•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 9 giugno, 2012

articolo scritto da:

Kirghizistan: Tra democrazia e fast food

Kirghizistan

DA LONDRA. L’Asia Centrale, come si sa, non brilla certo per rispetto dei diritti umani e per i suoi regimi democratici. I richiami di organizzazioni come Human Rights Watch sono all’ordine del giorno e, come già scritto da East Journal, anche l’Unione Europea preme per una democratizzazione politica al fine di garantire più stretti e stabili rapporti commerciali. In questo panorama il Kirghizistan rappresenta un’eccezione. Quella che fu chiamata la “Rivoluzione dei tulipani” nel 2005 portò alle dimissioni del Presidente Askar Akayev, il politico che guidava il paese dall’indipendenza del 1991. Le proteste di piazza si ripeterono nel 2010, allorché anche il nuovo Presidente Kurmanbek Salievič Bakiev fu ritenuto essere il maggior esponente di un governo rappresentante una classe politica corrotta.

[ad]L’importanza della società civile kirghisa può essere vista anche tramite il continuo aumento di gruppi organizzati di cittadini ed ONG operanti sul territorio. Secondo alcune stime nel 2010 le associazioni di cittadini kirghisi sarebbero state più di 1800, facendo del paese l’avanguardia di un fenomeno che si sta diffondendo in Asia Centrale: infatti l’aumento della partecipazione dei cittadini alla vita pubblica si registra anche in Kazakistan, in Tagikistan (dove e’ fortemente legato alle problematiche del post guerra civile) ed in Uzbekistan (dove è però non trascurabile l’ingerenza governativa).

Proprio in Kirghizistan un importante banco di prova per le associazioni di attivisti sarà il verdetto che verrà emesso nei confonti di Vladimir Farafonov, cittadino kirghiso e giornalista indipendente accusato secondo l’articolo 299 del codice penale che prevede il crimine di istigazione all’odio inter-etnico, inter-razziale o inter-confessionale. Processo che le organizzazioni kirghise per la salvaguardia dei diritti civili hanno seguito con particolare attenzione, viste le mai sopite tensioni con la comunita’ uzbeka.

Kirghizistan

Il dinamismo della società kirghisa si può riscontrare anche nella storia di Begemot, la prima catena di fast food “made in Kirghizistan” di proprieta’ dei fratelli Kim che prende dichiaratamente ispirazione da Mc Donald. I fratelli Kim nella loro catena applicano, unici nell’Asia Centrale, modalità europee: bassi salari, bonus per i dipendenti in base alle vendite fatte ed addirittura “clienti ombra” per monitare la qualita’ del servizio. Per migliorare i propri margini di profitto e rendere la gestione aziendale più proficua Begemot si avvale addirittura di consuelenza tedesca (German International Cooperation) e adotta la tecnica giapponese del “kaizen”, ossia un processo continuo di crescita del business.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments