•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 9 giugno, 2015

articolo scritto da:

Partito Comunista, ecco il soviet online

partito comunista logo

“E’ fatto assoluto divieto a ogni iscritto al Partito (tanto più se dirigente) fare considerazioni e analisi politiche generali autonome”. Recita così la prima delle nove regole stabilite – e pubblicate ieri sul proprio sito ufficiale – dal Partito Comunista. Obiettivo: istruire i militanti ad utilizzare “facebook ed ogni altro social-network”. D’altronde, si sa, in tempi di dilagante storytelling un tùit val bene un comizio e così anche il partitino massimalista guidato da Marco Rizzo ha sentito il bisogno di rinnovarsi e, soprattutto, di darsi un “regolamento” per affrontare le nuove sfide del marxismo-leninismo 2.0.

Il partito

La rinascita risale al gennaio 2014 quando una tre giorni congressuale ha decretato la formazione dell’ennesimo Partito Comunista, frutto di quel progetto scissionista iniziato nel 2009 con l’espulsione di Rizzo dal Partito dei Comunisti Italiani guidato da Oliviero Diliberto e proseguito con la formazione di “Comunisti-Sinistra Popolare”. Nella premessa dei Documenti Congressuali si legge che il “nuovo” partito si ispira “al marxismo-leninismo e all’esperienza della Rivoluzione d’Ottobre con piena convinzione e senso della storia”. Continuando a spulciare nel preambolo, si ritrovano passi in cui poesia e metafisica si intrecciano indissolubilmente. Come questo: “Il Social-comunismo è l’unica vera soluzione alternativa, ma per sconfiggere l’imperialismo, tanto degli USA, quanto dell’UE e degli altri paesi, il cui capitalismo è recentemente entrato in fase monopolistica, non basta la denuncia. La teoria rivoluzionaria deve trovare applicazione in una prassi altrettanto rivoluzionaria: il Partito Comunista è appunto lo strumento che unisce e organizza teoria e prassi”. Carlo Marx ne sarebbe orgoglioso.

     Schermata 2015-06-09 alle 16.26.24

 

Il decalogo

Oltre al divieto di esprimere “autonomamente” le proprie analisi politiche, all’interno del documento troviamo altre leccornie che sembrano essere scritte apposta per dare materiale a Spinoza e Lercio . Si va dal “vietato ‘taggare’ altri membri del Partito sempre su questioni politiche, storiche, filosofiche e culturali” al divieto di “usare bandiere o simboli del Partito nell’immagine del proprio account personale”, passando per le restrizioni sulla “pubblicazione di fotografie e filmati di manifestazioni del Partito” che “devono esser improntate alla massima efficacia propagandistica e consapevolezza politica dell’evento (cioè?, ndr)”. Chiude il decalogo una stringata ma essenziale disposizione: “Qualunque violazione verra’ da ora in poi deferita alla CCCG (Commissione Centrale di Controllo e Garanzia, ndr)”. Proprio quest’ultimo organo, composto da 5 membri e guidato da Guido Ricci, è chiamato a “vigilare sull’applicazione dello Statuto”. E – come recita l’articolo 15 dello Statuto rintracciabile nei Documenti Congressuali – “le sanzioni disciplinari sono articolate in: richiamo formale; sospensione temporale dall’organizzazione e/o dagli incarichi direttivi; espulsione; radiazione”. Insomma chi non segue i precetti del Comitato Centrale sul web, è fuori.

Le reazioni

Il popolo della rete, si sa, spesso manifesta cinismo e strafottenza. E talvolta, a ragione. Così dopo l’annuncio in pompa magna su facebook, i maligni si sono scatenati producendo commenti e cinguettii di genialità assoluta. Vediamone alcuni.

 

Schermata 2015-06-09 alle 16.43.47

Schermata 2015-06-09 alle 16.35.17

 

Schermata 2015-06-09 alle 16.39.48

 

La contro replica è arrivata dallo stesso sito ufficiale del Partito che ha colto l’occasione per ribadire l’eterna lotta a fianco delle “classi subalterne” contro la borghesia e in particolare “l’idea borghese della libertà di critica” e “dell’autonomia dell’individuo”. Amen.

 

Schermata 2015-06-09 alle 16.50.29

 

Giacomo Salvini

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

10 Commenti

  1. Ronni Crivellari ha scritto:

    Che sono fuori di testa, oltre che dalla storia

  2. Gianni Gavin ha scritto:

    zombie fuori dalla storia, hanno già fatto danni come i neri, riprovate nel prossimo secolo che come vanno le cose ora magari avrete successo, non come in urss di staliniana memoria.

  3. Michelangelo Turrini ha scritto:

    T.S.O.

  4. Cristopher Coflombert ha scritto:

    Sacrosanto, viste certe patetiche scaramucce di dirigenti cosiddetti comunisti su Facebook.

  5. Manoah Cammarano ha scritto:

    ah ma esiste ancora il PC? O.o
    Questa è la vera notizia!

  6. leoski ha scritto:

    Mai capito perchè tra i tanti partiti comunisti anche più rilevanti pubblicate notizie solo su questo… Forse le loro assurde iniziative possono mettere in cattiva luce tutta l’estrema sinistra italiana?

  7. Angelina Di Gregorio ha scritto:

    Ci sono ancora comunisti?

  8. Marco Camilleri ha scritto:

    patetici nostalgici del cazzo

  9. Simone T. Paschetto ha scritto:

    secondo me invece è giusto, facebook, internet, sono una giungla e va regolata, se non è possibile pensare di farlo a livello globale, ci sta che qualcuno si dia delle regole.

  10. Mimmo Ristori ha scritto:

    E se fossi un comunista che vuole usare i social network come pare a lui? Credo abbiano altri problemi, il primo riguarda i sondaggi che li vedono all’1%

Lascia un commento