•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 19 maggio, 2015

articolo scritto da:

Rassegna stampa: prime pagine martedì 19 maggio 2015

prime pagine la stampa

Prime pagine martedì 19 maggio 2015. Tutti i giornali aprono con il decreto legge arrivato dopo la sentenza della Consulta che ha bocciato il blocco delle pensioni deciso dal governo Monti. “Si spera che questa soluzione metta a tacere le interpretazioni estremistiche, quelle di chi vorrebbe la restituzione di tutto” scrive Sabino Cassese sul Corriere della Sera. Renzi ha annunciato anche che verrà cambiata la legge sulle pensioni. “Si potrà lasciare prima ma con meno soldi” spiega Repubblica. Il Tempo parla di elemosina del premieri mentre il Fatto Quotidiano attacca: “Imbrogliano i disoccupati, solo una mancia ai pensionati.Rimborsi imposti dalla Consulta spacciati come un “bonus Poletti”: Poche centinaia di euro a chi ne aspettava migliaia. E tolgono un miliardo al JobsAct per la cassa in deroga che volevano abolire”. Il Giornale parla di “truffa” con appena “50 centesimi di mancia”.

prime pagine

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

#doposci

#doposci

articolo scritto da:

10 comments
Daniele Marani
Daniele Marani

Se avevano annunciato ad ottobre un ulteriore stretta. .....pagliacci bugiardi

Giommaria Derudas
Giommaria Derudas

Il trucco sta nel ridurre di parecchio l'importo di pensione spettante

Nicola Michele Donvito
Nicola Michele Donvito

Quanti annunci senza fondamento soprattutto poco prima delle elezioni, in questo caso regionali... e tanti penosi smemorati e disinformati italioti ci cascheranno puntualmente come al solito.