna. Curiosamente basse in classifica Lombardia e Piemonte, mentre si confermano poco dedite al consumo di alcolici alcune regioni meridionali come Sicilia e Campania, qui dobbiamo immaginare soprattutto per la poca propensione femminile all’alcol e la persistenza di modelli di vita più tradizionali e conservatori.

 

 

 

 

 

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Barbara Romana ha scritto:

    Tutti umbriachi!! 😀

  2. Pingback: A.C.A.T. Villafranca "Castel Scaligero" – Diminuisce il consumo di alcool, ma aumenta quello fuori pasto, gli ultimi dati

Lascia un commento