•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 6 marzo, 2015

articolo scritto da:

Dossier Openpolis: differenze di genere nella società italiana

Nuova relazione dell’associazione Openpolis, che stavolta si concentra sulle differenze di genere presenti nella società italiana. In particolare, i settori presi in esame sono quelli della politica, delle imprese e del lavoro, comparando la presenza di uomini e donne in ruoli di responsabilità (qui il dossier completo: “Gender Equality fra politica, imprese e lavoro”).

Le pari opportunità, viene ricordato da Openpolis, sono presenti fin dall’origine della storia repubblicana: l’art. 37 della Costituzione parla di “donna lavoratrice”, mentre l’art. 117 si concentra sulla “rimozione di qualsiasi ostacolo per la piena parità uomo-donna”. Norme di principio che, purtroppo e a distanza di quasi 70 anni dall’emanazione della carta, non trovano ancora completa attuazione.

La situazione in politica

Dal punto di vista della rappresentanza, numeri e percentuali non propendono a favore del sesso debole. Anzi. “Analizzando i diversi livelli istituzionali della Repubblica – scrive Openpolis – abbiamo recensito oltre 93.000 incarichi politici, di cui poco più del 21% è ricoperto da donne. Negli ultimi anni sono stati fatti passi in avanti sulla rappresentanza di genere e infatti nella storia italiana quelli attuali sono il Parlamento (30% donne) e Governo (50% donne al suo insediamento) con la maggior presenza femminile”.  Passi in avanti non ancora sufficienti per collocare l’Italia al pari degli altri paesi occidentali.

Le imprese

Anche nell’imprenditoria i dati non sono per nulla lusinghieri. Prendendo in esame i dati riguardanti la composizione dei consigli d’amministrazione di società quotate in borsa, si nota come la presenza femminile si attesti al 22,2%. Meno di 1 consigliere d’amministrazione su 4 in Italia è donna e, sottolinea Openpolis, la situazione è nettamente migliorata negli ultimi anni, anche grazie “all’entrata in vigore della Legge sull’equilibrio di genere degli amministratori”.

La questione del lavoro

Se i precedenti due ambiti, seppur non entusiasmanti, evidenziavano comunque qualche segnale positivo, è nel lavoro che si percepisce la vera assenza di pari opportunità. Italiana ma non solo: in tutta l’Unione europea mediamente le donne sono più preparate ma hanno livelli maggiori di disoccupazione e di precarietà rispetto gli uomini, ricevendo un salario inferiore.In Italia, poi, è quasi impossibile che le donne riescano a coniugare famiglia e lavoro. Impietoso il confronto con la Danimarca, dove donne con tre o più bambini lavorano di più delle donne italiane con un bambino (77% versus 57,8%).

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento