•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 5 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Ucraina: Putin mette gli occhi sulla Bessarabia

La Bessarabia meridionale, o meglio la regione del Budjak, è un territorio piccolo e sconosciuto ma presto potrebbe conquistare la prima pagina delle cronache internazionali. Almeno così dice il The Economist che rileva la sua importanza strategica per la Russia.

Corridoio

Se i russi volessero crearsi un corridoio che, dalla Crimea, passando per Odessa, arrivasse fino al confine con la Romania, alla Transnistria (sotto il controllo di alcune migliaia di soldati di Mosca ma ufficialmente territorio moldavo) la Bessarabia diventerebbe fondamentale. A quel punto l’Ucraina, oltre a vedere inficiata ancora una volta la propria integrità territoriale, non avrebbe più alcuno sbocco sul Mar Nero e quindi, in chiave collaborazione di Kiev con la Nato, esso diventerebbe un “lago russo”.

In più secondo il The Economist la regione è particolarmente vulnerabile dal punto di vista militare. Ad occidente non esistono ponti sul Danubio che la colleghino con la Romania, sul versante opposto ci sono solo due strade che la collegano al resto dell’Ucraina. Basterebbe far saltare in aria i due ponti sul Dnestr, l’altro fiume che delimita i confini regionali – notano dal The Economist – per isolare completamente la regione dal resto del paese.

Dombas-bis

La metà dei suoi 570mila abitanti sono ucraini, il resto è formato da russi, moldavi, rumeni, bulgari, albanesi e gaugasi, un popolo di lingua turca e religione musulmana. Quasi tutti gli abitanti della Bessarabia parlano anche il russo. L’identità filo-russa della regione è talmente forte da essere stata più volte il cavallo di battaglia delle forze politiche ucraine favorevoli a Mosca, in particolare del Partito delle Regioni dell’ex Presidente Viktor Yanukovich. L’attenzione per le istanze autonomistiche della regione dimostrata dal suo partito è stata sempre contraccambiata alle urne.

ucraina

Quindi, la rivoluzione di Piazza Maidan non è stata ben accolta in una parte del paese che si informa soprattutto sui media russi e che guarda a Putin come “la soluzione a tutti i propri problemi”, per usare le parole dello studioso di ecologia Ivan Rusev, intervistato dal The Economist. Lo scorso autunno pareva imminente un colpo di mano atto a proclamare una Repubblica popolare della Bessarabia sul modello di quelle di Donetsk e Luhansk nel Dombas.

Un’altra Crimea?

Tuttavia sia questo progetto, sia quello di un’annessione sul modello della Crimea hanno perso mordente dopo la “strage di Odessa”, il rogo di un edificio in cui persero la vita decine di persone dopo la caduta di Yanukovich, e la guerra nell’Est. Viktor Drodzov, professore all’Università di Odessa, a questo proposito rileva che “quasi tutte le forze politiche durante le ultime elezioni hanno puntato sul mantenimento della pace” un segnale che indica come “il separatismo abbia perso il treno in Ucraina meridionale”.

Restano le testimonianze degli abitanti che vedono passare dei droni di pattuglia sopra le proprie teste. Apparecchi che potrebbero partire dalla base russa in Transnistria o dalla flotta di stanza sul Mar Nero.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

7 Commenti

  1. Umberto Banchieri ha scritto:

    La Transnistria é territorio moldavo ufficialmente, non rumeno 😉

  2. Pierfrancesco Catapano ha scritto:

    e io attacco la kamchatka con tre carri tiè!

  3. Max86 ha scritto:

    In
    Transnistria, fu combattuta nel 1992 una guerra con partecipazione
    anche romena, dovuta alle basi militari russe presenti.Nella
    Bessarabia, ossia in tutta la Provincia di Odessa si parla russo, le
    istituzioni, le scuole sono in russo dal 1750, da quando detta provincia
    fu liberata dai turchi dal Generale russo Worob nella bataglia di
    Izmail, quindi il russo è un antica tradizione e non una lingua imposta a
    tempo dell’URSS.

  4. Luigi Babbetto ha scritto:

    Fa bene

  5. Max86 ha scritto:

    Le varie etnie della Provincia di Odessa,miste, Ucraini,Russi,Moldavi,Bulgari,Turchi,hanno sempre convissuto pacificamente fra loro parlando la lingua russa dal 1750 dall’epoca del Generale Sworob che la liberò dai turchi. Ma non ne vogliono proprio sapere di parlare ucraino, quindi sarebbe una sopraffazione imporglielo, l’Ucraina fino a poco tempo fa era un paese tranquillo, dove si poteva lasciare la porta di casa aperta, poi è venuto qualcuno da fuori………a cui interessavano i giacimenti di carbone del Donbass, il Gas Metano nella roccia di scisto e così via;( Qualcuno disse, non vi preoccupate se la Russia chiude il Metano ve lo mandiamo noi dal nostro scisto, ma come il Metano con le navi attraverso l’Oceano Atlantico,una risata, non sarà mica stato quello del Donbass una volta preso? Pensate che a Mariupol, in mano all’Esercito Ucraino, c’è la più grande acciaieria dell’area la AZOVSTAL  che da lavoro a 30.0000 dipendenti (Con il carbone negli altiforni ci si fa l’acciao per ossidoriduzione).
    L’Euro da fastidio oltre Oceano, allora qualcuno bisogna che destabilizzi l’economia europea…………………

  6. Max86 ha scritto:

    Correggo AZOVSTAL 30.000 (Trentamila) dipendenti

  7. Max86 ha scritto:

    Guardando la città di Izmail, un po più a sinistra c’è il passaggio di frontiera con la Romania, probabilmente l’autore non c’è mai stato.

Lascia un commento