•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 20 maggio, 2009

articolo scritto da:

Il nodo Guantanamo

obama

Il nodo Guantanamo

Obama e la maggioranza democratica al Congresso si scontrano sulla chiusura del carcere di Guantanamo. Le ragioni di un conflitto politico e giuridico, sullo sfondo dei rapporti con Cuba e della lotta al terrorismo internazionale. ANALISI

 

Il nodo Guantanamo

Pochi luoghi al mondo hanno causato noie ai presidenti americani come Guantanamo Bay. Nel 1901, Theodore Roosevelt chiese al Congresso un finanziamento straordinario per le forze armate, necessario per sostenere le spese della permanenza nei territori occupati con la guerra contro la Spagna (Portorico, Guam, le Filippine). L’esercito degli Stati Uniti si apprestava a smobilitare da Cuba, appena divenuta indipendente, ma destinata a rimanere sotto tutela americana. Sulle modalità della tutela si concentrava il dibattito politico. Fu un emendamento del Senatore Orville Plat, del partito del presidente, a vincolare i finanziamenti straordinari al mantenimento di una base navale sull’isola, poi insediata nella Baia di Guantanamo. Alcuni sostengono che dietro la mossa dei repubblicani al Congresso ci fosse la mano dei militari, e indirettamente del Segretario alla Guerra, ma le modalità con cui il Senato aveva legato le mani dell’amministrazione – e i destini di Cuba a quelli degli Stati Uniti – erano destinate a riproporsi in futuro.

[ad]Cento e otto anni dopo, un’altra maggioranza e un altro presidente sono infatti costretti a scendere a patti su Guantanamo Bay. Oggetto dello scontro: la chiusura del centro di detenzione e la sorte dei 240 enemy combatants rinchiusi al suo interno. Strumento della trattativa: gli ottanta milioni di dollari necessari per portare a termine la chiusura, già ordinata dal presidente, subito dopo l’insediamento alla Casa Bianca.

La questione è più intricata di quanto sembri. L’amministrazione Bush decise di concentrare i prigionieri della guerra in Afghanistan a Cuba per ragioni legali, oltre che di sicurezza nazionale. Sul territorio americano, sarebbe stato difficile – forse impossibile – qualificarli come “combattenti illegali” ed escluderli dalle garanzie offerte dalal Convenzione di Ginevra e dalla Costituzione. In territorio straniero, sia pure sotto il controllo degli Stati Uniti, il risultato era raggiungibile: “non sempre la Costituzione segue la bandiera”, come recita una famosa massima della Corte Suprema.

Lo status dei prigionieri è stato oggetto di un duro scontro tra il presidente Bush e i giudici federali. In Hamdan vs. Rumsfeld essi negarono che i membri di Al Qaeda e i Talebani avessero diritto allo status di prigionieri di guerra, ai sensi della Convenzione di Ginevra. Statuirono però che ai detenuti di Guantanamo dovessero essere concesse alcune delle garanzie previste della Convenzione, in particolare quelle che prescrivono le modalità di trattamento dei prigionieri.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento