•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 11 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Francia Marine Le Pen: “La Tortura? Si combatte il terrorismo con quello che si ha”

Francia Marine Le Pen

Da Parigi – “Le persone che si occupano dei terroristi e che cercano di carpirgli informazioni utili a salvare vite civili sono persone che si fanno carico di una responsabilità (…) Se ci sono stati abusi, questo spetta agli americani stabilirlo”. Marine Le Pen, presidente del partito di estrema destra francese Front National, ha commentato così la fresca pubblicazione del rapporto, da parte del Senato degli Stati Uniti, sull’utilizzo della tortura da parte della CIA all’indomani dell’11 settembre 2001. La leader populista era ospite del faccia a faccia politico mattutino del canale all-news BFMTV: “In caso di una bomba pronta ad esplodere, con il rischio di fare 200 o 300 vittime (…) è utile far parlare una persona”. “Anche per mezzo della tortura?”, l’ha incalzata il giornalista, al quale l’erede di Jean-Marie Le Pen ha replicato allargando le braccia: “Con i mezzi che si hanno”.

Lo sdegno di Acat

Immediate sono state le reazioni di sdegno alle frasi dell’eurodeputato FN, sia da parte del mondo politico francese che dall’associazionismo contro i trattamenti inumani e degradanti. Nei confronti di Marine Le Pen si è scagliata in particolare l’ACAT, l’Associazione dei Cristiani per l’abolizione della Tortura, che attraverso un comunicato stampa ha ribadito come “Marine Le Pen non si rende minimamente conto di quello che dice. Il Senato americano stesso ha riconosciuto che le torture inflitte dalla CIA non sono servite a nulla nella lotta al terrorismo (…) Lottiamo contro il terrore con la giustizia e la democrazia, mai attraverso la tortura. Ecco un’ulteriore prova che il Front National non ha mai a cuore i problemi morali. Dopo il razzismo e la xenofobia, Marine Le Pen se la prende con un altro cardine dello Stato di diritto: il divieto assoluto della tortura”.

Francia Marine Le Pen

Una tradizione “lepenista”

Più tardi, la stessa Marine Le Pen avrebbe corretto il tiro su Twitter: “Interpretazione errata [delle mie frasi]. Dinanzi al terrorismo, nessun pietismo. ‘I mezzi che si hanno’ sono i mezzi dati dalla legge, di certo non la tortura”. Nonostante le precisazioni, i detrattori della rampolla frontista hanno immediatamente ricondotto il Marine-pensiero alla “tradizione” lepenista su questo tema, avviata con il vecchio leader Jean-Marie Le Pen. Al presidente onorario del partito vengono imputati da decenni atti di tortura nel corso della Guerra di Algeria, nel 1957, quando faceva parte del 1° reggimento di paracadutisti. Pratiche mai del tutto rinnegate dal fondatore del FN: “Certi metodi duri negli interrogatori erano necessità assolute, perché occorreva trovare le bombe (…) Normalmente, secondo il diritto di guerra, si dovrebbe procedere alle fucilazioni”.

Niccolò Inches

Twitter: @niccolink

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. agnelloluigi ha scritto:

    TermometroPol Pas de panique, c’est de famille. Son père ne s’en privait pas quand il était lieutenant dans l’armée française.

  2. Pingback: Marine Le Pen e la questione gay nel Front National - Termometro Politico

Lascia un commento