•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 9 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Liberalizzazioni, l’eterna lotta tra farmacie e parafarmacie

Le farmacie “hanno paura di perdere il mercato della Fascia C e così si accaniscono, presentando scenari catastrofici nell’eventualità che i farmaci con ricetta a carico del consumatore siano concessi anche alle parafarmacie. Invece, è il momento di fare una volta per tutte chiarezza”. Lo sottolinea il presidente della Federazione nazionale delle parafarmacie italiane, Davide Gullotta, riferendosi al pacchetto di liberalizzazioni – anche sul fronte dei farmaci – annunciato dal ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, e che ha immediatamente ricevuto la levata di scudi di tanti protagonisti del settore.

farmaci-2

“È innanzitutto palesemente falso – afferma Gullotta – affermare che se le parafarmacie venderanno anche i farmaci di Fascia C ci sarà un abuso di medicinali: la fascia C viaggia infatti indissolubilmente con la prescrizione medica e sempre dietro ricetta continuerà ad essere dispensata. È falso ugualmente paventare il pericolo per la salute pubblica perché nelle parafarmacie – ricorda – vigono gli stessi requisiti di sicurezza e controllo previsti nelle farmacie, oltre al fatto che nelle parafarmacie lavorano farmacisti (abilitati e inscritti all’ordine professionale), molti dei quali in passato erano a loro volta dipendenti, direttori e in alcuni casi anche proprietari di farmacia. Più nel dettaglio, per le parafarmacie, «dati alla mano, è altresì falso affermare che il ‘sistema farmacià fallisce se si liberalizza anche la Fascia C: dopo 8 anni dalla prima liberalizzazione le 17 mila farmacie italiane continuano a veicolare il 93% (dati Ims Health) dei farmaci oggi venduti anche nelle parafarmacie. La fascia C rappresenta il 16,7% del fatturato delle farmacie: se anche questa percentuale sì liberalizzasse così come è accaduto con i medicinali Sop (senza obbligo prescrizione) e Otc (da banco) le farmacie avrebbero una diminuzione di fatturato ridicola. Il grosso del fatturato per le farmacie è infatti il farmaco di Fascia A, che vale il 69,6% del mercato». Guardando all’Europa, infine, «in Germania la professione è interamente liberalizzata e i dipendenti farmacisti sono addirittura pagati come dirigenti sanitari (circa 3mila euro al mese): ciò nonostante nessuna lobby in Germania ha mai gridato al fallimento”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento