•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 14 giugno, 2011

articolo scritto da:

Cosa hanno fatto ieri gli italiani

italiani

Quasi 28 milioni di persone sono andate ai seggi per i referendum. Un risultato che non si raggiungeva dal 1995

Gli elettori più istruiti e i giovani hanno trainato l’affluenza ai referendum verso il quorum, ma anche tra le fasce con titoli di studi bassi e tra gli elettori più maturi l’affluenza è stata molto significativa. Sono i dati che emergono dall’analisi congiunta svolta da Termometro Politico sui dati dell’instant poll EMG (2.800 interviste telefoniche, margine d’errore +/- 1,9%).

In particolare, l’affluenza – pari al 57% in Italia – sarebbe stata del 39% tra gli italiani con al massimo la licenza elementare, ma avrebbe superato il quorum in tutti gli altri segmenti: 57% tra chi ha la licenza media, 63% tra chi ha finito le scuole superiori e addirittura 66% tra i laureati.

La partecipazione al voto al referendum in base al livello di istruzione

Anche l’analisi dei dati per fascia d’età è molto interessante, e sembra confermare la sensazione di una grande mobilitazione tra i giovani: sotto i 25 anni si registra un afflusso alle urne notevolmente maggiore (addirittura il 64%), come pure tra i 35 e i 44 anni (63%); appena inferiori i dati dei 25-34enni (60%) e, un po’ a sorpresa, molto alta anche la partecipazione di 45-54enni (62%) e 55-64enni (60%). Decisamente più bassa, ma comunque abbastanza vicina al quorum, l’affluenza degli elettori più anziani, quelli con oltre 65 anni: 42%.

La partecipazione al voto in base alla fascia d’età

Un altro dato che conferma questa dinamica è quello relativo al tipo di intervista (circa 2.000 elettori sono stati interpellati al telefono fisso, 800 al cellulare): tra gli italiani chiamati sul portatile – tendenzialmente più giovani e urbanizzati – l’affluenza è superiore di quasi un punto e mezzo alla media.

Questi dati ci consegnano le prime basi per un’analisi approfondita del risultato, specie se incrociati a quelli già diffusi da La7 durante lo speciale di ieri relativi all’affluenza per partiti (sarebbero andati a votare il 45% degli elettori del Pdl, il 40% degli elettori della Lega, il 58% del Terzo Polo, il 78% del Pd, l’81% dell’Idv e il 75% di Sel, oltre a un sorprendente 25% di persone che si dichiarano intenzionate a non votare alle elezioni «normali»).

In sostanza, la mobilitazione è stata generale, se è vero che tra i segmenti più «difficili» e meno sensibili ai quesiti referendari – elettori di centrodestra, anziani, persone meno istruite – circa il 40% è comunque andato a votare, facilitando l’ampio superamento del quorum. D’altra parte, le dimensioni del risultato sono state rese possibili dal grande coinvolgimento dei giovani e degli italiani con livelli di scolarizzazione maggiori: e questa è a suo modo una notizia, se è vero che questi settori sembra stiano iniziando, più che a subire i processi di opinione del Paese, a guidarli.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da: