•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 4 luglio, 2015

articolo scritto da:

Il debito greco e la farsa di Tsipras

In merito al dibattito in corso sulla possibile rinegoziazione del debito della Grecia urge sgomberare il campo da alcuni luoghi comuni che si stanno consolidando nell’immaginario collettivo, offuscando gravemente la capacità di giudizio dell’opinione pubblica e sospingendola a sua insaputa su posizioni autolesionistiche.

Innanzitutto non è affatto vero che i creditori si stiano accanendo ostinatamente e spietatamente sulla Grecia. Al contrario il debito greco è già stato ristrutturato nel 2012 per un valore superiore al 50% del PIL, come se all’Italia in proporzione venissero cancellati oggi debiti per più di € 800 Md. (!); per cui è evidente l’infondatezza delle accuse di avidità e di egoismo mosse alle istituzioni europee. Ancora più assurdo è parlare di difesa ad oltranza degli interessi degli istituti finanziari-le famigerate “banche francesi e tedesche”- a spese del popolo ellenico, viste le pesanti perdite da questi subite con la ristrutturazione a beneficio proprio del governo di Atene, che alcuni vorrebbero invece vittima dell’operazione. Se un soggetto A presta un’ingente somma a B e B non glie ne restituisce una parte consistente, è evidente che è  B ad aver espropriato A e non certo il contrario.

Qualcuno obietterà che siccome la Grecia è oppressa dal pagamento di interessi esorbitanti nei confronti di istituzioni usuraie, i greci meritano ugualmente la nostra solidarietà. Ma è proprio vero che la Grecia sta pagando interessi da usura? Ebbene, a dispetto delle chiacchiere in libertà, l’incidenza del servizio del debito pubblico sul PIL della Grecia è solamente del 2,6% contro il 2,7% medio dell’Eurozona e il 4,7% dell’Italia. A conti fatti quindi, con il denaro delle nostre tasse, mediante il programma europeo di assistenza, stiamo finanziando a tassi di favore un paese che paga la metà degli interessi che paghiamo noi. Davvero non siamo solidali abbastanza? Cosa dovremmo fare in più per essere solidali?

Qualcuno replicherà che non si tratta affatto di solidarietà, bensì di realismo, visto che la Grecia trovandosi sotto strangolamento fiscale, semplicemente “non è in grado di restituire i prestiti”. Senonché -i numeri sono ostinati- la pressione fiscale effettiva in Grecia è inferiore alla media europeaattestandosi solo al 34,2%: quindi pradossalmente i greci, pur pagando in media meno tasse degli altri Europei, stanno chiedendo ora agli altri europei di pagare le tasse anche per loro perché loro ne starebbero pagando troppe e -udite, udite- “non ce la fanno”. E i contribuenti italiani che pagano ancora più tasse di loro, come fanno allora? Perché dovrebbero svenarsi per prestare ulteriore assistenza alla Grecia, quando in Grecia si pagano meno tasse che in Italia? Non potrebbero i greci provare almeno a pagare le tasse in Grecia prima di venirle a riscuotere in Italia?

Infine occorre sottolineate che anche l’idea che la Grecia sia vittima di ricette sbagliate imposte dalla cosiddetta “Troika”, è sostanzialmente falsa, visto che che l’Irlanda, sottoposta ad una terapia analoga a quella greca, è uscita rapidamente dalla crisi e quest’anno ha visto scendere il rapporto debito/PIL di 9,4 punti; il Portogallo è tornato a finanziarsi con successo sui mercati e la Spagna, sottoposta ad una forma più blanda di tutela, cresce da sei trimestri consecutivi. Non è quindi legittimo pensare che la difficile situazione dell’economia ellenica sia invece imputabile a responsabilità specifiche della classe politica locale? I compagni di sventura della Grecia sembrano essere proprio di questo avviso.

Alla luce di questi dati appare del tutto falsa la rappresentazione di un’Europa che impone egoisticamente alla Grecia il pagamento di debiti insostenibili. Ci troviamo invece di fronte ad una spregiudicata operazione politica del governo di Atene volta ad ottenere un vantaggio economico (interessi ancora inferiori sui nuovi prestiti o addirittura un’ulteriore ristrutturazione) a spese della propria controparte, cioè dei cittadini europei, inclusi noi Italiani.

In estrema sintesi, quindi, Tsipras ci sta chiedendo di finanziare di tasca nostra la velleitarie promesse della sua campagna elettorale di stampo neo-comunista, trasformando il programma europeo di assistenza finanziaria emergenziale in un meccanismo permanente di sussidi a vantaggio di Atene. E’ infatti il caso di sottolineare, ove ciò non fosse chiaro, che dopo l’haircut del 2012 i creditori della Grecia sono quasi esclusivamente soggetti pubblici, le cui eventuali perdite dovrebbero essere ripianate dai contribuenti.

Proprio quest’ultima considerazione ci porta a demolire la più becera e sciocca delle argomentazioni pro-Tsipras tra tutte quelle portare avanti dalla propaganda nazional-popolare, cioè l’assurda idea che un default della Grecia metterebbe nei guai soprattutto l’odiata Germania. Infatti, mentre la Germania con un’economia in crescita, finanze statali molto solide e costi del debito bassissimi, non avrebbe alcun problema a far fronte all’eventuale perdita, l’Italia, con un’economia comatosa e finanze pubbliche precarie, avrebbe grossi problemi a tappare un ulteriore buco di bilancio e probabilmente pagherebbe la destabilizzazione dei mercati finanziari con un incremento dei costi del debito.

Per tutte queste ragioni non solo è ingiusto, ma è persino autolesionistico assecondare l’opportunismo di Tsipras.

 

Dario Bortoluzzi

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

174 Commenti

  1. Fabio Guidi ha scritto:

    Chi è causa del suo mal…

  2. Fabio Guidi ha scritto:

    Sono come i sondaggi di grillo sul suo Blog…

    • Dario Bortoluzzi ha scritto:

      L’articolo contiene informazioni false. I Fondi Salvastati e l’FMI hanno erogato finanziamenti allo stato greco, non alle banche, come dimostra il fatto che attualmente i creditori dello stato greco principalmente istituzioni pubbliche. In secondo luogo i creditori prtivati hanno pagato con una perdita di € 100 Md., quindi è falso che il piano sia servito a salvare le banche.

  3. Franco Gulino ha scritto:

    il sondaggio è su 178 mila persone e secondo te è farlocco, quelli che ti propongono i tuoi padroni su 100 persone da loro selezionate invece è buono……………… BRAVO!, ma ora prendi le medicine che è meglio.

  4. Daniele D'Orazio ha scritto:

    Il No vincera’ al 70%. Non diffondetquei falsi sondaggi commissionati dal Bilderberg

  5. Daniele D'Orazio ha scritto:

    Fabio Guidi ti piace essere intortato da sondaggi farlocchi del Bilderberg

  6. Beppe Morelli ha scritto:

    OXIIIIIIIIII

  7. Gianluca Rossi ha scritto:

    oxi!!!

  8. Francesco Guasconi ha scritto:

    Finalmente gli italioti noeuro troveranno una nuova patria nella quale trasferirsi. Auguri.

  9. Mirko Cecchini ha scritto:

    Ogni tanto qualcuno che dice le cose come stanno. Bravi.

  10. Andrea Belardi ha scritto:

    bastano queste tre immagini per sbugiardare l’articolo fazioso e falso pubblicato da termometro politico. La verità, unica e incontrovertibile è che i governi hanno regalato denaro pubblico alle banche.

  11. Massimo Garbossa ha scritto:

    Si o no,chi vincerà?Tanto alla fine pagheranno sempre gli stessi!

  12. Nicola Michele Donvito ha scritto:

    I Greci saranno i primi ad uscire, noi li seguiremo prima di quanto pensi, purtroppo per te, disinformato. 😉

  13. Nicola Michele Donvito ha scritto:

    La causa del suo mal, Fabio Guidi, è lo schiavo che non ha capito la vera natura dell’euro che serve a colonizzarci economicamente.. spegnete la tv e iniziate ad informarvi.

  14. Giampiero Censorii ha scritto:

    …speriamo che vinca il no, e che la merkel li cacci… sono zavorra…

  15. Lub Bardi ha scritto:

    l’articolista può utilmente essere reimpiegato come clown al circo, almeno a ridere volontariamente

  16. Francesco Guasconi ha scritto:

    Certo certo…

  17. Gabriele Giusto ha scritto:

    articolo veramente ben fatto e illuminante, grazie

  18. Matteo Bartolini ha scritto:

    Ciao

  19. Piero Vite ha scritto:

    Perché non scrivi dei trasferimenti dello stato agli ospedali? Non discuto che alcune classsi sociali non paghino le tasse… ma non sono le meno abbineti… e quesgli altri, come in Italia, è bene difficile far pagare loro il giusto fio!

  20. Massimo Zesi ha scritto:

    può il soerte estensore dell’articolo dirci a quanto la BCE presta i soldi alle banche?

  21. Maurizio Denaro ha scritto:

    certo che Bortoluzzi è un grande economista, forse sarà il prossimo Nobel per l’economia

  22. Davide Budu Damonte ha scritto:

    Ma in realtà conferma tutto, che film hai visto?

  23. Davide Budu Damonte ha scritto:

    178mila persone…devi essere sicuramente un esperto di statistica x credere a queste marchiane minchiate da blog acchiappaclick x ebeti Franco Gulino…

  24. Tiziano Tumiatti ha scritto:

    Che questi demagoghi piacciano agli intellettuali di sx italiani non sorprende. Che piacciano a quelli che si collocano a dx è sorprendente. Io credo di sapere chi, tra Merkel e Tsipras, avrebbe svelto Almirante.

  25. Nicola Caputo ha scritto:

    Chi ha scritto l’articolo propendere per la democrazia delle differenze al posto delle uguaglianze

  26. Edoardo Scianguetta ha scritto:

    bortoluzzi non stai bene

  27. Luciano Salardi ha scritto:

    Farsa? Neanche la colpa fosse di Tsiparas e non dell’europa del FMI e dei governi precedenti di destra e socialisti.
    Di questa merda Syrzia ha ben poche responsabilità

  28. Anna Maria Marazzi ha scritto:

    Per me sta benissimo anzi il suo articolo è per me più che condivisibile. Vede? questione di punti di vista!

  29. Andrea Ferrari ha scritto:

    Conoscendo le tue opinioni è un commento ironico. Ma forse sarebbe più utile a chi ti legge se spiegassi in modo altrettanto semplice dove sbaglia ?

  30. Edoardo Scianguetta ha scritto:

    è un’analisi miope che finge di non vedere le colpe dei creditori, che se ne frega delle condizione reale del popolo greco, che è complice con i poteri finanziari che sono il vero cancro della nostra economia..tante per cominciare.

  31. Roberto Bobbe Gammanossi Ducaconte ha scritto:

    C’e’ il PD dietro a questi articoli

  32. Anna Maria Pagano ha scritto:

    ma quale “farsa”? OXI

  33. Ludovico Fulci ha scritto:

    ..destra e sinistra (..in realtà non esistono più da 30 anni..) sono accozzaglie Mafio-massoniche, serve e lorde esecutrici di quelle dominanti anglo-statunitensi..

  34. Maurizio Denaro ha scritto:

    Scusa Andre hai ragione ma sinceramente son così tanti quelli che vogliono dire cose sulla Grecia e tra quelli che dicono qualcosa contro la posizione di Syriza non ne ho trovato uno che parta da dati reali, così mi sono stancato. Bortoluzzi, che è filosofo, si dimentica un sacco di cose: la storia degli ultimi 5 anni, le politiche imposte dalla troika, che avevavo degli obiettivi, TUTTI mancati e mica di poco. Tra questi il puù eclatante è il rapporto debito PIL che è catastrofico, tantè che il documento di 3 gg fa di FMI, mica di un marxista, dice che questo debito con le politiche attuali NON potrà essere ripagato; che le c richieste di Syriza NON sono di non pagare il debito ma di ristrutturarlo e usare politiche che dovrebbero permettere di creare risorse che possano anche essere usate per pagare il debito; che il popolo greco ha pagato prezzi altissimi come si può evincere dai dati macroeconomici e dalla qualità della vita. Insomma non prende la realtà ma usa la sua visione del tutto “religiosa”, perchè non è più neanche ideologica, per dare giudizi “morali”

  35. Adriana Labella ha scritto:

    Poi però veniamo a mangiare a casa sua Nicola

  36. Andrea Ferrari ha scritto:

    Mah, io sono confuso. Fossero tutti così ben circostanziatati i religiosi nelle loro argomentazioni.

  37. Maurizio Denaro ha scritto:

    beh i religiosi son molto circostanziati, altrimenti come ti spieghi il successo e la capacità di durare nei secoli…

  38. Andrea Ferrari ha scritto:

    In molti casi hanno circostanziato menzogne. Per quale ragione il giovane Bortoluzzi ci dovrebbe rifilare dati falsi? E se sono falsi non è facilmente dimostrabile?

  39. Maurizio Denaro ha scritto:

    ma infatti sono facilmente dimostrabili, basta leggersi Krugman, o Stiglizt, che sono premi Nobel per l’ economia. Oppure tanti di quei post che ho messo in rete che hanno fatto serie analisi comparative, pieni di dati che smentiscono tutte le “voci” da bar su cui si commenta e che sono alla base di quel che scrive il filosofo Bortoluzzi

  40. Andrea Ferrari ha scritto:

    Dario Bortoluzzi: Laureato alla Normale di Pisa, filosofo per formazione, ma analista fiscale di professione. Vita raminga tra Italia, Germania e Inghilterra. Segue con interesse e passione soprattutto la politica europea e i mercati finanziari.

  41. Maurizio Denaro ha scritto:

    rimane filosofo, non so cosa sia analista fiscale, Tremonti è il più noto fiscalista italiano e faceva risparmiare un sacco di tasse ai suoi clienti, e difatti di economia ci capiva poco

  42. Andrea Ferrari ha scritto:

    Sarà per quello allora che capisco quello che scrive !!

  43. Maurizio Denaro ha scritto:

    certo, ci sono anche i giornalisti pagati dalla troika come è stato documentato. Andrea ripeto guardiamo ai dati dopo 5 anni di troika e di governo subalterno dov’è la Grecia? Oppure vuoi credere che il problema greco l’abbia creato Tsipras?

  44. Andrea Martini ha scritto:

    TP fogna di stupidate.

  45. Andrea Ferrari ha scritto:

    Certo non Tsipras. Ma la montagna di soldi che la grecia ha avuto in prestito che fine hanno fatto ? come sono stati usati ? di chi è la responsabilità in tutto questo ? e in che modo i greci pensano di cambiare rotta per non ricadere sempre nella stessa pentola ?

  46. Andrea Ferrari ha scritto:

    Cioè… tu sostieni che la Troika avrebbe comprato 246 professori di economia greci ? Permettimi di essereun poco scettico!

  47. Maurizio Denaro ha scritto:

    non ho detto questo, ho detto che il potere domina e quindi o compra direttamente oppure “condiziona”. E difatti il mainstream economico si è fatto sentire o no? Gli Alesina, Giavazzi come mai sono stati di fatto l’unica voce che veniva presentata?

  48. Andrea Ferrari ha scritto:

    In certi casi il potere non è detto che debba aver torto, anche se facendo il suo interesse condiziona…

  49. Maurizio Denaro ha scritto:

    guarda per definizione il potere HA torto, non sarei un ricercatore se non partissi da questa assunzione, in ogni caso il problema è se fa interessi ampi se proprio non di tutti oppure di una piccola parte, che è quello che è successo in questi ultimi 30 anni

  50. Andrea Ferrari ha scritto:

    ecco, chi sfodera dogmatismi religiosi adeso sei tu ! 😉
    certo che far contenti tutti è un’impresa impossibile

  51. Maurizio Denaro ha scritto:

    nessun dogmatismo, questione di metodo, se non metti in discussione ciò che è non vai avanti, è il motore della ricerca. Per il potere poi è noto che chi ha potere alla fine lo vuole tenere e quindi bisogna combatterlo….

  52. Andrea Ferrari ha scritto:

    Il benessere che c’è in europa, negli altri continenti se lo sognano.

  53. Andrea Ferrari ha scritto:

    Quello economico intendo. Poi magari in certi luoghi sono più felici

  54. Maurizio Denaro ha scritto:

    il benessere è stato creato nel dopoguerra, dagli anni 80 si è creata ricchezza accumulata in mani di pochi a scapito dei più, dati verificabili, e poi è scoppiata la crisi del 2008, tutta legata al debito privato, cioè conseguenze delle politiche neo-con, dove i ricchi hanno continuato ad arricchirsi, dati verificabili, e poi parlano di crisi, non c’è crisi c’è spostamento di ricchezza dai più ai pochi

  55. Andrea Ferrari ha scritto:

    bene, sul discorso generale ti do ragione. è poi è quello che è sempre accaduto in passato, ma con l’invenzione del socialismo, la tassazione progressiva e la redistribuzione del reddito… qui però parlavamo del caso particolare greco. perchè si sono così inguaiati ??

  56. Giulia Partengo ha scritto:

    estorcere solo agli italiani? l’autore, italiano, mi sembra lievemente paranoico

  57. Aldo Bruno ha scritto:

    chi sostiene questa cosa è un terrorista, ecco la verità qual è! dalla parte di Tsipras e Varoufakis, i veri avversari di questo scempio pseudo-democratico!

  58. Andrea Ferrari ha scritto:

    In grecia ci sono tantissimi greci ricconi che non pagano le tasse. dati alla mano, qualcosa come 100 miliardi di euro nelle cassa svizzere. Armatori che mianacciano di lasciare il paese se verranno sottoposti al fisco. che si dia una mossa anche il popolo greco! magari con questa crisi si svegliano, sempre che non si cullino nell’alibi dell’europa cattiva.

  59. Gianpaolo Caruso ha scritto:

    Tra nn molto.causa le troppe tasse ed imposte.l italietta fara la fine dei greci…italiani svegliaaaaa

  60. Gianpaolo Caruso ha scritto:

    Comunisti…..

  61. Gianpaolo Caruso ha scritto:

    Nn mangiano bambibi ma popoli interi….andate a f…..

  62. Salvatore Caputo ha scritto:

    …e pure quelle poche evita accuratamente di prendersele….

  63. Sandro Bellisario ha scritto:

    la farsa siete voi … la gente intelligente non crede alle cazzate che scrivete!!!

  64. Mimmo Ristori ha scritto:

    Per prima cosa la colpa è dei governi precedenti e delle assunzioni folli di statali di Syrzia , comprendendo il sistema pensionistico, causa fondamentale del dissesto della spesa pubblica, poi aggiungiamoci anche la colpa dell’esosità dell’Europa; non posso dimenticare, però, che i greci si sono presi anche 35mld di denaro nostro!

  65. Alighiero Tozzi ha scritto:

    Siete vergognosi, addio

  66. Pino Iaco ha scritto:

    Ma quanto vomito vi è ancora rimasto? Ormai raccogliete qualsiasi articolo purché parli male della Grecia. Peggio delle “veline” di Fede con berluska

  67. Paolo Paschetta ha scritto:

    Interessante articolo… due domande: 34,2% di tasse greche in che modo lo avete calcolato? La povertà e la disoccupazione greca? Una farsa?

  68. Lnrd Bsc ha scritto:

    Ma sto Dario Bortoluzzi era in offerta su groupon?

  69. Edoardo Marco Beghi ha scritto:

    Che articolo di emme. Complimentoni. E dei 400.000 bambini alla fame, niente da dire? Semplice dimenticanza o siete talmente paraculi da considerarli anche loro degli “opportunisti”. Bortoluzzi, cambia spacciatore e soprattutto mestiere.

  70. Mirco Coppola ha scritto:

    veramente se lo sono prese le banche francesi e tedesche, ed è un piano che ha voluto l’UE.

  71. Di Bernardo Michele ha scritto:

    I 40 miliardi che ha dato l’Italia alla Grecia che son serviti a salvare le banche tedesche e francesi che non han fatto bene il loro lavoro di banche Quello mi raccomando non ditelo Anche voi siete dei venduti ai banchieri, i grandi responsabili della crisi https://www.facebook.com/giulia.sarti3/videos/937478076315072/

  72. Vittorio Colao ha scritto:

    Mi sembra un articolo vuoto e quasi rancoroso a tratti, con l’apice della retorica qualunquista raggiunta citando gli italiani che si svenano più dei greci (questi fannulloni). D’altra parte, mi pare di capire che Dario Bortolucci sia un “filosofo per formazione, ma analista fiscale di professione” e mi sembra chiaro che questo articolo debba essere preso per quello che è, ovvero l’opinione personale di un appassionato senza particolari competenze nel campo.

  73. Dersu Uzala ha scritto:

    zii ma questa cosa che dice dalema insomma, che su 250 miliardi 230 sono andate alle banche tedesche e francesi lo avete analizzato? siete stati così solerti a correggere Pagella Politica, non vi vorrete mica far scappare questo fact checking

  74. Fernando Giannoni ha scritto:

    Dilettanti allo sbaraglio, altro che nuova sinistra!

  75. Antonella Saltalippi ha scritto:

    mentre stavo per postare il video di d’alema in risposta, eccolo che qualcun altro ci ha pensato. francamente credo che d’alema dica la verità, così come tsipras

  76. Renato Occhiuzzi ha scritto:

    Ma che bella cazzata!

  77. Patrizia Rotta ha scritto:

    Siete un sito che si occupa di registrare gli andamenti politici nazionali e internazionali o vi occupate direttamente di propaganda?

  78. Niccolò Cuccu ha scritto:

    Che farsa questo articolo…

  79. Massimo Morra ha scritto:

    Vi cancello. Siete propagandisti dell’ultima ora!!! Non avrò più il piacere di seguirvi. Buon lavoro

  80. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Tutti pro Grecia senza un minimo di spirito critico perché fa tanto mainstream

  81. Amedeo Franchi ha scritto:

    Ottimo articolo, i cazzari che sopra dicono il contrario dovrebbero comprare i bond greci e non rompere le palle.
    Ppi vi lamentate che sanità ed istruzione fanno cagare e vi lamentate delle tasse alte.

  82. Renato Occhiuzzi ha scritto:

    iL DEBITO GRECO È VERSO LE BANCHE, NON VERSO GLI STATI…PECORONI !!!!

  83. Niccolò Cuccu ha scritto:

    Senza spirito critico non direi. Essere pro Grecia è mainstream? Ma per piacere! A me fa piuttosto riflettere il fatto che quando Renzi prometteva la fine dell’austerità in Europa veniva acclamato. Stessa cosa quando recentemente ha dichiarato invece di stare con la Germania. Chi sarebbe il pecorone allora?

  84. Amedeo Franchi ha scritto:

    Sostenere un paese corrotto ed evasore che chiede soldi è mancanza di spirito critico. Sono d’accordo con Alessandro.

  85. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Tsipras promette la fine dell’austerità e viene acclamato da estrema dx a estrema sx se non è mainstream allora è una sbornia con qualche effetto collaterale.

  86. Donatella Tiberio ha scritto:

    Sospetti, non è’ che quello che beve di prima mattina è’ proprio lei? Io me lo auguro… Senno’ sta messo male!

  87. Gianfranco Leonelli ha scritto:

    chi vi paga?

  88. Andrea Dagna ha scritto:

    Quanta ignoranza e malafede, basta, avete rotto, continuate a leccare il culo alle banche, siete scandalosi, basta, con oggi ho finito di seguirvi…

  89. Federica Stacchi ha scritto:

    Chiedilo al Portogallo.

  90. Stefano Chiaramello ha scritto:

    il debito Greco era verso le banche… dal 2012 il debito greco è in mano a altre nazioni, tra cui Germania, Francia e Italia…

  91. Niccolò Cuccu ha scritto:

    Ma con quale coraggio giudicate la Grecia per l’evasione e la corruzione? Voi non avete idea di quali siano le conseguenze dalla cure imposte della Troika per la popolazione. Tsipras è stato votato democraticamente per far pagare chi ha prodotto il disastro e per rinegoziare con le istituzioni europee e i creditori, senza però subire le condizioni unilaterali, come invece fatto dai governi precedenti, guarda caso appoggiati da Germania e Francia. Nessuna assurdità e nessun populismo.

  92. Giuseppe Coderoni ha scritto:

    Se continuiamo a tollerare Renzi e la sua cricca ci mungeranno come vacche.

  93. Herbert Lavorano ha scritto:

    Ti aggiorno: il debito verso le banche è stato assorbito dagli Stati, per cui adesso se proprio tu il creditore (se magari smetti di scrivere tutto in maiuscolo può essere che un paio di euro li riprendi)

  94. Vanni Mancini ha scritto:

    E non solo ci sono anche creditori in prima persona ,cittadini europei che hanno acquistato btp Greci e di cui non rivedranno un becco di un quattrino.

  95. Giuseppe Gullone ha scritto:

    Come vi pagano? un tanto a cazzata?

  96. Sandro Santececca ha scritto:

    Chiedo a Dario Bortoluzzi, firmatario dell’Articolo, se è più informato di un ex presidente del consiglio e per quale motivo conosce cose che evidentemente altri ben più in vista e addentro alle cose non sanno:
    http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2015/07/05/dalema-aiuti-grecia-sono-andati-a-banche-tedesche-e-francesi-in-parte-allitalia-video_1446a820-3201-422d-9648-507b02c3df7e.html

  97. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Continuando a fare i superficiali e adossando tutta la colpa alla Germania, senza mai menzionare Paesi Bassi, Baltici, Polonia ecc., quello che è stato chiesto alla Grecia era di cambiare rispetto alla politica che gli ha portati ha barare sui bilanci , a elargire pensioni non sostenibili e a combattere l’evasione. In parole poverissime ti aiuto ma cambi registro. Poi se democraticamente hanno scelto una strada diversa vorrà dire che accetteranno le conseguenze serenamente senza recriminare.

  98. Niccolò Cuccu ha scritto:

    Superficialità un par di palle! Non vuoi capire che le elezioni a livello nazionale legittimano un governo, e un governo propone le sue politiche economiche, che non sono necessariamente quelle di continuare con l’austerity. Quello che la stampa italiana ha cercato di inculcare è che i greci devono essere responsabili osservando ciò che viene deciso dalla Commissione, dal FMI e pure dalla BCE (che di per sé, non avendo un ruolo politico, non può imporre scelte in questo senso). Il governo Tsipras ha detto sin dall’inizio che la Grecia sarebbe rimasta nell’Unione e che avrebbe ripagato quanto dovuto, pur riservandosi i modi di decidere come trovare le risorse. Tutte le istituzioni appena citate si sono opposte cercando di imporre ancora tagli e privatizzazioni tramite svendite, facendo ulteriormente esasperare la situazione. Tutto questo mentre in Italia televisioni e giornali sottolineavano soltanto le inottemperanze greche rispetto a queste decisioni, nonché le presunte intenzioni di non voler ripagare nulla e di pretendere soldi a sbaffo. Questo è il messaggio che lo stesso Renzi ha voluto sposare. Ecco chi è mainstream. E infatti i piddini sono passati nel giro di pochi mesi a dire prima “Basta con l’austerity” e poi “I debiti si pagano”. Pecoroni punto e basta.

  99. Federico Domenico Lemma ha scritto:

    Ottimo aritcolo, da diffondere! Ai commentatori della domenica chiederei di rispondere con qualche numero ogni tanto!

  100. GiulioGiliberti ha scritto:

    Se  questo viene considerato opportunismo da parte di Tsipras e invece regia politica quella di qualche altro premier, allora forse dovrò rileggere la storia e soprattutto i filosofi greci. Ma, chi ha suggerito questo articolo? Faciteme ‘o piacere!
    giulio

  101. Carmine Iaconetti ha scritto:

    Arrivederci . Dopo articoli del genere come cazzo faccio a prendervi sul serio? Scrivere sotto effetto rosico fa male al fegato.

  102. EnzoGodenzo ha scritto:

    chi ha scritto l’articolo parte male…ristrutturare un debito non signfica cancellarlo !

  103. Alfredo Bartolini ha scritto:

    Mi risulta che il Popolo Greco ha pagato per il suo debito anche il 42% di interessi………..

  104. Luca Gonnelli ha scritto:

    Troppo difficile Federico…

  105. Luca Gonnelli ha scritto:

    Dopo i balli di ieri in Grecia le banche continuano ad essere chiuse. Meno male che DRAGHI c’e’. Più facile per molti italiani stare davanti ad una tastiera che per molti greci stare davanti ad un bancomat.

  106. Donatella Alfieri ha scritto:

    detto cosi sembra che sia Tsipras che voglia estorcere i soldi agli italiani. Sarebbe stato piu’ giusto sottolineare che la farsa sarebbe di coloro, che tramite la scusa della Grecia, estorcerebbero ulteriori sacrifici ai piu’ deboli, italiani del ceto medio basso compresu.

  107. Federica Stacchi ha scritto:

    Il 20 luglio la Grecia sara’ finita purtroppo ma quando arriveranno i barconi ci saranno Salvini Grillo e Brunetta ad accoglierli o no??

  108. Camilla Santoro ha scritto:

    e il DEBITO della GERMANIA? QUANDO I TEDESCHI LO SALDERANNO?

  109. Giancarlo Franzini ha scritto:

    Vergogna

  110. Lub Bardi ha scritto:

    quanto vi rode che i greci hanno fatto il dito medio al vostro padrone tedesco…

  111. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Che bello! Bastava un gesto affinché i greci stessero meglio.

  112. Lub Bardi ha scritto:

    un primo passo importante

  113. Claudia Lombardini ha scritto:

    Manutengoli proni ,se foste una unghia di Tsipras !non come Renzi che svilisce l Italia !con gli invasori e il lecchinaggio meschino di Merdel !lo avevamo il premier che dava fastidio alla culona. Ma gli svendi Italia. Lo hanno massacrato!

  114. Pingback: Il debito greco e la farsa di Tsipras « www.agerecontra.it

  115. Rosa Verde ha scritto:

    ma la finite di fare disinformazione e creare ostilità verso questo popolo che ci ha donato tanto e che ci ha insegnato la cosa più bella: DEMOCRAZIA . questo commento e per Termometro Politico

  116. Lorenzo Vame De Vidovich ha scritto:

    Ma per favore!!!!!

  117. Elena Cervo ha scritto:

    Ma com’ė che sulla mia bacheca di Fb continuano ad apparire le notizie di merda di questo sito delcazzo?

  118. Antonio Fer ha scritto:

    la seconda che hai detto.

  119. Sandro Bellisario ha scritto:

    siete identici al vostro leader..

  120. Sandro Bellisario ha scritto:

    perche’ la merda e’ ovunque…

  121. Sandro Bellisario ha scritto:

    forza mafia , forza pd , forza europa … evvaiiii

  122. Franco Balconi ha scritto:

    purtroppo credo sia vero

  123. Alessio Caddeo ha scritto:

    Vuoi che ti dicano quello che vuoi tu?

  124. Elena Cervo ha scritto:

    no,voglio che scompaia dalla mia bacheca..infatti adesso lo cancello stò schifo

  125. Davide De Tuzza ha scritto:

    Da leggere assolutamente , chiarisce la situazione.

  126. Gianluca Rossi ha scritto:

    Velleitarie proposte di uno Stato neo-comunista? In Grecia ci sono medici che campano con 400 Euro al mese e si sono visti dimezzare già due volte lo stipendio!!! Ma di che parliamo? Facciamo i fini economisti senza pensare che quei numeri sono persone!!!

  127. Roberto Bossi ha scritto:

    La prossima volta gli articoli fateli scrivere direttamente a Goebbels

  128. Gianni Mazzarella ha scritto:

    Faziosi come sempre, con la classica lettura parziale della storia e normalmente supini a fianco delle banche e dei potenti. Che poi l’Italia sia trattata dall’asse franco/tedesco alla stregua di un valletto muto….nessuna traccia

  129. Santo Scirè Risichella ha scritto:

    Come solito ognuno detiene la propria verità , quindi non mi propongo di scrivere la mia verità ma solo di chiarire nel possibile alcuni punti che l autore dell articolo a trattato in modo poco esaustivo . Primo, la crisi Irlandese nasce dalle banche coinvolte nella bolla speculativa che ha travolto gli Usa . Il problema fu risolto caricando il debito delle banche sullo stato , cioè a dire le banche giocano in borsa perdono e lo stato paga i debiti . I dati sull Irlanda dicono anche che la disoccupazione è oltre il 10% e che la decantata crescita è solo basata su previsioni . Secondo i famosi aiuti dati alla grecia dal 2012 in poi sono andati per il 69% alle banche francesi e tedesche per pagare i debiti . Quindi l europa da tedeschi e francesi intascano non certo i pensionati e lavoratori greci . Terzo vorrei che il giornalista dicesse chi certifico i bilanci greci quando ella fu ammessa all euro , perché se i greci mentirono sui bilnci qualcuno chiuse non occhio ma tutte e due . Perché lo fece ?

  130. Jan Vecoli ha scritto:

    articolo vergognoso.

  131. Anna Maria Marazzi ha scritto:

    Bravo Bortoluzzi ottimo articolo!

  132. Cristiano Cutuli ha scritto:

    Allora la gente si suicida per moda, no? Ma che articolo è? Perché non scrivete che l’haircut è stato fatto solo per i debitori privati (banche) e che i greci non hanno visto un euro dal 2012 ad ora? Secondo voi, l’Europa fa bene ad ignorare la volontà del popolo greco espressa democraticamente durante le elezioni perché non importa se la disoccupazione è al 27%, che la mortalità infantile è sopra il 20%, che non si vedo pensioni e stipendi: loro devono pagare, non si sa come, ma devono!
    Continuate con la vostra faziosità, tanto un giorno dovrà crollare tutto. Come vi comporterete?

  133. Marco Cramerotti ha scritto:

    Veramente il salario medio in Grecia e` di € 1.000 al mese pari a quello de Portogallo e superiore a quello di altri Paesi Euro. Non risulta pero` che gli altri Paesi stiano chiedendo condoni di debito.

  134. Marco Cramerotti ha scritto:

    Quanto all’hair-cut il fatto che vi abbiano partecipato solo le banche private significa solo che le banche private sono le uniche che ci hanno perso.

  135. Nicola Michele Donvito ha scritto:

    La farsa siete voi media ufficiali.

  136. Mimmo Burletti ha scritto:

    termometro ra minchia mia, a forza di lecchinare mi avete inumidito anche il pc, percio’ taglio la vostra presenza e dei vostri articoli da servi. ADDIO LECCACULO

  137. Maria Cristina Pani ha scritto:

    No caro….miei amici hanno stipendio di 480 euro al mese.due miei zii…uno ingegnere presso nota compagnia aerea e l altro bamcario hanno una pensione di 500 più o meno.

  138. Maria Cristina Pani ha scritto:

    Articolo pessimo.se la gente si fa un opinione seguendo questi qui….siamo alla frutta

  139. Laura Inès Aràoz ha scritto:

    Termometro di cosa siete? …vi saluto.

  140. Roberto Merangoli ha scritto:

    Gli aiuti sono andati alle banche greche e non al popolo greco!

  141. Danilo Mc Ustad Odisio ha scritto:

    Quanto vi dànno per quèsta disinformaziòne? Beh,sono $ buttàti. L’Irlànda,la Spàgna, ilPortogàllo (e l’Itàlia) si sono rassegnàti supinamènte ad un arretramènto micidiàle dei dirìtti del lavòro,alla precarizzaziòne istituzionalizzàta che viène “vendùta” ai pòpoli sòtto il nòme di “rifòrme”; Se la Grècia non vuòle fàrlo,ha tutto il mio appòggio! Sarànno i pàdri italiàni,ad avèr problèmi a guardàre i figli negli occhi… Per quanto riguàrda il concètto di “interèssi eccessìvi”,essi vànno rapportàti alle dimensiòni dell’economia cui si àpplicano; oppùre è demagogìa…

  142. Gilberto Fanfani ha scritto:

    la farsa la fa chi non capisce che hanno prerso la loro battaglia,i barbari della Selva Nera ,accoliti della nazikiapponen damen

  143. Enrico Suillo Mereu ha scritto:

    infatti è stato fatto sul debito detenuto dalle banche che quindi hanno perso il 50% del valore per ogni titolo. Molte poi hanno venduto e altre non hanno rinnovato le scadenze. Poi i paesi europei hanno finanziato la grecia con tassi al 2, a differenza del mercato che ne chiede al 20.

  144. Rosanna Riccitelli ha scritto:

    Vogliono continuare a fare la cicala mentre paesi più poveri della Grecia si sono indebitati per aiutarli.Vergogna! Pugno di ferro ! Grexit !

  145. Cristiano Cutuli ha scritto:

    Il tasso di interesse della Grecia è così basso perché è finanziato da organismi nazionali ed internazionali, mentre il debito degli altri paesi (Italia compresa) è in mano anche a privati. Per il resto, per spiegare tutto il movimento del denaro che c’è stato, d’Alema ha spiegato tutto benissimo l’altro giorno a Rai news.

  146. Marco Cramerotti ha scritto:

    € 1.004 netti, fonte Eurostat, non fonte mio cugino o mia cognata. https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_European_countries_by_average_wage

  147. Simone Tuzza ha scritto:

    Ma basta!!!!!

  148. Rossana Rosini ha scritto:

    Appunto: come mai si è passati da un credito privato ad un credito pubblico??? Messa così come scritto poi sembra proprio il solito discorso della guerra tra poveri (che vogliono chi decide che i poveri stiano zitti).
    Ciò che è successo in Grecia è un fatto politico …per una volta meramente politico, per fortuna!

  149. Ilaria Porrone ha scritto:

    Emanuele El Pampa Pedone questo lo apprezzerai..

  150. Franco Gulino ha scritto:

    e basta………. avete rotto i coglioni, il tendone e caduto, la verità ormai la conoscono tutti.

  151. Pino Grandinetti ha scritto:

    confermare ciò è stato lo stesso Tsipras che, nel richiedere nuovi aiuti economici alla UE, ha garantito tra l’altro un intervento sulle baby-pensioni

  152. Giusi Verde ha scritto:

    Vorrei sapere perchè termometro politico è apertamente anti-tzipras in ogni articolo… Pensavo foste una testata di informazione più o meno obiettiva e neutrale. Ki vi paka?!!

  153. Teodoro Carbone ha scritto:

    quanto imbarazzo per questo articolo…ristrutturazione del debito del 50% nel 2012? hahahaha la ristrutturazione è consistita nel passare il debito dalle banche private a quelle pubbliche di vari paesi dell’unione ed è solo per questo che il tasso d’interesse si è un pochino abbassato. le banche che “fanno credito” alla grecia sono delle avide sanguisughe punto e basta!

  154. Sergio De Simone ha scritto:

    Mio Dio siete pessimi!

  155. MassimoMatteoli ha scritto:

    Penso che nemmeno il Sig. Bortoluzzi pensi che con la grexit gli italiani ci guadagnino qualcosa, tanto che .dopo aver  spiegato perchè Tsipras ed i politici greci in genere siano solo dei profittatori di noi poveri europei, senza nemmeno un minimo di imbarazzo concluda  sostenendo che ” l’Italia, con un’economia comatosa e finanze pubbliche precarie, avrebbe grossi problemi a tappare un ulteriore buco di bilancio e probabilmente pagherebbe la destabilizzazione dei mercati finanziari con un incremento dei costi del debito “.

  156. Luca Antonini ha scritto:

    Falsa notizia.

  157. Anna Maria Marazzi ha scritto:

    Piaccia o non piaccia le cose stanno così!

  158. MarcoCramerotti ha scritto:

    Cari i miei sapientoni, ma se i bail-out europei servono solo alle banche francesi e tedesche, come mai Mr. Kalabragis ora vuole anche lui un bail-out europeo? Non vi sorge il sospetto che siano i politici greci a mangiarci? Datevi una svegliata.

  159. Alfredo Bartolini ha scritto:

    Gli unici estorsori degli Italiani sono i loro politici….che non solo rubano ma si sono fatti anche leggi per essere impuniti. Il Popolo italiano è molto paziente ma quando si incazza è capace di ELIMINARE i lestofanti…..basta attendere……..

Lascia un commento