•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 11 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Dopo Charlie Hebdo, l’Italia si prepara a contrastare il terrorismo

gentiloni

L’Italia, pur mantenendosi cautamente ottimista, non sottovaluta affatto il rischio terrorismo in Italia e in questi giorni, ancora segnati dai tragici avvenimenti francesi, numerosi esponenti delle istituzioni si stanno interrogando sull’atteggiamento che il nostro paese deve avere di fronte il terrorismo.

Le dichiarazioni più autorevoli e significative provengono stamane dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, il quale intervistato da Repubblica paventa come probabile e addirittura auspicabile un intervento militare da parte dell’italia per fermare l’avanzata del Daesh (sigla islamica dell’Is): “Il non-intervento è illusorio e pericoloso, così come sarebbe ancora più pericoloso pensare che il tema non riguardi noi, ma che ci sia qualcun altro – gli americani – che lo faccia per noi. Per battere il Daesh c’è una coalizione di 60 paesi. E per questo il Governo chiede unità al Parlamento non solo per rafforzare e riorganizzare il dispositivo che contrasta il terrorismo all’interno del Paese, ma per combatterlo fuori. Una linea isolazionista nuoce al Paese in termini di sicurezza, di economia, di tenuta dell’Italia”.

gentiloni

Gentiloni, pur riconoscendo il ruolo del dialogo e dell’integrazione non vede alternative all’intervento militare per combattere la minaccia terroristica: “ Illudersi che possa essere fronteggiata senza intervenire, astenendosi, credendo di poterci chiudere nelle nostre frontiere è un’idea pericolosa»

Più rassicuranti invece appaiono i toni di Angelino Alfano, il quale tuttavia ci tiene a non sottovalutare la minaccia: “In Italia non abbiamo segnali di minacce specifiche, ma questo non vuole dire che l’allerta non rimanga altissima.” Alfano nell’intervista rilasciata al Messaggero, pone l’accento per battere il terrorismo sulla cooperazione internazionale e sull’attivazione della direttiva sul “Passenger Name Records” per controllare le liste di imbarco e scongiurare il pericolo dei foreign fighters. Il ministro dell’interno tuttavia nell’intervista invita con forza a non fare confusione fra immigrazione e terrorismo.

Le misure del governo tuttavia non sono esenti da critiche, infatti oggi Fabrizio Chicchitto dalle pagine del Mattino lamenta uno scarso intervento militare dell’Italia nelle zone “calde” dove si anniderebbero le forze dell’Isis: “Prima si fanno discorsi apocalittici sull’Isis e poi i bombardamenti sono un quinto rispetto a quelli contro la Libia di Gheddafi e a combattere ci sono solo i curdi, ai quali speriamo possa finalmente unirsi anche l’esercito iracheno” mentre l’ex ministro dell’integrazione Andrea Riccardi parlando su Avvenire sostiene la necessità di un maggiore sforzo di integrazione con i paesi del medio – oriente: “Bisogna fare ogni sforzo per la sicurezza, che implica il massimo di collaborazione tra le intelligence e le polizie europee, ma anche puntare sull’integrazione”


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Paul Manzi
Paul Manzi

o vorrei capire se la regione lazio gioca con la dignità delle persone le mobilità in deroga non pagate da ottobre del 2013 poi accordi con le parti sociali per il pagamento di 4 mesi del 2014 con isee non superiore ai 15.000 euro tutto portato al sindacato ed ora ci dicono che non pagate nemmeno quelle'????dopo che avete firmato un accordo'questa è la regione che non abbandona a nessuno????complimenti mi state mettendo in crisi passero un natale di merda,ma sopratutto mi state rovinando ai fini pensionistici visto che mi mancavano un paio di anni .grazie regione lazio.. eccolo il mio 2015 grazie a voi e non scrivete ci dispiace per la sua situazione perchè non ci pago le bollette,,,fate qualcosa di concreto piuttosto..

Piazza Roberto
Piazza Roberto

No il paese voi dovete combattere.x siete voi che fate le leggi del menga.e ora avete paura dopo che avete fatto entrare cani e porci..arrangiatevi.buffoni