•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 11 luglio, 2011

articolo scritto da:

Ad un passo dal baratro

Il tragitto di questa manovra finanziaria è quanto mai stretto. È stretto per la complessa fase politica che sta vivendo il governo ed è stretto per la difficile situazione economica che in questo periodo attanaglia l’Europa. Dal punto di vista politico la situazione di Giulio Tremonti si è ulteriormente complicata: già sotto pressione da parte del “nocciolo duro di Forza Italia”, che gli rinfacciava una scarsa attenzione nei confronti della crescita economica e degli interventi compensativi, ad aggravare la vicenda si è aggiunto lo scandalo legato al deputato PdL, e suo ex collaboratore al ministero Marco Milanese, che ha gettato tra l’altro ombre sulla reputazione stessa del super-ministro come ben testimonia il caso dell’abitazione di via di Campo Marzio. Per non parlare poi di un certo nervosismo, ben poco celato da parte del premier, nei confronti del commercialista di Sondrio, e dell’atteggiamento della Lega Nord che, per quanto abbia ottenuto garanzie sulla possibilità di sforare il patto di stabilità da parte dei comuni virtuosi, da tempo non difende a spada tratta Tremonti come ai vecchi tempi. E se ci si pensa è forse questa una delle notizie più rilevanti della politica nostrana.

[ad]La manovra, blindata attraverso il voto di fiducia ma ancora non del tutto configurata nei suoi aspetti, si scontra contro un’opposizione desiderosa di discutere del rilancio dell’economia nazionale (in questo senso appare molto significativo l’incontro bolognese tra Bersani e Casini). La contingenza economica europea invece appare ancora più drammatica: per quanto infatti non esista una lettura unanime riguardante l’aggravio della crisi europea, e la sua conseguente instabilità dei debiti degli stati sovrani, il piano di austerity varato dal Parlamento da Atene e portato avanti dal nuovo governo ellenico non sembra tranquillizzare i mercati. Dense nubi coprono ancora le prospettive di crescita del Portogallo e negli ultimi tempi la situazione italiana sembra essersi aggravata.

La giornata di venerdì 8 luglio è stata una vera e propria Caporetto per la Borsa di Milano. Una crisi così acuta da spingere le istituzioni a far pressioni sul futuro presidente della Bce Mario Draghi che, in una dichiarazione nel primo pomeriggio, ha dovuto seminare sprazzi di ottimismo nei confronti della cura Tremonti sui conti pubblici. Il notevole calo della Borsa è dovuto all’instabilità governativa attuale, all’elevato debito pubblico e soprattutto alla bassa crescita. Insomma: tutte quelle cose prese di mira dalle agenzie di rating internazionali che però, per speculare sulla situazione italiana, si apprestano a fornire prospettive catastrofiche a mercati ancora aperti e a manovra non ancora ultimata. Da qui la presa di posizione della Consob, per ora unica nel suo genere, di richiamare all’ordine Moody’s e Standards & Poor’s e la proposta comunitaria di vietare pareri delle agenzie riguardanti i paesi “in crisi”.

Ad un passo dal baratro

Come si esce da questo stallo? Se si pratica un breve zapping tra i network giornalistici stranieri si potrà notare come l’attenzione in queste ore non si focalizza tanto sulla crisi dell’intera struttura comunitaria, ma specificatamente sull’Italia. Un’attenzione pari a quella che si registrò nei confronti della Grecia quando approvò il suo piano di austerity, con tanto di scontri fuori dal parlamento in piazza Syntagma, e a quella che ottenne il Portogallo nel corso delle sue ultime elezioni politiche. È la crisi politica che ha aggravato questa situazione e che ha reso facile la vita ad una speculazione in grado di portare in forte ribasso i listini italiani. Per non parlare poi di altri aspetti come quelli legati alla cosiddetta “Guerra di Segrate” che, a seguito della decisione della Corte d’Appello di Milano, ha portato ad una paradossale situazione dove perde il titolo Fininvest, per i soldi che deve pagare, ma al tempo stessa è negativo anche quello della Cir perché non ha ancora ricevuto i soldi!

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments