•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 22 settembre, 2013

articolo scritto da:

Governo, Saccomanni minaccia le dimissioni

Imu, incontro tra Anci e Governo

Il ministro dell’Economia e delle Finanze, Fabrizio Saccomanni, non ci sta. Le continue pressioni sulla politica economica, da parte di Pdl e Pd, hanno spinto l’inquilino di Via XX Settembre ad alzare la voce. E a paventare l’ipotesi di dimissioni.

“Ho una credibilità da difendere e non ho alcuna mira politica”.  Credibilità che verrebbe meno nel caso in cui il ministro cedesse alle pressioni dei partiti della maggioranza, smentendo quanto detto pochi giorni fa a proposito dell’impossibilità di non aumentare l’Iva se si procede con l’abolizione dell’Imu.

A buttare benzina sul fuoco è poi la consapevolezza di aver sforato, anche se di pochi decimali, il tetto del 3% nel rapporto deficit/Pil, cosa che potrebbe costare all’Italia una nuova procedura d’infrazione: un danno di immagine notevolissimo, per un paese che vi è uscito solo da qualche mese.

Saccomanni

Da questo quadro emerge una situazione delicatissima per l’economia italiana, con un governo che ha sempre meno margini di manovra: appena si è deciso di allentare l’austerity, dando il via libera al rifinanziamento della cassa integrazione e allo sblocco dei pagamenti arretrati della PA alle imprese, il paese è ripiombati nell’incubo deficit, prendendosi i rimbrotti di Bruxelles.

Come se non bastasse, il clima pre-elettorale (ritorno di Forza Italia, congresso del Pd) certo non fa bene alla salute dell’esecutivo. “Io non mi metto alla disperata ricerca di un miliardo se poi a febbraio si va a votare. Tutto è inutile se la campagna elettorale è già iniziata”, ha sbottato Saccomanni.

Quello che sconcerta il ministro sono poi i toni populisti e antieuropei del Pdl, con il continuo refrain dei sacrifici imposti dall’Europa senza però mai dire che il rispetto degli impegni è scritto in leggi e decreti votati dal Parlamento e il pareggio di bilancio è addirittura una norma costituzionale.

Che senso ha avuto allora votare il Fiscal compact? “Gli impegni vanno rispettati, altrimenti non ci sto”, il paese deve mantenere gli “impegni sui conti pubblici o mi dimetto” , ha aggiunto il ministro.

Le parole del ministro, tuttavia, hanno dato adito ad una nuova polemica con il centrodestra. “Le sue parole non fanno paura – ha detto Maurizio Gasparri – Letta prenda la responsabilità dell’Economia”. E Fabrizio Cicchitto aggiunge: “Se vuole fare il premier diventa un problema”. Renato Schifani contrattacca: “Abbia più coraggio in politica economica”.

A prendere le difese di Saccomanni è il suo vice Stefano Fassina: “Saccomanni è molto preoccupato rispetto alla situazione della finanza pubblica e alla demagogia che segna una parte della maggioranza che sostiene il Governo Letta”. “L’invito che rivolgo – aggiunge il viceministro – è quello di confermare l’eliminazione dell’Imu per il 90% delle famiglie e lasciarla sul 10% delle abitazioni di maggior valore, quelle sulle quali si paga mille euro o più. Così recuperiamo un miliardo”.

Il tutto mentre, da Palazzo Chigi, Letta esprime vicinanza al suo ministro dell’economia e piena sintonia con lui: “In politica economica, ribadiscono le stesse fonti, le soluzioni si possono trovare e i margini ci sono. Ma ora basta con gli ultimatum e gli aut aut al governo da parte delle forze di maggioranza”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento