•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 17 maggio, 2013

articolo scritto da:

Fiorito si prende i soldi dei vitalizi della Regione Lazio

franco fiorito

Franco Fiorito manterrà il vitalizio derivante dalla partecipazione alla scorsa legislatura in Regione Lazio. Non è infatti passato l’emendamento, presentato dal consigliere del MoVimento Cinque Stelle Valentina Corrado, che puntava a cancellare le rendite vitalizie – non ancora pagate – dello scorso mandato regionale. Il consigliere in quota Pdl, dunque, nonostante la bufera giudiziaria che l’ha travolto causando la fine anticipata della Giunta Polverini, porta a casa il bonus senza batter ciglio. E con lui, ovviamente, anche tutti gli altri consiglieri. Questo l’esito dei lavori della IV Commissione Bilancio del Consiglio regionale, nel corso della quale i membri hanno deliberato che i vitalizi non saranno più riconosciuti a partire da questa legislatura.

[ad]Il governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha dichiarato al Corriere della Sera che “per i vitalizi del passato c’è un problema di diritti acquisiti” che potrebbe dare adito a facili ricorsi da parte degli ex consiglieri. La commissione ha stabilito che il nuovo vitalizio non sarà erogato a chi si sia macchiato di reati contro la pubblica amministrazione che come sanzione accessoria comportino l’interdizione dai pubblici uffici. Altro risultato ottenuto dai lavori è la diminuzione del budget ai gruppi consiliari, fissato ora in 5mila euro per consigliere più una quota legata al numero di abitanti in Regione.

Bocciata anche la richiesta della Corrado di abolire i vitalizi per gli assessori esterni. Altra polemica pronta a scoppiare, e sollevata nuovamente dal gruppo consiliare del MoVimento, riguarda una deliberazione, la numero 79 del 28 aprile scorso, che prevederebbe l’aumento del 30% degli emolumenti, pari a circa 30mila euro annui, del capo di Gabinetto Maurizio Venafro e del Segretario Generale della Regione Andrea Tardiola non appena la delibera in questione sarà pubblicata sul Bollettino regionale (ad oggi non è ancora stata pubblicata). La Corrado, dal blog di Beppe Grillo, denuncia “il gioco delle tre carte della Giunta Zingaretti” chiedendo di “rispettare i principi di contenimento  della spesa pubblica”. La Regione, dal canto suo, fa sapere che gli stipendi decisi per le due cariche sono inferiori a quelle dei colleghi di molte altre regioni e che proprio quella delibera rientra nell’operazione trasparenza. Zingaretti, per chiudere, ha dichiarato al Corriere che “da quando sono arrivato abbiamo tagliato 240 milioni di costi della politica, e siamo solo all’inizio. Ci siamo diminuiti gli stipendi e tagliato i vitalizi”.

Gianluca Mercuri

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. raggioli antonio ha scritto:

    Non ho capito come mai per loro la retroattività non si può usare e per gli altri si e una vergogna basta con questa gente che fa politica solo per i soldi .Pensate hai pensionati che vivono con 500.00€ al mese e a chi ha perso il posto di lavoro ai cassintegrati e agli esodati .Basta con i doppi e tripli incarichi non se ne può più.

  2. giovanna dessi ha scritto:

    che vergogna!! la gente si dà fuoco o si suicida perché ha perso il lavoro e questo essere immondo avrà anche il vitalizio!!! e i poveri pensionati che campano (si fà per dire) con 500 euro al mese
    non ricordo bene, è a piede libero o stà ancora in galera, il posto dove dovrebbe pulire il culo di tutti i detenuti sino alla fine dei suoi giorni

  3. Giacomo Allomandi ha scritto:

    Fanno SCHIFO, ma VERAMENTE SCHIFO

Lascia un commento