•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 26 settembre, 2011

articolo scritto da:

Il caso Irisbus-Iveco

Irisbus-Iveco

Il gruppo elettrogeno alimenta l’illuminazione dell’area presidiata dagli operai, che si alternano davanti allo stabilimento Irisbus di Flumeri, il quale ormai da giorni è sotto la luce dei riflettori della scena politica e mediatica. All’ingresso principale, fra i tendoni e il gazebo, la fiancata di un camion fa da sfondo alla proiezione della partita Napoli-Fiorentina, la sera di sabato 24 settembre.

[ad]Una manciata di uomini e donne, qualche ragazzino, ogni tanto un’automobile che arriva e un’altra che se ne va. C’è un gruppetto di persone che discute a due passi dal cancello della fabbrica e dal gabbiotto della sorveglianza, poi gli striscioni, reduci dalle manifestazioni dei giorni scorsi, attaccati alle sbarre. Tutto sembra testimoniare la tregua.

Nelle settimane precedenti, dopo l’annuncio della chiusura dello stabilimento da parte del Gruppo Fiat, per i lavoratori è stato un susseguirsi, imprevedibile, di eventi: l’intervento delle organizzazioni sindacali nella contrattazione, il paventato accordo con l’imprenditore molisano Massimo Di Risio, la passerella dei politici, dentro e fuori il Parlamento, la presenza massiccia a Roma, per l’appuntamento al tavolo con il Ministero dello Sviluppo Economico.

La Fiat in Irpinia ha aperto i battenti nel 1978. Per centinaia di dipendenti – circa 700 attualmente, 1800 nel periodo d’oro – e le loro famiglie è stata “mamma Fiat”, come la definisce Luigi T., 58 anni, in cassa integrazione da un anno, a due dalla pensione. Luigi non è ingrato, racconta che la Fiat gli ha dato moltissimo. Spiega che quella di Valle Ufita, oltre ad essere l’unica sede in Italia dove si producono i giganti di ferro, è anche la sola del gruppo dove si lavora senza l’alienazione della catena di montaggio, dove ciascuno è in grado di eseguire più processi invece che una sola, meccanica operazione. E tutto rispettando i ritmi dettati dalla produzione.

Luigi racconta dei primissimi tempi in azienda, quando bisognava capire come assemblare un pezzo, cosa che agli operai nessuno aveva mai spiegato. E sorride mentre mima la scena in cui lui e i colleghi di reparto girano prima in un senso, poi in un altro, il foglio con l’immagine del pezzo da montare, cercando di dare un senso a un ammasso indiscriminato di viti e bulloni.

Irisbus-Iveco

Racconta che la Fiat ha dato loro una mensa che faceva invidia ad un ristorante, controlli medici periodici, adeguate divise aziendali, riconoscimenti al raggiungimento di una certa anzianità lavorativa, regali ai figli per Natale e al conseguimento della maturità.

Dice di essere lì non tanto per sé stesso, che in qualche modo alla pensione ci arriva, ma per i lavoratori più giovani, perché è consapevole che per le prossime generazioni una vita lavorativa soddisfacente, fatta di diritti e doveri, diventa sempre più un miraggio.

Inimmaginabile, fino a poco tempo fa, una simile evoluzione della situazione nello stabilimento Irisbus: soltanto nel mese di giugno 2011, infatti, venivano completati i lavori per rinnovare le linee produttive, dotando l’azienda di attrezzature all’avanguardia, costate circa 8 milioni di euro e pagate anche con denaro pubblico. Un investimento apparentemente immotivato se si pensa che i dati relativi alle commesse, cioè la diminuzione delle richieste dalle 717 unità del 2006 alle 145 del primo semestre 2011, non potevano che essere già noti.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments