•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 13 settembre, 2013

articolo scritto da:

Rehn: “Italia, male gli ultimi dati economici” Letta: “Serve credibilità, no crisi di governo”

“Gli ultimi dati economici sull’Italia non sono buoni, per assicurare il ritorno della ripresa è essenziale la stabilità politica”. Parola di Olli Rehn, purtroppo. Lancia l’allarme sui conti pubblici italiani il Commissario europeo per gli Affari Economici e Monetari e la notizia non è di certo delle migliori.

Le recenti stime sul Pil (nel II trimestre -0,3% congiunturale e -2,1% tendenziale) non sembrano infatti convincere gli osservatori europei ed ecco tornare l’allarme.

Intercettato poco prima di entrare all’Ecofin, al via oggi in Lituania, Rehn ci mette in guardia: “L’Italia ha avuto alcune turbolenze politiche, ma ora si concentri sulle riforme economiche”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem: “Per l’Italia la cosa più importante è la stabilità politica”.

Olli Rehn

Quasi a rispondere alle preoccupazioni dell’establishment dell’Ue, l’intervento del Presidente del Consiglio Enrico Letta alla 47esima Settimana Sociale dei cattolici italiani: “I prossimi mesi saranno molto importanti per la credibilità del nostro paese. Affinché i debiti vengano ripagati, bisogna essere seri. Chi compra il debito di un paese sull’orlo di un vulcano in ebollizione? Nessuno”. In poche parole: l’Italia non si può permettere una crisi di governo, il mio governo andrà avanti e i conti andranno a posto.

Dal palco del Teatro Regio di Torino, il premier ha fatto il punto sullo stato di salute dei conti italiani: “Per chi governa il paese in questo momento il debito è un incubo. L’Italia di oggi fatica perché si è voluto risolvere i problemi di ieri con le risorse di oggi. Il paese è credibile se mantiene i suoi impegni con serietà, per questo dobbiamo impegnarci per continuare ad essere credibili. Ci si salva solo se ci sarà fiducia e la fiducia passa per la responsabilità di ciascuno di noi e la capacità di ognuno di fare la sua parte”.

Sulle difficoltà del suo governo, da Letta arriva una frecciata, neanche troppo velata, all’opposizione e in particolare al M5S: “Ogni tanto sento dire che non abbiamo fatto niente, che non stiamo facendo niente. La fatica che stiamo facendo nel tenere in piedi il governo e le istituzioni di questo paese in un momento come questo è una fatica enorme, ve lo assicuro” si sfoga Letta. E giù applausi dalla platea.

letta ed imu

Poco prima di concludere il suo discorso, il premier ha poi affrontato il tema dell’istruzione e dell’integrazione, fondamentali per ripartire: “Adesso dobbiamo uscire dall’emergenza: in quest’ottica l’educazione va messa al centro. Oggi i bambini imparano subito a non avere nessun problema rispetto alla presenza di colori diversi. Dobbiamo tornare ad essere come bambini: dobbiamo cogliere questo messaggio di candore e straordinaria semplicità”

Passa poi al diritto allo studio (“Oggi è alla rovescia. Troppi giovani si laureano e poi non trovano lavoro. Bisogna assolutamente intervenire”) e chiude su un’analisi demografica dell’Italia, citando S. Agostino: “Qual è la caratteristica che ti crea maggiori problemi per il nostro Paese? Non ho dubbi: siamo una società sterile, che non fa figli, che ha perso e sta perdendo il senso della vera scommessa della vita. Un campanello d’allarme sul futuro che sta suonando da almeno un decennio e al quale noi dobbiamo dare delle risposte”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: