•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 21 agosto, 2014

articolo scritto da:

Dopo il disastroso dato sul PIL italiano, la Spagna ci stacca sempre di più

manovra

“E’ un problema europeo, non italiano” così il premier Renzi ha dichiarato in seguito ai dati diffusi sul PIL congiunturale di Francia e Germania, a zero nel primo caso e in calo dello 0,2% nel secondo. Il mal comune mezzo gaudio è un espediente vecchio, si sa, ma è con Germania e Francia che l’Italia si dovrebbe confrontare?

In realtà l’altro grande Paese dei PIIGS in questi anni è stato la Spagna, che dopo almeno 15 anni in testa alle graduatorie di crescita dal 2008 si è avvitata in ua crisi provocata dalle bolle edilizia e del credito, soffrendo di quella stessa crisi dello spread di cui noi soffriamo.

Andrebbe verificato come se la stia cavando ora in confronto a noi, ebbene, da fine 2013 è in atto un costante miglioramento che la vede sovraperformare le previsioni degli economisti, segnando nel secondo trimestre 2014 un +0,6% congiunturale e un molto positivo +1,2% tendenziale anno su anno. Si tratta del quarto progresso congiunturale dopo che dal terzo trimestre 2013 vi era stato un aumento dello 0,1%, poi 0,2%, 0,4% e ora appunto 0,6%. La crisi sembra finita in Spagna e ancora più impietoso appare il confronto con l’Italia che ha potuto segnare uno 0,1% nell’ultimo trimestre 2013 per poi ricadere in recessione, una recessione in realtà mai finita.

Vediamo di seguito appunto le performances di Italia e Spagna nei tassi dicrescita trimestrali:


tradingeconomics.com

 


tradingeconomics.com

 

Come si vede per la Spagna la tendenza al recupero della crescita è netta e non equivoca, e del resto anche in passato non era stata soggetta come l’Italia a periodiche mini-recessioni come quelle che ci hanno colpito anche in periodi “di vacche grasse”. La causa della crisi economica spagnola era meno strutturale della nostra, essendo principalmente dovuta a bolle scopiate come quelle creditizia ed immobiliare, ma alcuni fondamentali erano e sono migliori: il rapporto debito/PIL iberico è al 93%, certamento decollato rispetto al 36% precedente alla crisi, ma comunque decisamente inferiore al nostro 133%, risultato di un indebitamento cronico sopra il 100% da quasi 30 anni. La spesa in rapporto al PIL supera da noi il 50%, mentre è in Spagna al 44%, sia per un servizio del debito inferiore, sia soprattutto per una tassazione minore. Così viene anche tollerato maggiormanente il rapporto deficit-PIL del 7%, comunque calato dal 10-11% cui er arrivato con la crisi, dopo gli anni addirittura di avanzo nel 2004-2008

Oltre a fattori strutturali che comunque non assolvono l’Italia che ne è sprovvista, è anche negli anni della crisi che la Spagna a dimostrato di avere più coraggio nelle riforme: sia Zapatero che poi Rajoy hanno implementato per esempio riforme del lavoro che hanno potuto abbassare il costo del lavoro, ma soprattutto favorire le assunzioni più liberamente, come effetto di una maggiore flessibilità, la stessa che certamente all’inizio ha provocato molti licenziamenti, ma ora ha creato quasi 200 mila posti di lavoro da inizio 2014, facendo diminuire di uno 1,5% l’altissimo tasso di disoccupazione.

Sono stati ridotti i giorni per anno da risarcire in liquidazione di un licenziamento, si sono introdotte misure di tipo “tedesco” come la diminuzione delle ore lavorate in presenza di diminuzione dei ricavi, così come la diminuzione dei salari e il demansionamento, una più facile deroga dai contratti collettivi, così come maggiori facilità di licenziamenti anche collettivi. Di seguito vediamo la situazione del costo del lavoro in Europa:

labour cost europe

E’ evidente che dopo la crisi economica, solo in Italia il costo del lavoro ha continuato a salire come se nulla fosse successo, al contrario di quanto accaduto in Spagna, Irlanda, Grecia, se si considera il calo del PIL è evidente come la produttività e la competitività del nostro Paese sia scivolato indietro.

La Spagna ha invece guadagnato competitività, non a caso una delle componenti della crescita dell’ultimo trimestre è l’aumento delle esportazioni, invece un po’ a sorpresa calate in Italia, nonchè l’aumnto degli investimenti, da sempre superiori a quelli nel nostro Paese.

Naturalmente vi è ancora molto scetticismo riguardo questa ripresa spagnola, i posti creati sono definiti “junk jobs”, da alcuni economisti, sottopagati, ed estremamente precari, inoltre si basano ancora come un tempo sulla ripresa del turismo e dell’edilizia, non proprio due basi solide per un Paese avanzato.

Tuttavia, come i dati sui consumi, in aumento, indicano, il livello di fiducia della popolazione è già diverso, e una cosa è discutere della robustezza o meno di una ripresa reale, e un’altra è chiedersi sgomenti perchè quella prevista dai politici non è neanche iniziata.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

12 comments
christiancaiumi
christiancaiumi

Peccato che la Spagna abbia un debito implicito mostruoso, come indicano i rilevamenti europei, mentre quello italiano è largamente sostenibile, e un rapporto debito/PIL in esplosione... Il fatto che lo stock italiano sia più alto ha ben poco significato, è il trend che conta, e quello italiano è in scarso aumento, quello spagnolo in esplosione.

In più il PIl globale spagnolo è in realtà ancora al di sotto di quello del 2010 e i riflessi sull'occupazione praticamente nulli.

Facile fare crescita quando la fai in deficit per il 7-8% all'anno, e paghi i dipendenti una fischiata, lasciandoli praticamente senza diritti. Una crescita così non serve a molto, e i dati sul debito implicito dimostrano che è completamente insostenibile. una nuova bolla si avvicina

Vito Casale
Vito Casale

Come pil assoluto sono lontanissimi.

Luca Argalia
Luca Argalia

In Spagna hanno le palle di affrontare i problemi non come da noi, In italia se c'è un problema basta rimandarlo per non fare incazzare la Cgil! 2 Italiani su dieci sono in condizioni di povera effettiva, Bè sti cazzi dobbiamo accogliere tutto il Nord Africa chi se ne frega se gli Italiani se morono de fame

Nicola Sforza
Nicola Sforza

ovvio con un governo di gente INCOMPETENTE come Renzi & co.. dove vogliamo arrivare? sono solo chiacchiere e annunci .. e pochi (e nulla) Fatti!

Alberto Sorrentino
Alberto Sorrentino

la Spagna ha fatto una serie di riforme del mercato del lavoro che se fossero proposte in Italia scoppierebbe una rivoluzione, sindacati in testa. Noi vogliamo la botte piena e la moglie ubriaca

christiancaiumi
christiancaiumi

No, noi vogliamo semplicemente lavorare in condizioni dignitose. Una crescita come quella spagnola, praticamente senza potere d'acquisto da parte della popolazione, è sostanzialmente inutile. Vista la debolezza nel manifatturiero della Spagna e il fatto che la follia mercantilista dovrà prima o poi finire, quando il debito presenterà il conto alla Spagna saranno dolori amari...

In Italia il potere d'acquisto dei redditi  è in picchiata da trent'anni, quanto dovrà calare ancora per farvi contenti? A difendere Confindustria e i ricchi ci pensano loro da soli, non hanno bisogno di voi, fidati.

Daniele Passone
Daniele Passone

La Spagna è in crescita perché spende a deficit...poi arriva ancora austerity e nuovo bagno di sangue...Ricordiamoci che la Spagna ha tassi di disoccupazione paurosi...ed è vittima del trattamento Troika...sappiamo benissimo come crescono i paesi come Grecia e Spagna,dove i dipendenti pubblici sono pagati con i buoni spesa e le pensioni sono decurtate...Ma non preoccupatevi:da settembre nuovo sistema di calcolo del PIL.Verranno conteggiati anche i proventi delle attività criminali e allora cresceremo anche noi.Diabolica sta UNIONE EUROPEA NO?

Antonio Cancro
Antonio Cancro

la solita storia con la SPAGNA, poi dopo un paio di anni si scoprew che e una patacca...giornalisti coglioni