•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 16 luglio, 2012

articolo scritto da:

Termometro Finanziario: dati macro ancora depressi, la crisi potrebbe peggiorare nel resto del 2012

economia

Termometro Finanziario: dati macro ancora depressi, la crisi potrebbe peggiorare nel resto del 2012

 

Prosegue il consolidamento sulle principali piazze finanziarie nel tentativo di lasciarsi alle spalle i minimi toccati a inizio giugno. Restano vivi i motivi ribassisti che hanno caratterizzato i mercati nel corso dell’ultimo anno e che potrebbero farsi sentire nel corso di un mese, quello di agosto, in cui i mercati sono molto più sottili e quindi soggetti a forte volatilità. A riguardo il premier Mario Monti ha spinto molto verso l’immediata attivazione di una cabina di regia contro gli attacchi speculativi, ma deve rimanere ben presente che i movimenti sui mercati finanziari hanno dei fondamentali, e questi fondamentali vanno ancora deteriorandosi, spingendo gli investitori ad andare al ribasso.

[ad]Da questo punto di vista il declassamento dell’Italia attuato da Moody’s deve essere visto come piuttosto irrilevante: i motivi che lo hanno provocato sono ben noti agli investitori, e sono riassunti nell’elevata debolezza del Paese a fronte del peggioramento della congiuntura economica all’interno di una politica fiscale europea già di per sé piuttosto suicida. Il quadro è simile in molti Paesi europei: la crescita rallenta, ma si preferisce attuare politiche fiscali restrittive per rientrare dal debito e lasciare che a stimolare l’economia siano le banche centrali. Il problema è che le munizioni a disposizione della politica monetaria si stanno esaurendo, mentre, lo riconosce la stessa BCE nel suo bollettino mensile, i rischi di un ulteriore indebolimento dell’economia ancora incombono, scatenando ulteriore incertezza e contribuendo così a deprimere la crescita.

È per questo che è fondamentale che i Paesi proseguano senza indugi e incertezze a compiere riforme strutturali che riportino i bilanci in equilibrio nel lungo periodo, ma che siano pure in grado di sostenere la crescita, anche se sono piuttosto dolorose nel breve periodo: a questo dovrebbero servire, secondo l’Eurotower, riforme del mercato del lavoro volte ad aumentare la flessibilità (non la precarietà) e a mantenere la moderazione salariale, al fine di risolvere quella che è la piaga più grave e ancora non curata causata da questa crisi, ovvero la disoccupazione.

bce e crisi

Servono però anche soldi per tamponare l’emergenza e rilanciare la crescita, e questi possono essere forniti solo dai Paesi che se la passano meglio, come la Germania, ma la Merkel ha ribadito che non può esistere un universo in cui i tedeschi possano aprire il portafogli senza potere controllare come quei soldi verranno spesi, e pare difficile darle torto. Alla fin fine il problema fondamentale che tiene viva questa crisi è la drammatica assenza di credibilità che ha caratterizzato molti governi europei negli ultimi anni, ed è normale che il cancelliere tedesco, così come i mercati, sia stanco di mezzucci e scorciatoie, e chieda finalmente riforme vere.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da: