•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 19 luglio, 2012

articolo scritto da:

19 Luglio, vent’anni di antimafia

borsellino

19 Luglio, vent’anni di antimafia

 

Il 19 luglio è una data che resterà indelebile nella storia d’Italia. Emblema della barbarie mafiosa e inizio della coscienza antimafiosa che, nel nostro Paese, è nata con Falcone e Borsellino. Cosa significa vivere in una regione dove è presente la mafia? Significa vivere in un posto sottosviluppato, dove non si hanno infrastrutture, dove si viene cercati solo come serbatoio di voti, dove il clientelismo e l’omertà la fanno da padrone, dove si ha paura a far valere i propri diritti e di incrociare gli sguardi sbagliati.

[ad]Ebbene, fortunatamente, tutto questo pare stia per finire. La Sicilia è passata dall’essere una scuola di mafia ad una scuola di antimafia. Nessuno può mettere in dubbio gli sforzi enormi che tutti i giorni vengono fatti dalle forze dell’ordine nonostante i sempre minori mezzi di cui dispongono. Nessuno deve dimenticare nemmeno il lavoro che compiono magistrati e avvocati per permettere che la mafia sia arginata e combattuta giorno per giorno. I mafiosi lo sanno bene: uccidono coloro che non si piegano e spesso, in passato, questo gli è riuscito facile. Paolo Borsellino è stato ucciso esattamente 20 anni fa mentre andava a trovare sua madre in Via d’Amelio. Per essere sicuri di ucciderlo, hanno imbottito una Fiat 126 con 100 kg di tritolo. Il corpo di Borsellino fu scagliato a decine di metri dall’esplosione e trovato a pezzi. A pezzi. Uccisero un uomo dilaniandolo. Le forze dell’ordine che arrivarono dopo l’esplosione camminavano su resti umani dei loro colleghi della scorta.

via d'amelio, 19 luglio

Non so se alcuni di voi sono stati in Via D’Amelio: è una strada stretta dove sono presenti ai lati autovetture sempre parcheggiate. Proprio per questo era stato richiesto di procedere alla rimozione dei veicoli parcheggiati perché, appunto, potevano creare un pericolo. L’autorizzazione fu negata dal comune di Palermo.

Ma perché la mafia uccise Borsellino a soli due mesi di distanza da Falcone? Falcone, ricordiamo, è stato ucciso il 23 maggio sull’autostrada che dall’aeroporto di Punta Raisi porta a Palermo, esattamente all’altezza dello svincolo per Capaci. I mafiosi vollero essere talmente sicuri di ucciderlo che non esitarono a far saltare in aria un pezzo di autostrada, mettendo in pericolo le decine, se non centinaia di automobilisti che transitavano da lì.

Perché ricordiamoci che la mafia se ne frega se vanno di mezzo innocenti: devono fare un attentato e quindi non esistono danni collaterali. Tutti sono colpevoli e tutti possono morire. Ora su quel tratto di autostrada due colonne rosse, ognuna per senso di marcia, ricordano i morti uccisi per lo Stato. Ma bastano solo due colonne per ricordare il sacrificio di uomini e donne innocenti? Perché, ripeto, fu ucciso Borsellino a meno di due mesi dal suo amico Falcone? Perché la mafia stragista di Riina era ancora assetata di sangue innocente? E’ vero, dopo la morte di Falcone diventò Borsellino il bersaglio numero uno, ma forse non basta questo per replicare un’azione tanto eclatante. Borsellino sapeva che sarebbe stato il prossimo: addirittura sapeva che il carico di tritolo era arrivato a Palermo e che era destinato a lui. Ma allora se lo sapeva lui era evidente che lo sapessero altri. Perché quindi non si è cercato di far di tutto per proteggere il giudice? Questa domanda porta ad un’altra ancora più pressante: e’ vera la trattativa Stato-mafia?

(per continuare la lettura cliccare “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments