•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 6 maggio, 2014

articolo scritto da:

Ocse: ulteriore taglio del Pil. Nel 2014 sarà dello 0,5%

Un ulteriore abbassamento delle stime è quello che l’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, rivede sul Pil italiano. Già ieri l’Istat aveva rivisto le stime governative dallo 0,8% allo 0,6%. Quest’oggi l’ulteriore abbassamento allo 0,5%.

Nel 2014 si crescerà dello 0,5% quindi, a parere dell’istituzione fondata nel 1948. Per il 2015, invece, la quota è quella del 1,1%. Un risultato positivo dovuto a fiducia e taglio delle imposte e che avrà come risultato l’aumento dei “redditi delle famiglie”. Lo osserva il rapporto Economic outlook sull’Italia.

Sul debito l’Ocse parla chiaro: prima del 2016 non scenderà. Storia diversa per il rapporto deficit/Pil: “il governo italiano – afferma una nota dell’organizzazione internazionale – ha avuto successo nel portare avanti il consolidamento di bilancio nel 2013”. Tuttavia, “il livello del deficit non è sceso a causa dell’attività economica debole”. In numeri: il rapporto fra deficit e Pil resta al 2,8% del 2013 e, secondo le previsioni, scenderà al 2,7% durante il 2014 e al 2,1% nel 2015.

Ciò che può essere funzionale per tornare a crescere sono i pagamenti che la Pubblica Amministrazione deve alle imprese per le opere pubbliche ed i servizi appaltati. Così, sostiene l’Ocse, crescerà anche l’occupazione. Parla Alvaro Pereira, responsabile del dipartimento Studi nazionali dell’organizzazione: “uno dei maggiori effetti negativi della crisi è stata la contrazione del credito, soprattutto per le piccole e medie imprese, cosa che è diventata una delle principali cause dell’ampio aumento della disoccupazione in questo contesto, ciò che i governi possono fare, quando ne hanno i mezzi, è pagare i loro debiti con le aziende, in particolare le più piccole, e fornire così loro un po’ di capitale, che consenta di fare investimenti e creare posti di lavoro”.

ocse dati italia in recessione

Tuttavia non bisogna adagiarsi sugli allori: infatti il paese è “ancora vulnerabile a potenziali scossoni”, specialmente qualora si avverassero le previsioni sul debito pubblico: 134,3% nel 2014 e al 134,5% nel 2015. E i dati sulla disoccupazione non aiutano, anzi: questa, afferma l’Ocse, scenderà gradualmente nel 2015, ma di poco in quanto “il primo impatto dell’aumento della domanda di lavoro saranno probabilmente più ore lavorate”. Le cifre dei senza lavoro, secondo l’organizzazione con sede a Parigi? 12,8% nel 2014 e 12,5% l’anno successivo. Insomma, c’è ancora da lavorare. Eccome se c’è. Non solo a livello locale ma anche a livello comunitario, alla quale istituzione centrale, la Banca Centrale Europea, l’Ocse chiede di portare i tassi d’interesse a zero.

Daniele Errera

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Giò Morra ha scritto:

    me l’Italia che mi disgusta è quella che non rispetta queste regole…quello che succede di brutto nella nostra Nazione è per la mancanza di rispetto per queste regole: Art. 36.
    Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.
    La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.
    Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi…Art. 1
    L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
    La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.
    Art. 2
    La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.
    Art. 3
    Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
    È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
    Art. 4
    La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.
    Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

  2. Paolo D'Eugenio ha scritto:

    Ma come? E il miracolo Renzi? E gli 80 euro che servivano per rilanciare l’economia? Tutte balle …

Lascia un commento