•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 27 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Still Alice, quale parte di noi sopravvive alla malattia?

I ricordi sono una seconda pelle. La creta con cui nel corso degli anni plasmiamo la nostra identità, e la bussola che ci orienta. Per questo quanto la malattia colpisce la memoria, torniamo a essere vulnerabili e fragili, come serpenti durante la muta. E la metamorfosi può essere ancora più spiazzante e crudele, se arriva dopo aver dedicato la propria vita a coltivare la mente, per poi coglierne i frutti, come la protagonista di Still Alice, film di Richard Glatzer e Wash Wastemoreland giunto in Italia in questi giorni.

Alice Howland (Julianne Moore) è una donna che definiremmo realizzata. La sua vita è piena e intensa, sia dal punto di vista professionale, che nel privato. Docente di linguistica alla Columbia University di New York, ha un marito che la ama teneramente (Alec Baldwin) e con cui condivide anche la passione per la ricerca, e tre figli per cui è un punto di riferimento. Un giorno però, succede qualcosa che porta via, poco a poco, i mille colori e sfumature del suo quotidiano. La memoria di Alice comincia a sfaldarsi, la sua proprietà di linguaggio, il carisma  e la competenza che caratterizzavano le sue lezioni vengono meno. Il caso può essere davvero amaramente buffo, quando, come in questo caso, ad ammalarsi di Alzheimer precoce è qualcuno per cui la parola è il primo e più importante strumento di conoscenza della realtà.

Nonostante l’affetto del marito e dei figli, Alice è terrorizzata dal pensiero di perdere sé stessa. L’angoscia più spaventosa è quella di veder scivolare via i ricordi più preziosi e importanti che la tengono ancorata alla realtà, e a cui si aggrappa con le unghia e con i denti. E’ un processo che purtroppo non si può arrestare, ma che può essere affrontato con dignità e combattività, riuscendo ad assaporare, fino all’ultimo, frammenti di autenticità.

Still Alice, film tratto dall’omonimo romanzo

Still Alice è tratto dall’omonimo romanzo della neuro scienziata Lisa Genova, che, dopo l’iniziale autopubblicazione, ha venduto centinaia di migliaia di copie. La storia è, indiscutibilmente, cucita addosso a Julianne Moore, che, con la sua interpretazione costruita “in sottrazione” restituisce il cuore del dramma del personaggio. I gesti di Alice sono misurati e composti, ma non per questo meno intrisi del dolore che la malattia porta con sé, quando, non per propria volontà, bisogna rinunciare a ciò che si era, accettando un nuovo sé, sempre più ovattato e anestetizzato. Il cambiamento a cui la donna è costretta ad “assistere” è così repentino e irreversibile, che sente il bisogno di fissare una traccia necessaria forse in un futuro prossimo, e per farlo si affida alla tecnologia. Lo sdoppiamento reale e metaforico di Alice ha un che di pudico e toccante, e come tutto quello che scuote in profondità, non fa rumore.

teaser trailer still alice

Purtroppo però c’è qualcosa che stona, rispetto all’interpretazione di Julianne Moore, ed è la caratterizzazione tanto netta quanto scontata dei tre figli. Così, come in ogni famiglia cinematografica che si rispetti, c’è il ribelle, quello che ha obbedito a tutti i desideri dei genitori, e infine quello che preferisce sempre non esporsi. Tuttavia, nel complesso l’intento dei registi di Still Alice può dirsi riuscito: difficile che chi ha visto il film si dimentichi di Alice, e anzi la speranza è che se ne ricordi anche chi, tra qualche settimana, deciderà l’assegnazione degli Oscar.

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento