•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 13 giugno, 2014

articolo scritto da:

Commissione Ue, Cameron insiste: no a Juncker

Un articolo che assomiglia più a una lettera aperta con un destinatario preciso: la cancelliera tedesca Angela Merkel. Il premier britannico David Cameron prende carta e penna e sceglie la stampa internazionale per ribadire il suo secco no all’ipotesi che sia Jean-Claude Juncker ad assumere la carica di presidente della Commissione europea.

Il calo nell’affluenza nel corso delle elezioni europee, l’avanzata dei partiti euroscettici e l’indebolimento che la maggior parte dei partiti tradizionali hanno riscontrato è l’effetto di una politica comunitaria sbagliata, ha scritto Cameron: “Gli elettori hanno mandato un chiaro messaggio: sono delusi per come l’Europa sta lavorando. Vogliono cambiamenti affinché l’Europa si concentri su quello che sta loro più a cuore: crescita e lavoro. I risultati delle elezioni dovrebbero essere un campanello d’allarme per i leader di tutta Europa. Il futuro dell’Unione europea è in gioco”.

cameron 2

Cameron ha parlato anche della possibilità che la Gran Bretagna esca dall’Unione europea: “La posizione inglese è chiara: vogliamo che l’Ue abbia successo, che sostenga la libertà, la pace e la democrazia nel Continente e che porti prosperità”. Come farlo? Con un’Unione europea “più aperta, orientata verso l’esterno, flessibile e competitiva”.

Ma il nodo da sciogliere è quello della leadership: un braccio di ferro che vede Gran Bretagna, Svezia e Olanda contrarie alla nomina di Jean-Claude Juncker, il candidato del Partito Popolare Europeo su cui ufficialmente Angela Merkel continua a puntare. Un rebus da risolvere entro un paio di settimane, entro il vertice europeo del 26 e 27 giugno. Per il primo ministro britannico ci vuole una “leadership coraggiosa – persone pronte ad ascoltare le preoccupazioni degli elettori e ad affrontare le sfide che l’Europa ha davanti”.  E quell’uomo, secondo Cameron, non è Juncker.

Cameron contesta anche il metodo della scelta, ricordando che secondo i trattati la nomina del presidente della Commissione europea spetta ai capi di governo, che propongono un nome sul quale poi gli eurodeputati si esprimono. Ed è su questo punto che Cameron riserva il suo affondo più duro: c’è chi sostiene che “i cittadini europei hanno scelto Jean-Claude Juncker” ma per il premier britannico “coloro che hanno votato lo ha fatto per scegliere il loro deputato, non il presidente della Commissione. Juncker non si è candidato in nessun paese e non è stato eletto da nessuno”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento