•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 9 luglio, 2015

articolo scritto da:

Boeri (Inps) e i cinque punti per la riforma pensionistica

tito boeri, pensioni

Solidarietà: è quella che chiede Tito Boeri, presidente dell’Inps. Per la precisione auspica un contributo dalle pensioni più alte al fine di proteggere i neo disoccupati con oltre 55 anni ed aiutare le cosiddette pensioni flessibili.

Al Rapporto annuale 2014 Inps, Boeri parla fuori dai denti ed esprime proposte forti circa la sostenibilità del sistema pensioni: “abbiamo predisposto una bozza di riforma e l’abbiamo sottoposta all’attenzione dell’esecutivo”, annuncia da via Ciro il Grande (presso l’Eur, sede dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale).

I 5 pilastri della riforma delle pensioni

Le iniziative di Boeri si basano su cinque grandi pilastri. Il primo è quello di tutela per le fasce di popolazione che, uscito dal mondo del lavoro, lo ritrova con molte più difficoltà: gli over 55. Boeri parla di “reddito minimo garantito”. Solo così si “potrà superare un vizio d’origine del sistema contributivo ovvero quello di non prevedere prestazioni minime per chi non ha altri redditi e ha accumulato un montante contributivo troppo basso per garantirsi una pensione al di sopra della soglia di povertà”. Un primo intervento contro la povertà, insomma. Previdenza ed assistenza come base di partenza. Poi parla di coordinamento, Boeri: “unificare la pensione tra regimi diversi, compresa la cosiddetta gestione separata”, è doveroso. Quindi un’armonizzazione dei tassi di rendimento garantiti ai contributi.

tito boeri nel corso di un suo intervento durante un convegno

Tema: flessibilità

Boeri si sposta sulla flessibilità. Dalla Fornero in poi vi è una grande flessibilità in uscita (tutele risarcitorie forti ed attenuate). Con Renzi ed il contratto a tutele crescenti, poi, la flessibilità in uscita è cresciuta esponenzialmente. Ecco il perché della necessità della solidarietà intergenerazionale: “chi va in pensione prima deve spalmare questa cifra su molti più mesi di chi va in pensione più tardi”, perciò l’assegno pensionistico sarà più basso per chi lo incassa prima. “Posto che le pensioni siano sufficienti a garantire una vita dignitosa, senza comportare l’intervento dell’assistenza sociale, questa è una flessibilità sostenibile”.

Boeri: “Sistema pensionistico è sostenibile”

Esponendo, infine, l’ultimo pilastro (“vogliamo offrire nuove opportunità di versare contributi, che poi diventeranno un supplemento alla pensione, per chi sta già percependo un trattamento previdenziale”), Boeri si concentra sul rapporto Italia-paesi europei. Quasi sfidandoli, chiede loro: “documentate, come da oggi farà l’Inps, che il vostro sistema pensionistico è sostenibile, come in Italia”. Del resto, chiudendo la relazione: “la sostenibilità sociale di un sistema pensionistico conta non meno di quella finanziaria”.

Daniele Errera

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. MarcoBonollo ha scritto:

    Ho lanciato la petizione indirizzata “al Presidente
    del Consiglio, al Parlamento ed a tutte le forze politiche di “buona
    volontà” dal titolo:
    DIAMO LA POSSIBILITÀ, AGLI ULTRA55ENNI CHE LO
    DESIDERANO, DI RITIRARE I CONTRIBUTI PREVIDENZIALI VERSATI AD INPS E/O A
    CASSE PREVIDENZIALI PRIVATE (PROFESSIONISTI E LAV. AUTONOMI) NEL CORSO
    DELLA PROPRIA VITA LAVORATIVA, RINUNCIANDO ALLA “FUTURA” PENSIONE.
    e ho bisogno del “TUO” aiuto per diffonderla.
    Puoi prenderti 30 secondi per firmare?
    Ecco il link:
    http://www.change.org/p/presidente-del-consiglio-parlamento-ed-a-tutte-le-forze-politiche-di-buona-volont%C3%A0-diamo-la-possibilit%C3%A0-agli-ultra55enni-che-lo-desiderano-di-ritirare-i-contributi-previdenziali-versati-ad-inps-e-o-a-casse-previdenziali-private-professionisti-e-lav-a
    Una firma per sensibilizzare “governo”, “parlamento” e “forze
    politiche” sull’importanza di poter scegliere liberamente del proprio
    futuro riformando insieme l’Italia … questa è democrazia !!!!
    Grazie!

Lascia un commento