•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 9 ottobre, 2013

articolo scritto da:

“Manovrina” finanziaria in arrivo, rifinanziata la cassa integrazione

(09/10/2013) “Manovrina” finanziaria in arrivo, rifinanziata la cassa integrazione

In arrivo una mini manovra economica (già ribattezzata “manovrina”) per correggere i conti pubblici e riportare il rapporto deficit/Pil al di sotto del 3%, dopo i moniti di Bruxelles delle scorse settimane.

I provvedimenti più importanti contenuti nel decreto sono il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga per le piccole e medie imprese, con uno stanziamento pari a 330 milioni, e il rifinanziamento della social card per circa 35 milioni.

Altra boccata d’ossigeno per imprese ed enti locali è l’allentamento del Patto di stabilità interno: la bozza della manovra dispone la sospensione per il 2013 del meccanismo della virtuosità e di porre, al contempo, le percentuali che tutti gli enti locali applicano alla spesa corrente media registrata negli anni 2007-2009, pari al valore massimo previsto dal comma 6 dell’articolo 31 della legge n.183/2011.

manovra economica

Non sono tutte rose e fiori, però: si tratta pur sempre di una manovra finanziaria, per quanto contenuta. E ogni manovra italiana degli ultimi anni, di qualunque entità, ha sempre comportato un aumento della pressione fiscale.

Nello specifico il decreto in arrivo disporrebbe l’aumento  degli acconti Irpef e Irap. In particolare gli acconti per entrambe le imposte dovrebbero passare dal 101 al 103% per il solo anno di imposta 2013, così da alzare ulteriormente il carico fiscale a carico di imprese e privati. La bozza prevedrebbe anche una semplificazione del procedimento di alienazione immobili pubblici, oltre a misure per la valorizzazione patrimonio immobiliare pubblico.

I rincari più temuti, però, riguardano i carburanti. La bozza originaria allo studio del governo, infatti, prevedeva un sostanzioso e immediato aumento delle accise sui carburanti, nell’ordine dei 6,5 centesimi al litro.

Il ministro per i Rapporti col Parlamento, Dario Franceschini, ha però immediatamente smentito: “Non è previsto alcun aumento di accisa o altre tasse”.

Ultimo aspetto degno di menzione è l’indennizzo, seppur minimale, per le aziende impegnate nella costruzione della Tav che abbiano subito danneggiamenti di materiali, attrezzature e beni. Si parla, in questo caso, di un tetto d’indennizzo di circa 5 milioni.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: