•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 20 novembre, 2012

articolo scritto da:

Verso le elezioni in Catalogna. Uscire dalla crisi o uscire dalla Spagna?

indipendenza catalogna

Verso le elezioni in Catalogna. Uscire dalla crisi o uscire dalla Spagna?

 

Barcelona, una capitale mondiale

[ad]Ricordo la prima volta che ho visitato Barcelona. Avevo appena 18 anni, era una città viva che pulsava futuro e speranza. Allora, era il 2005, ci vivevano 40000 italiani. La disoccupazione era un fenomeno assolutamente marginale. Non era frizionale ma poco ci mancava. Barcelona era un porto per migliaia di studenti Erasmus pronti a vivere i mesi più belli della loro vita in una città aperta al mondo.
Nel giro di un anno e mezzo ci tornai 5 volte. L’ultima volta mi vidi con un amico di Bologna che mi accolse chiedendomi se sentivo profumo di socialismo. Io sinceramente sentivo profumo di patatine fritte del McDonalds, ma poco importa. Nel 2005 la Catalogna era effettivamente governata dal tripartit PSC-ERC-ICV, una coalizione di sinistra guidata dalla sezione catalana del PSOE, che nello stesso momento governava anche a livello nazionale.

Barcelona, oggi

Non torno a Barcelona da ormai 3 anni. Nel frattempo, in questo periodo, ho visitato altre 15 città spagnole. Ma a Barcelona non sono tornato. Ho paura di vedere una città diversa. Ho paura di andare in una città nuova. Una città che non rappresenta più, per me, speranza di evasione, uno scoglio prossimo chiamato futuro. Barcelona, da tempo, rappresenta un altro punto della grande depressione europea. Un punto più malinconico, perché immerso nel mare della festa, della gioia e della spensieratezza che rappresenta il popolo spagnolo e chiunque sappia farsi travolgere dallo spirito di quella bella gente.

 

indipendenza catalogna

Direzione indipendenza?

Ma dove sta andando la Catalogna? Considerando il milione e mezzo (su 7) di cittadini che sono scesi in piazza nel giorno della Diada, la festa nazionale catalana, la direzione potrebbe apparire tracciata. Credo, invece, che quella manifestazione sia stata il momento di orgoglio del nazionalismo catalano ma che esista e si stia strutturando sempre più concretamente un antitetico movimento che desidera distanziarsi dalle ipotesi indipendentiste.
Ma chi sono gli indipendentisti catalani? Nell’ambito di chi si definisce indipendentista o “soberanista” o “catalanista” ci sono movimenti diversi con programmi anche molto diversi e con posizioni ideologiche profondamente diverse. Nell’ambito conservatore troviamo il partito di governo attuale, Convergencia i Unió, che in realtá sono 2 partiti (Convergencia Democratica de Catalunya e Unió Democratica de Catalunya) di cui uno è diventato indipendentista (CDC) mentre l’altro non lo è (UDC). CiU è anche il partito che ha governato ininterrottamente la Catalogna dal 1980 2003 e la governa di nuovo dal 2011. A sinistra, invece, abbiamo un partito ardentemente a favore dell’indipendenza (ERC, Esquerra Republicana de Catalunya) mentre gli altri 2 soci del vecchio tripartit hanno delle correnti indipendentiste, piú strutturate in ICV e minoritarie nel PSC.

Elezioni anticipate

Artur Más, l’attuale Presidente della Generalitat, ha convocato elezioni anticipate il 25 settembre, fissandole per il 25 di novembre. Una scelta dovuta, secondo quasi tutti i commentatori, al tentativo di conquistare una maggioranza assoluta nel Parlament, puntando tutto sul referendum per l’indipendenza. Sulle ali della grande manifestazione della Diada di cui si è detto sopra, il tentativo dell’attuale presidente è quello di concentrare l’attenzione dei cittadini sul tema dell’indipendenza evitando che ci si concentri sulle pesanti misure di austerity che anche il suo governo regionale ha messo in campo.

elezioni catalogna
Proprio per questo l’intera campagna elettorale si è giocata sul tema della nazione catalana, sulle modalità e possibilità di un referendum (impossibile stante la Costituzione spagnola vigente), sulle conseguenze di una possibile indipendenza. CiU, se vogliamo dirla tutta, ha già conquistato il primo successo, definendo ed impostando l’intera campagna.
Nei sondaggi elettorali che si sono succeduti  è evidente come CiU sia molto vicina alla maggioranza assoluta ma si nota anche come paia in crescita anche il PPC, il più strenuo difensore della tesi dell’unità spagnola, ERC, il partito più indipendentista e Ciutadans, un partito di centro-sinistra molto simile alle posizioni di UPyD in ambito nazionale spagnolo e che è strenuo oppositore delle tesi indipendentiste. In altre parole – stando ai sondaggi politici – la vera frattura che determinerà il voto di queste elezioni è quella tra indipendentismo e “costituzionalismo” spagnolo.

(Per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

Pubblicità

articolo scritto da: