•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 10 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Redditi e disuguaglianze, per ogni euro ai poveri 10 euro ai ricchi

crisi poveri

Diseguaglianze di redditi, per ogni euro che va ai più poveri ne vanno 10 ai più ricchi. È un divario, quello individuato dal rapporto Ocse, che non è mai stato tanto netto dagli anni ’80 ad oggi.

Prendendo in considerazione il 10% più povero ed il 10% più abbiente nella popolazione italiana, il rapporto tra i loro redditi è di 1 a 10. Una situazione non molto differente da quella degli altri Paesi Ocse nei quali la diseguaglianza è solo leggermente più equilibrata. Trent’anni fa, negli anni ’80, il rapporto era di 1 a 7. Complice la crisi, le cose sono andate via via peggiorando.

Redditi, il diverso impatto della crisi su ricchi e poveri

Prima della crisi, a metà degli anni ’80, su una crescita del reddito medio in Italia dello 0,8%, il 10% più ricco della popolazione vedeva crescere il proprio reddito dell’1,1%. I più poveri invece solo dello 0,2%. Con la crisi l’Italia ha fatto registrare una perdita nei redditi dell’1,5% annuo: i più poveri hanno subito un -3,9%; i più ricchi solo un -0,8%.

redditi

Le diseguaglianze frenano la crescita del Pil

I numeri denunciano la mancata riuscita del principio di redistribuzione della ricchezza e l’accentuarsi della diseguaglianza che di certo non fa da traino alla crescita economica. Diseguaglianze che appaiono ancora più evidenti considerando il coefficiente Gini: tale misurazione del tasso di diseguaglianza assegna 0 quando tutti hanno lo stesso reddito e 1 quando invece il reddito va ad arricchire una sola persona. Prima della crisi, tale coefficiente nei Paesi Ocse era pari allo 0,29. Cresciuto di tre punti (0,32%) con l’acuirsi della crisi nel biennio 2011/2012. Questa crescita del divario tra ricchi e poveri si traduce in una perdita di Pil annua dello 0,35% per 25 anni. Nel caso dell’Italia, tra il 1990 e il 2010, la diseguaglianza ha privato il Paese di circa sette punti percentuali di crescita. Un Pil che faceva registrare una crescita dell’8%, la peggiore della zona Ocse, che avrebbe potuto raggiungere il 14,7%. Senza la zavorra delle diseguaglianze, il nostro Pil sarebbe praticamente volato al di sopra di quelli di Spagna e Francia.

Rafforzare redditi medio-bassi per far ripartire i consumi

Non resta dunque che provare a porre rimedio alle diseguaglianze di reddito per non frenare ulteriormente la crescita economica. Rafforzare i redditi medio bassi potrebbero essere un buon inizio: consentirebbero di rimettere in moto i consumi favorendo quindi la ripresa. D’altra parte, come recita lo stesso rapporto Ocse, le diseguaglianze minano anche l’istruzione ed ostacolano la crescita delle competenze. Fattori che vanno a porre un freno anche alla crescita del capitale umano.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Alina80 ha scritto:

    Se poi ci mettiamo anche la discriminazione di genere nella diseguaglianze di reddito viviamo proprio nel BEL PAESE! E’ una vita che aspettiamo leggi più vicine ai cittadini e ai consumatori, ma evidentemente si chiede la luna
    http://www.sassuolo2000.it/2014/07/31/stefania-bigliardi-pensionate-piu-povere-degli-uomini/

  2. leone4964 ha scritto:

    felicetommasino è una vergogna..detto questo dettoTutto Ciao buon pomeriggio

  3. Giovanni Avanzi ha scritto:

    Ma a quelli che si sono arricchiti cosa gliene frega? A loro va bene così. Gli altri non vanno neanche più a votare.

Lascia un commento