•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 9 marzo, 2015

articolo scritto da:

Riforma province, Delrio: “In ritardo per colpa delle Regioni”

Riforma province: interviene il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del Governo Renzi Graziano Delrio: “Con le leggi di riordino le Regioni devono riprendersi le competenze che non vogliono lasciare alle Province definendo le risorse: il personale e i costi finanziari. Le leggi di riordino sono state fatte da 12 regioni su 15 ma solo la Toscana l’ha fatta completamente”.

In un’intervista a Quotidiano Nazionale Delrio spiega meglio come stanno le cose passando di fatto la parola alle Regioni: “Lo Stato ha lasciato due competenze alle Province: strade provinciali e scuole. Le altre sono in capo alle Regioni. Per questo la riforma ha qualche mese di ritardo sulla tabella di marcia, le Regioni avrebbero dovuto definire con atti ufficiali le loro competenze entro fine dicembre”

“Fino ad ora alcune competenze delle Regioni erano esercitate dalle Province senza finanziare per esempio i costi del personale: da qui nasce qualche inghippo sul loro calcolo. Quindi la chiarezza sulle funzioni diventa chiarezza sui costi”, prosegue il sottosegretario.

Riforma province, Delrio parla dei costi

I costi per le Regioni “sono chiari e legati alle responsabilità assunte”. Con la riforma delle Province “in Finanziaria è calcolato un miliardo di euro di risparmi nel 2015, grazie al riordino delle competenze e alla fine delle sovrapposizioni di servizi con altri enti”.

delrio

“Questa – conclude Delrio – è la risposta migliore a chi diceva che non si sarebbe ottenuto alcun risparmio”.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Alessandro Iacopinelli ha scritto:

    avanti con la riforma costituzionale, via il bicameralismo paritario e le province!

  2. Giancarlo De Luca ha scritto:

    Ma quale riforma hanno reso le province inutili calderoni di nominati così come sarebbe il senato e la ciliegina sulla torta una legge elettorale facsimile del porcellum con un parlamento sempre di nominati …….è tu ne sei felice?

Lascia un commento