•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 9 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Governo Ucraina: tre ministri sono stranieri

Nel nuovo esecutivo di Kiev, varato una settimana fa, sono presenti tre ministri stranieri: un’americana, un georgiano e un lettone occuperanno dei dicasteri “chiave”. Nasce il ministero dell’Informazione.

Stranieri nei punti chiave

Natalia Jaresko, americana, Alexander Kvitashvili, georgiano, Aivaras Abramavicius, lettone, sono i ministri “stranieri”, rispettivamente delle Finanze, della Sanità e dell’Economia, presenti nel nuovo esecutivo ucraino. Sono stati voluti fortemente dal Presidente Petro Poroschenko che gli ha prontamente concesso la cittadinanza. In totale i funzionari “stranieri” nel nuovo governo saranno 25: il processo è stato sostenuto finanziariamente dalla Renaissance Foundation, organizzazione con sede a Kiev, che fa parte della costellazione di fondazioni che fanno capo al magnate americano George Soros.

Jaresko e Ambramavicius vengono dal settore degli investimenti privati. Dovranno affrontare una situazione fragilissima: secondo il Financial Times, per evitare il fallimento, Kiev ha bisogno di almeno una dozzina di miliardi di dollari in più rispetto a quelli forniti dal Fondo Monetario Internazionale e dagli altri donatori. Solo quest’anno l’Ucraina perderà 7 punti di Pil, la corruzione è ancora un problema, l’apparato industriale è stato praticamente distrutto dalla guerra nell’Est.

ucraina

Ministero dell’Informazione

Un paese in guerra ha bisogno di trattare le notizie per questo Poroschenko ha voluto fortemente la creazione del ministero dell’Informazione. Quest’ultimo è andato a Yurij Stets, esponente del “Blocco”, partito presidenziale. Il provvedimento è accompagnato dall’imposizione della scorta per i giornalisti che si recano al fronte. La scelta è stata duramente criticata dalla stampa del paese: si teme che il paese non possa fare il tanto sospirato passo in avanti post-Yanukovich sul fronte dell’informazione. Poroschenko ha detto che la misura è temporanea senza, tuttavia, chiarirne la durata.

I confermati

Oltre al Premier, ancora una volta Arseniy Yatseniuk, sono rimasti al loro posto Pavlo Klimklin, agli Esteri, Stepan Poltorak, all’Interno, e Arsen Avakov, alla Difesa. I 4, oltre a godere della fiducia internazionale, sono stati giudicati i più adatti a mantenere l’equilibrio tra forze armate e gruppi volontari al fronte, e tra autorità e oligarchi, che hanno ancora in mano l’economia del paese, nella capitale.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Tatiana Koretskaya ha scritto:

    украинская власть не прошла люстрацию.В парламенте и правительстве страны работают чиновники с команды сбежавшего Януковича. Привлечение иностранных чиновников возможно частично помешает разворовывать финансовую помощь Евросоюза. Очень на это украинский народ надеется.

  2. Pingback: Ucraina: “raddoppiare spese militari” - Termometro Politico

  3. Pingback: Ucraina: presentato il bilancio per il 2015 - Termometro Politico

Lascia un commento