•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 30 giugno, 2014

articolo scritto da:

La Gran Bretagna si spacca sull’Unione europea

Gli imprenditori vogliono rimanere. La gente vuole andarsene. In mezzo c’è Cameron con la sua promessa di indire un referendum sull’argomento. Dopo la nomina di Juncker alla Commissione europea, per la Gran Bretagna si spalanca un bivio: rimanere o non rimanere all’interno dell’Unione europea.

Ieri David Cameron ha telefonato a Juncker per complimentarsi con lui. Downing Street ha informato che i due “hanno discusso di come possono lavorare insieme per rendere l’Ue più competitiva e flessibile”. Stamattina il Telegraph ha scritto che Cameron è ancora convinto di poter concludere buoni accordi con l’Europa, ottenendo le riforme che auspica. Ma tra Londra e Bruxelles i rapporti restano freddi.

Un sondaggi condotto subito dopo la nomina di Juncker ha mostrato come in Gran Bretagna sia in aumento la voglia di lasciare l’Unione europea: il 47 per cento voterebbe per abbandonare l’Ue, mentre il 39 sceglierebbe di rimanere. Juncker condiziona le scelte dei britannici: appena il 13 per cento dice di sostenere il lussemburghese.

David Cameron

David Cameron

Cameron ha annunciato da tempo che in caso di vittoria alle elezioni dell’anno prossimo si impegnerà per indire un referendum nel 2017: in quella sede, ai britannici sarà chiesto se rimanere o meno nell’Unione europea. Il premier ha sempre sostenuto di voler convincere i suoi concittadini sull’opportunità di restare nell’Ue, ma le vicende delle ultime settimane potrebbero innescare una catena di eventi.

Le pressioni anti-Bruxelles dell’Ukip euroscettico di Farage e quelle che arrivano dall’interno del suo stesso partito, i Conservatori, mettono Cameron in una posizione scomoda. La sconfitta subita sulla nomina di Juncker brucia e continuerà a bruciare. La maggioranza dei britannici ha dimostrato di pensarla come lui sia sulla scelta del lussemburghese sia rotta presa da Bruxelles. Cameron stesso ha detto che a questo punto potrebbe essere più difficile convincere gli elettori a votare a favore dell’Unione europea.

Chi invece non ha dubbi e tifa Europa è la Cbi, la Confederation of business industry. Per le aziende britanniche, Londra deve rimanere nell’Unione europea. “L’Ue è il nostro principale mercato per le esportazioni e rimane fondamentale per il nostro futuro economico” ha dichiarato ieri all’Observer John Cridland, a capo della Cbi.

Per la Cbi tutto il dibattito intorno alla permanenza nell’Unione europea rischia solo di danneggiare gli interessi del paese: “Un’alternativa alla piena appartenenza semplicemente non funzionerebbe, lasciandoci soggetti alle sue regole senza essere in grado di influenzarle. Noi continueremo a premere affinché il Regno Unito rimanga in una riformata Unione europea” ha concluso Cridland.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: