•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 11 giugno, 2014

articolo scritto da:

Responsabilità civile dei magistrati, Napolitano: “Indipendenza non vuol dire privilegio”

sblocca italia dubbi su coperture dai tecnici servizio bilancio camera

Arriva la responsabilità civile dei magistrati. L’Aula della Camera approva a voto segreto, con 187 sì e 180 no, l’emendamento della Lega alla legge Comunitaria. A voto segreto passa per 7 voti emendamento Lega a Legge comunitaria. La votazione che ha visto soccombere la maggioranza ha avuto per oggetto l’esame sulla legge europea 2013-bis alla Camera.

L’emendamento, firmato per la Lega da Gianluca Pini riscrive l’articolo 26 sulla responsabilità civile dei magistrati. Nella nuova versione inasprite le pene nei confronti dei magistrati. Esito votazione: 187 favorevoli, 180 contrari.

“I nostri colleghi alla Camera hanno svelato con intelligenza la spaccatura interna del Pd con la loro astensione, al Senato voteremo in maniera compatta contro questo emendamento” che introduce la responsabilità civile per i giudici. Lo afferma il capogruppo M5S a Palazzo Madama Maurizio Buccarella. “Le manovre delle larghe intese non possono essere avvallate dal segreto dell’urna e specialmente su un tema così importante quale è la responsabilità civile dei magistrati”.

Nell’emendamento approvato dall’assemblea è scritto che “chi ha subito un danno ingiusto per effetto di un comportamento, di un atto o di un provvedimento giudiziario posto in essere dal magistrato in violazione manifesta del diritto o con dolo o colpa grave nell’esercizio delle sue funzioni ovvero per diniego di giustizia può agire contro lo Stato e contro il soggetto riconosciuto colpevole per ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e anche di quelli non patrimoniali che derivino da privazione della libertà personale. Costituisce dolo il carattere intenzionale della violazione del diritto”.

va sotto la maggioranza di governo renzi alla camera

Grattacapo non da poco per Renzi in visita ufficiale in Cina. Al suo rientro dovrà dipanare la matassa e capire come è possibile per la maggioranza di Governo essere battuta sui numeri alla Camera dove, almeno in teoria, dovrebbe dormire sonni tranquilli visti i rapporti di forza parlamentari tra maggioranza e opposizione.

ANM,NORMA INCOSTITUZIONALE – Presenta “evidenti profili di illegittimità costituzionale” la norma sulla responsabilità civile diretta dei giudici introdotta dalla Camera. Ed è “grave e contraddittorio che si indebolisca l’azione giudiziaria proprio mentre la magistratura è chiamata a un forte impegno contro la corruzione”. Lo sottolinea l’Associazione nazionale magistrati.

L’INTERVENTO DI NAPOLITANO – Sul tema è intervenuto anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che nel pomeriggio ha precisato che la “tutela dell’indipendenza assicurata al giudice dagli ordinamenti non rappresenta un mero privilegio”. Ma il capo dello Stato tiene a sottolineare che “serve il giusto bilanciamento” attraverso il rispetto da parte dei magistrati dei principi deontologici. Poi, in relazione alla crescente “domanda di giustizia in Italia”, chiede alla magistratura di “soddisfare le attese dei cittadini, coniugando equità e imparzialità». E di fare in modo che gli stessi giudici siano credibili attraverso il «rispetto dei principi, delle qualità, dei limiti che il ruolo del magistrato impone” .

ORLANDO, INTERVENTO ROZZO  – Sulla responsabilità civile dei magistrati “credo che ieri ci sia stato un passaggio di grande disattenzione e si è affrontato un tema delicato con un meccanismo rozzo. Un intervento che evoca la riforma ma in realtà le complica”. Così il Guardasigilli Orlando su quanto accaduto ieri alla Camera.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

11 Commenti

  1. Gianluca Dell'Isola ha scritto:

    se sarà confermata ne vedremo delle belle…

  2. Remo Max Conti ha scritto:

    eheheheh rido-rido

  3. Fernando Gallone ha scritto:

    Nooo i magistrati che rispondono dei loro frequenti errori??? Ma dove andremo a finire?? Non vorremo mica diventare uno Stato di diritto???

  4. Nicola Pedone ha scritto:

    si vuole fermare la magistratura , si vogliono fermare gli scandali !!

  5. Guido Zaccaro ha scritto:

    In tutta Europa…un magistrato (come qualsiasi cittadino)..è responsabile delle sue azioni professionali…in Italia vige una legge di memoria Fascista..per cui ..un magistrato non può mai essere messo in discussione…

  6. Walter Tizzano ha scritto:

    Leggi analoghe ci sono ovunque nel mondo e mi pare che siamo noi piuttosto a condannare solo i ladri di galline. Ben venga responsabilizzare i magistrati invece, anche perché una mancata condanna è comunque motivo di accusa

  7. Vittorio Buccarello ha scritto:

    Walter,E giusto quel che dici, Ma dimentichi che in’Italia questo e un caso particolare. Abbiamo un Parlamento di nominati, “illegittimi”, e per di più imbottito di corrotti. Questa legge, credo, non serve per quel che pensi tu (permettimi il tu) ma perchè questi hanno paura che i magistrati possono indagare e scoprie le loro ruberie. Quindi, più cercano metterli in difficoltà e di creare a questi degli ostacoli, più possibilità hanno loro di cavarsela. Se diversamente tale legge, servirebbe per il popolo, stai ben tranquillo che non si preoccuperebbero, se mai, la farebbero a vic- versa.

  8. Alessandro Sopetti ha scritto:

    I grillini si sono astenuti, come mai?

  9. Alan Ford ha scritto:

    parlava per se?

  10. GaspareSupremo ha scritto:

    Responsabilità civile dei magistrati :
    Berlusconi e Forza Italia ci ha provato . . Renzi e il PD c’è riuscito !

  11. Mauro Portoso ha scritto:

    magistratura rossa com e reagisce??è un boccone che non va giù facilmente!!

Lascia un commento