•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 13 febbraio, 2015

articolo scritto da:

Ostruzionismo made in Italy: quando la zuffa è una prassi

La zuffa da osteria nella quale, stanotte, si sono cimentati alcuni deputati del Pd e di Sel potrebbe apparire ai più come l’ennesima prova del declino irreversibile della dialettica parlamentare; del naufragio della nobile ars oratoria, frequentata un tempo con severa disciplina dai padri della Patria: la resa del dibattito intellettuale alla scazzottata, secondo quella linea involutiva che va da Cicerone a Bud Spencer. Peccato però che la storia dell’agone parlamentare italiano, sin dal post Risorgimento, sia costellata di episodi – più o meno edificanti – di duro ostruzionismo (o, per dirla all’anglosassone, di filibustering), per cui ogni nostalgico sospiro indirizzato ai tempi aurei della parola risulta ingiustificato.

“Lo scontro più drammatico”

Primavera del 1949. In Aula si discuteva se l’Italia dovesse aderire o meno al Patto Atlantico. “Fu, per unanime riconoscimento, il più aspro e drammatico scontro che si sia svolto nelle aule del Parlamento”, scrive Gianni Corbi su La Repubblica il 15 novembre del 1994. Sul Corriere della Sera – riporta sempre Corbi – si poteva leggere: “All’ improvviso ecco balzare alto sulla mischia il comunista Pajetta che, partito come un razzo dal terzo settore, con tre balzi aerei, da un settore all’altro, è piombato a tuffo nel groviglio di teste, braccia, e gambe e in quel groviglio sparisce inghiottito…”.

Ostruzionismo: la legge truffa del ’53

Dopo le barricate alzate da comunisti e socialisti nel 1951 contro il progetto di difesa civile presentato dal ministro dell’interno Scelba, altra tappa significativa dell’ostruzionismo parlamentare italiano fu la discussione sulla legge elettorale di tipo maggioritario del 1953, bollata dalla sinistra come “legge truffa”: l’Aula – riporta lo storico Giuseppe Mammarella, ripreso da Gianni Corbi – si trasformò in un ring di pugilato. Giulio Andreotti descrisse così quei momenti ad Aldo Cazzullo del Corriere della sera: “Io non sono portato a drammatizzare – sorride Andreotti – però quella volta c’era da aver paura. Le provarono tutte per interrompere la seduta; il presidente del Senato, Giuseppe Paratore, resisteva anche al lancio delle tavolette. Io ero rimasto solo al banco del governo e mi infilai in testa un cestino dei rifiuti. Parevo un marziano. Spano fu fermato prima di far precipitare sulla testa di Paratore una poltrona; mi sibilò: ‘Dopo il voto avrete un nuovo piazzale Loreto’. Paratore si dimise”.

Ostruzionismo: il record di Marco Boato

Poi fu la volta, negli anni Settanta, delle aspre bagarre in salsa Dc in occasione delle leggi sul divorzio e sull’aborto. Ma è con i radicali che l’arte dell’ostruzionismo estremo acquista nuova linfa, prima dei sabotaggi leghisti e della cartellonistica grillina con tanto di hashtag. Nel febbraio del 1981, il deputato radicale Marco Boato tenne un discorso di 18 ore e 5’ contro una norma del ddl Cossiga che riguardava il fermo prolungato da parte della polizia: record. Il regolamento vietava di leggere un discorso scritto e proibiva agli oratori di appoggiarsi al banco. Sul sito di Radio Radicale è possibile leggere questa testimonianza: “Il vicepresidente Luigi Preti, trovandosi a presiedere l’Assemblea durante la notte del 10-11 febbraio 1981, occupata da Boato, ricorse al binocolo per verificare se l’oratore si servisse di appoggi o tentasse di sedersi, e gli negò più volte di sorseggiare un cappuccino, attenendosi strettamente al regolamento, che ammette soltanto l’uso di acqua zuccherata”. Nessuna scazzottata in questo caso, ma 18 ore di discorso avrebbero steso anche Mike Tyson.

Antonio Atte

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

21 Commenti

  1. Beppe Roca ha scritto:

    Che sia uno scandalo o una scazzottata il pd c’è sempre.

  2. RANADEUS ha scritto:

    TermometroPol Ma non è che, ormai, a matteorenzi non resta che dimettersi? Preferisce essere umiliato con una #SFIDUCIA? #PD #Renzi #Fine

  3. BortolinRoberto ha scritto:

    TermometroPol Via lo stipendio ai picchiatori

  4. Anna Friscia ha scritto:

    SEL si picchia con PD, lega si azxuffa con ncd, però vengono espulsi solo i 5 stelle per aver pronunciato la parola onestà. Il parlamento italiano ormai è questo

  5. Ivano Stentella ha scritto:

    LA DEMOCRAZIA VA DIFESA CON TUTTI I MEZZI POSSIBILI

  6. Marco Camilleri ha scritto:

    I dati di fatto parlano chiaro: dove ci sono porcate, mistificazioni, ruberie, reati, soppressione della democrazia e violenza è inevitabile la presenza forte del PD!

  7. Mila Sabelli ha scritto:

    Quando il cervello lascia il posto alle mani e alla bocca !!!

  8. Maurizio Monina ha scritto:

    Elezioni subito meglio di questo schifo

  9. 59pmMagri ha scritto:

    TermometroPol queste persone di qualsiasi parte politica vanno espulse non solo da aula ma parlamento. A zero paga .

  10. Lamberto Giusti ha scritto:

    che facce da coglioni…

  11. Angelo Tataranno ha scritto:

    RISSA
    Rissa e pugni a Montecitorio
    mentre si cambia la Costituzione.
    C’è chi finisce in ambulatorio
    e chi riporta qualche lussazione.
    Molto vivace il contraddittorio:
    non sembra proprio una… “discussione”!
    In passerella un gran repertorio
    di parolacce con qualche spintone.
    Di cosa si parlasse non è noto,
    forse di regole elettorali,
    di come si può regolar il voto
    per cittadini che sono uguali.
    Regola prima : « Ogni candidato
    dev’essere campion …di pugilato!»
    VOX
    13 febbraio 2015

  12. Agata Belviso ha scritto:

    Anche peggio.

  13. Agata Belviso ha scritto:

    Pagliacci.

  14. Marco Soggiu ha scritto:

    X quale motivo. .poi non si sa’..
    Ma come è possibile che dei corrotti Bisticcino con dei corrotti.
    Mah????????

  15. Francesco Santoro ha scritto:

    Ma questi signori,si fa per dire,perlopiu’nominati,disoccupati,falliti,che ronzano in parlamento con un cellulare all’orecchio è un tablet sottobraccio,chi cazzo si credono di essere.Sono proprio una feccia e li chiamiamo onorevoli.Vorrei un redivivo Toto’ che con la sua arte li mandasse elegantemente a fff..!

  16. Fernando Giannoni ha scritto:

    Vedete che classe politica abbiamo eletto?

  17. Luigi Scarrà ha scritto:

    questa è la fotografia perfetta che raffigura i …parlamentari italia eletti in parlamento…con questo personaggi da circolo dove vogliamo andare.

  18. Arcuri Adriano ha scritto:

    Non gli danno la poltrona, che vogliono , e s incaxxxxo.

  19. Eugenio Policriti ha scritto:

    se tu mi dai na cosa a me io te do na cosa a te Se tu non mi dai na cosa a me io non ti do na coa a te e lomo campa e i coioni vanno a votà

  20. Sergio Jí Ào Radano ha scritto:

    rispecchiano il proprio popolo.

  21. Sergio Jí Ào Radano ha scritto:

    Dimmi chi ti governa e ti dirò chi sei, italia gran paese di merda. vergogna infinita.

Lascia un commento