•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 26 marzo, 2015

articolo scritto da:

Solo il 20% degli italiani disposti a difendere il proprio Paese in guerra

L’istituto di ricerca spagnolo DYM ha realizzato una serie di ricerche e sondaggi d’opinione in tutto il mondo, intervistando più di 60 mila persone in 65 Paesi, e tra i quesiti vi era quello che riguardava la possibilità di dover prendere le armi e scendere in guerra per difendere il proprio Paese.

I risultati sono stati estremamente variegati, ma non casuali.

Vi è un netta divisione tra Paesi occidentali e ad alto reddito e Paesi in via sviluppo, e in particolare la disponibilità a una guerra è minima in Europa Occidentale e in Giappone, soprattutto nei Paesi più colpiti nella Seconda Guerra Mondiale, di cui è rimasta una narrazione che ha creato strutturalmente delle generazioni radicalmente pacifiste.

Sarebbero disponibili a combattere solo l‘11% dei giapponesi, il 15% degli olandesi, il 18% dei tedeschi, il 19% dei belgi, il 20% degli italiani. Solo leggermente più alte, al 27% e al 29%, le percentuali in Francia e Inghilterra.

Se non sorprende il dato russo, 59%, polacco, 47%, greco, 54%, o addirittura bosniaco e del Kosovo, 55% e 58%, Paesi con un importante componente nazionalista, risultano piuttosto singolari i dati di alcuni Paesi scandinavi, come la Svezia e la Finlandia, dove ben rispettivamente il 55% e il 74% sarebbero disponibili a una guerra.

Al di fuori dell’Europa, se il Canada e l’Australia dimostrano di essere in linea con una cultura anglosassone e solo il 30% e il 29%, come in Inghilterra, rispondono positivamente, in USA già si sale al 44%,  ma è nei Paesi musulmani che vi è più disponibilità a una guerra per autodifesa: il 73% dei turchi, il 76% degli afghani, l’85% degli azeri, il 89% dei pakistani, l’86% dei bengalesi, addirittura il 94% dei marocchini.

In generale infatti DYM sottolinea che il 78% dei musulmani combatterebbe, contro il 51% degli ebrei e il 50% dei cattolici, globalmente.

A questo proposito va sottolineato che in Israele la percentuale di chi risponde favorevolmente al quesito è il 66%.

Nell’Est dell’Asia si rimane sempre sopra il 70%, con il 71% in Cina e il 75% in India, il 70% in Indonesia e il 73% nelle Filippine, e persino l’89% in Vietnam, forse il Paese con il sentimento più nazionalista in Asia visto il suo recente passato di guerra.

In Sudamerica si sta su valori più bassi, ma comunque superiori all’Europa: sono meno del 50% quelli disponibili a prendere le armi in Brasile e Argentina, ma il 61% in Perù e Colombia.

Vediamo tutti i dati della ricerca DYM nella seguente infografica:

Un confronto curioso può essere fatto con i risultati di altre ricerche effettuate sempre da DYM, ed per esempio quella sulla felicità, sembra che i Paesi meno propensi combattere in una guerra siano anche i più infelici, Italia, Francia, Inghilterra, Corea del Sud, sono tra quelli in cui meno del 50% degli intervistati dichiara di essere felice.

vi sono eccezioni, come la Turchia, ma anche tante conferme, i Paesi asiatici e musulmani sembrano essere, tra il 65% e i l’87%, felici, con il sentimento di felicità che raggiunge il proprio massimo in Africa subsahariana a Sudamerica, sfiorando il 90% in Nigeria e Colombia.

Sicuramente sono dati legati anche alle previsioni di un maggiore benessere economico per il 2015, come vediamo dal seguente grafico che riguarda, guarda caso, quei Paesi che si dichiarano anche più felici:

fiducia 2015

Tuttavia la coincidenza con i popoli più disponibili a prendere le armi per una guerra di difesa ci suggerisce anche alcune altre chiavi di interpretazione: pare che i meno disponibili siano proprio quei Paesi che hanno:

– o tragiche esperienze entrate nella memoria collettiva legate alla guerra come Germania, Giappone, Italia

– oppure con una cultura individualista, quindi meno propensi di quelli in cui maggiore importanza viene data alla società, al benessere collettivo, alla famiglia, e che quindi fanno dipendere la propria felicità o la disponibilità di sacrificio (appunto la difesa del Paese in guerra) proprio da questi fattori.

Che sia il maggiore benessere o fattori più strutturali, per esempio culturali e religiosi, a rendere più individualista o meno un Paese, è certamente materia di dibattito, e probabilmente la verità sta nel mezzo.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

27 Commenti

  1. Stefano Tatti ha scritto:

    dipende da quale guerra… quella che scoppierà tra poco (voluta dai soliti usa), non darà nemmeno il tempo di scegliere se si o no !!!

  2. Lorenzo Di Tommaso ha scritto:

    Piuttosto me ne scappo in Svizzera!

  3. Leonardo Vanni ha scritto:

    Certo, quel 20% che adesso appende tricolori in casa poi al momento del bisogno si spara in un piede per non partire.
    E ad ogni modo oggi come oggi conta pressoché nulla il numero a disposizione di soldati/carne da macello.

  4. Mario Spinelli ha scritto:

    Per quello che l’ Italia fa per me…è già tanto che non gli do un calcio in culo!!!!!!

  5. Lello Petrone ha scritto:

    l’Italia non mi offre nulla. Io nemmeno

  6. Guido Zaccaro ha scritto:

    Difendere la patria?..difendere corruzione e mafia?

  7. Daniele Gabrieli ha scritto:

    Direi che questo depone a favore degli italiani

  8. Pietro Faloci ha scritto:

    forse saremo costretti ad andare in guerra, ma per conto di un altro grande paese..non certo per difendere il nostro….
    ..

  9. Piero Bisicchia ha scritto:

    Difendere l’Italia perche per lasciarla in mano a questi corrotti che si sono presi il potere illegalmente.Mi dispiace di aver fatto il militare e aver dovuto perdere un anno.della mia vita per subire questo schifo.

  10. A Mario Cavalli ha scritto:

    sicuramente io SI.

  11. Luca Passantino ha scritto:

    Andassero i politici

  12. Francesco E Basta ha scritto:

    Questo dimostra perche’ questo paese è destinato a morirei e il bello per mano degli stessi italiani

  13. Domenico Costanzo ha scritto:

    ricordiamoci che per 2000 anni l’ITALIA è sempre stata un un campo di battaglia.. il DNA ora dice BASTA.. 😉

  14. Carlo Spadoni ha scritto:

    A parole nei fatti non si puo dimostrare l’attaccamento nazionale si dimostra alloccorrenza

  15. Vittorio Cobianchi ha scritto:

    Mi sembra una bellissima notizia.

  16. Pino Scapolla ha scritto:

    Prima facciamo partire i politici. ….poi ma molto poi andiamo noi.

  17. Capitan Avena ha scritto:

    solo?

  18. Roberto Vecchione ha scritto:

    Se mai combatterei contro all’ITALIANO K È UNA RAZZA DI MERDA….VIVA IL BORBONE

  19. Fernando Giannoni ha scritto:

    Sono quelli tra i 20 ed i 40 anni. Tutto regolare.

  20. Stefano Angeli Innocenzi ha scritto:

    Beh l’ itslia intesa come istituzioni e’ difficile da amare

  21. Salvatore Ciriolo ha scritto:

    A parole il 20%, nei fatti penso che la percentuale sarebbe molto molto più bassa.

  22. Cristiano Corscri Corsini ha scritto:

    Un 80% di persone sane

  23. Val En Angar ha scritto:

    Ma Guerra di CHEEE? Con tutto quello che spendiamo in politica estera… ci mancherebbe..!!

  24. Antonio Rossi ha scritto:

    Questo è il 20% di scemi.

  25. Bruno Dezi ha scritto:

    ormai è il paese delle mutande

  26. Eugenio Policriti ha scritto:

    20% di scemi! paese di maffiosi e corrotti? no grazie mene vado per le macchie

  27. Strazzulla Giuseppe ha scritto:

    è già troppo perchè questo paese non appartiene al popolo ma ai grandi speculatori

Lascia un commento