•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 22 settembre, 2013

articolo scritto da:

Germania, Merkel stravince, nodo alleanze

unione europea

Aggiornamento: Germania, dimissioni per il leader liberale, contatti Merkel-Spd

Il risultato finale delle elezioni tedesche conferma quanto emerso già ieri dalle proiezioni di Zdf e Ard. L’Unione cristiano democratica di Angela Merkel (dunque la Cdu e la bavarese Csu) stravince ottenendo il 41,5% dei voti e conquista 311 seggi al Bundestag, su un totale di 630. Per la maggioranza assoluta però ne mancano 5 e, soprattutto, non c’è una forza potenzialmente alleata che possa colmare la lacuna.

I socialdemocratici (Spd), con il loro 25,7%, portano a casa 192 deputati. Vicinissimi nel risultato la sinistra (Die Linke) e i Verdi, con la prima che supera di pochissimo i secondi: la Linke ottiene 64 seggi, i Gruenen 63. Decisamente insoddisfatti i liberati della Fdp, fermi al 4,8% e dunque fuori dal Bundestag: un risultato analogo al 4,7% del “partito anti-euro” AfD, che però è nato da pochissimo, mentre i liberali hanno una storia ben più lunga e nobile. 

Angela Merkel, terza vittoria consecutiva per lei

Angela Merkel, terza vittoria per lei

Già oggi la cancelliera riconfermata ha iniziato le ricerche del sostegno che le manca per la formazione del suo nuovo governo: in una conferenza stampa ha dichiarato di avere avuto i primi contatti con la presidenza della Spd, manifestando “apertura” a discutere la formazione di un esecutivo con i socialdemocratici. Una sorta di revival della sua prima esperienza di governo (2004-2009), che però punì alle urne la Spd (che dunque non è certo pienamente disponibile, il partito ne parlerà venerdì). Unica altra ipotesi plausibile in campo, del resto, sarebbe una coalizione coi Verdi, di cui non sarebbe ancora stata sondata la disponibilità.

Sul piano politico europeo, la Merkel ha già fatto sapere di non vedere alcuna necessità di cambiamento: “Dieci anni fa eravamo il malato d’Europa e siamo riusciti a diventare un punto di riferimento di stabilità. Ciò che abbiamo raggiunto in Germania possono raggiungerlo anche gli altri. Il processo non passa solo attraverso il risparmio ma anche attraverso il raggiungimento di una maggiore competitività e fiducia da parte degli investitori”.

Nel frattempo, dopo la dolorosa sconfitta di ieri, fonti del partito dei liberali (Fdp) danno per inevitabili le dimissioni del leader Philipp Roesler, che nell’esecutivo guidato tuttora dalla Merkel è vice cancelliere e ministro dell’Economia: con lui si dimetterebbe tutto il presidio liberale.

(Per continuare a leggere cliccate su “2”)

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento