•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 8 agosto, 2015

articolo scritto da:

Legalizzazione della cannabis, uno studio rileva benefici fiscali miliardari per lo Stato

immagine di marijuana dentro una cartina con mani che la tengono tesa

I fan della legalizzazione lo sanno bene: recentemente è stata depositata in Senato dal sottosegretario Benedetto Dalla Vedova una proposta di legge per rendere legale la cannabis che reca la firma di 290 parlamentari (Pd, Forza Italia, Sel, Gal e M5S).

Altrettanto conosciuti sono ormai i benefici per le casse statali che un’azione del genere potrebbe portare, vedi ad esempio il Colorado e i suoi cittadini che si sono visti rimborsare 30 milioni di dollari di tasse grazie alle nuove entrate provenienti dalla tassazione della marijuana.

A farci riflettere ancor di più proprio su questo tipo di vantaggi è arrivato uno studio condotto da due ricercatori dell’università di Messina, Ferdinando Ofria e Piero David – pubblicato sulla rivista online laVoce.info – i quali hanno stimato che i benefici fiscali della commercializzazione della pianta si aggirano dai 5,9 agli 8,5 miliardi di euro. Per i due questa è la seconda fase di una ricerca partita già nel 2014, quando pubblicavano sulla stessa rivista un primo approfondimento sugli effetti della cannabis per quanto riguarda i conti pubblici.

immagine della cannabis

Risparmio e prevenzione del crimine

“Abbiamo applicato la stessa aliquota al 75% usata per il tabacco e prevista dalla proposta di legge – spiegano Ofria e David – considerando anche il risparmio di circa 574,7 milioni stanziati per la repressione del fenomeno, una cifra sottostimata considerando l’impegno profuso dalle istituzioni nel contrasto di traffico e spaccio di droghe leggere”. “Questa volta siamo andati più a fondo nella stima dei benefici economici – continua David – calcolando gli introiti fiscali sulla base di un imponibile ottenuto moltiplicando il consumo medio degli stupefacenti per il costo di mercato”.

Ma i vantaggi ricavabili – sottolineano ancora i due studiosi – non sarebbero solo economici. Legalizzando le droghe leggere si farebbe un bello sgambetto alle mafie e reprimerebbe la criminalità, organizzata e non: “Spacciando su vasta scala le mafie si assicurano fasce di consenso. Da un lato garantiscono lo sballo, dall’altro offrono lavoro a chi non riesce a trovare spazio nel mercato legale”. Un mercato che, tra l’altro, è spesso pericoloso per il consumatore, poiché troppo spesso la naturale marijuana viene mischiata a sostanze tossiche che ne aumentano gli effetti. Come specificato dai ricercatori infatti ” Solo attraverso la legalizzazione è possibile controllare certe sostanze. La cannabis messa in commercio dalla mafia è mescolata con sostanze pericolosissime, oppiacei e anfetamine, ad esempio. Un prodotto confezionato dal Monopolio di Stato sarebbe da questo punto di vista certamente più sicuro“.

Per non parlare, in conclusione, delle risorse che lo Stato risparmierebbe: “La legalizzazione non solo incrementa le entrate per lo Stato, ma libera anche risorse attualmente impiegate nella repressione del crimine“. Secondo i calcoli dei due studiosi la spesa pubblica per sostenere il proibizionismo è di circa un miliardo e mezzo.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: