•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 18 giugno, 2012

articolo scritto da:

Tosi, la Lega e quei rischi fatali

In molti hanno sottovalutato la simbologia riguardante il “mediamente” partecipato no-Imu day organizzato a Verona dalla Lega Nord domenica scorsa. E non tanto per le frasi ad effetto del segretario in pectore Roberto Maroni che ha inaugurato la fase di “lotta istituzionale” all’esecutivo Monti. E nemmeno per il mezzo amo lanciato nei pressi di casa PdL, della serie “volete discutere con noi? Perfetto: staccate la spina a Monti sfruttando l’irrealtà del decreto sviluppo”.

[ad]L’aspetto più interessante è infatti quello legato al destino del Carroccio a seguito delle dimissioni di Bossi. Un destino che si sta senz’altro delineando in questi giorni congressuali per il movimento di via Bellerio, ma che al tempo stesso rischia di mostrare delle criticità difficili da sanare. E proprio per questo l’aspetto simbolico assume valenza assoluta.

Iniziamo dal “luogo del delitto”: Verona. La patria di Flavio Tosi, il sindaco eletto trionfalmente al primo turno amministrativo nonostante la querelle sui presunti fondi abusivi del partito che ha sconvolto elettoralmente la Lega Nord. Tosi. Il nuovo segretario della Liga Veneta che, tramite un potente asse col neo-segretario lombardo Matteo Salvini, vuole lanciare con forza la candidatura di Maroni, quanto mai data per vincente, alla guida del movimento.

In secondo luogo consideriamo l’aspetto legato alle presenze: circa cinquemila, per quanto rumorosi, leghisti hanno riempito la piazza veronese. Non moltissimi, ma nemmeno una cifra da sottovalutare. Nonostante tutto (memori forse del mantra morettiano “mi si nota di più se vengo o non vengo”) c’erano due grandi assenti: l’ex segretario della Liga e attuale sindaco di Treviso Gobbo e il sindaco di Vittorio Veneto Da Re. Esponenti di rilievo del venetismo che non si sono fatti vedere in una piazza che forse appariva troppo come un preludio trionfale per i Barbari Sognanti.

E qui occorre fare un passo indietro. Perché in molti hanno sottovalutato ciò che è successo nel congresso veneto della Lega del mese scorso. Mentre infatti in Lombardia il maronita Salvini ha stracciato con l’80% dei consensi il suo rivale bossiano, in Veneto Tosi ha vinto nettamente ma “solo” col 58% dei voti. Tra l’altro ha ottenuto soltanto i voti, né uno di più ne uno di meno, dei delegati che avevano firmato la sua candidatura. Al tempo stesso quello che giornalisticamente veniva definito il “bossiano” Massimo Bitonci, ex sindaco di Cittadella, sostenuto tra gli altri da Gobbo ha ottenuto un 42% rispettabile.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Stefano ha scritto:

    Concordo, mi preme correggere un dato pero’ al no-imu day erano attese 5000 persone ma in realtà, a seconda dei giornali, le presenze sono state da 800 a 1000.

  2. Osservatore ha scritto:

    Sta di fatto che (stranamente) dopo i ballottaggi, la campagna mediatica contro Bossi e la Lega, condotta a partire (stranamente) dal primo giorno di campagna elettorale con le perquisizioni nella sede della Lega in via Bellerio, si è misteriosamente interrotta. Le mele marce ci sono dappertutto, mi sembra che la Lega le abbia eliminate con il bisturi, ma se riflettiamo sullo spazio esorbitante dato dai mass media a diamanti e lingotti (stranamente) prima delle elezioni, si capisce bene che c’è qualcosa che non torna. La gente non è scema: alcuni hanno capito tutto subito, altri stanno cominciando a capire, altri capiranno.

Lascia un commento