•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 10 ottobre, 2013

articolo scritto da:

“L’Europa per i migranti”: petizione al Parlamento europeo

(10/10/2013) “L’Europa per i migranti” : Petizione al Parlamento europeo

Troppe sono le vittime del mare, troppi gli emigrati che arrivano, quando riescono a sopravvivere, in condizioni psichiche e fisiche molto gravi, costretti in condizioni disumane in cerca di una vita migliore o semplicemente di una sopravvivenza che non è loro garantita nel Paese di origine. Dopo la tragedia di Lampedusa, l’ennesima di una lunga serie, nei giorni scorsi è stata presentata una petizione intitolata ”L’Europa per i migranti” alla Commissione Petizioni del Parlamento europeo.

Obiettivo della petizione è chiedere con urgenza alle istituzioni europee di elaborare un vero e proprio regolamento europeo sui migranti, e l’avvio di un Tavolo per la cooperazione e la migrazione nel Mediterraneo. “Un Tavolo – composto da rappresentanti della Commissione, del Parlamento europeo, degli Stati membri e degli Stati della sponda sud del Mediterraneo, delle Organizzazioni non governative coinvolte nell’accoglienza ai migranti, del mondo dell’associazionismo laico e religioso – che ponga all’ordine del giorno l’emergenza umanitaria degli sbarchi dei migranti sulle coste europee, il problema della gestione della sicurezza in mare e delle coste, nuove regole di ingaggio per le autorità di polizia di presidio costiero e protocolli di intervento di assistenza in mare.”

migranti

Tra gli intenti della petizione si sottolineano inoltre l’urgenza che l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza abbia un ruolo più incisivo nell’avvio di un’iniziativa sinergica con tutti i Paesi membri e i Paesi di vicinato e richiamare il Consiglio, la Commissione e il Parlamento europeo a impegnarsi con ogni strumento a ridurre questa carneficina e a rendere effettivo il Patto europeo sull’immigrazione e l’asilo.

Questo dramma, sostengono i promotori, riguarda tutta l’Europa, non solo le coste Greche, Italiane o Spagnole, in nome dei principi europei di solidarietà e cooperazione, tutti i Paesi sono egualmente coinvolti. “Ecco perché occorre assolutamente cambiare marcia” scrivono i promotori. “Gli strumenti comunitari di bilancio consentono, da qui al 2020, di destinare una somma importante di investimenti economici per frenare questa emergenza umanitaria”.

Ciò che si lamenta è proprio la mancanza di azione dell’Unione Europea di fronte a quella che è una vera e propria emergenza umanitaria. Eppure, come si ricorda nel testo della petizione, l’articolo 3 della carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea sancisce il diritto inviolabile all’integrità fisica e psichica della persona, principio che si estende a livello universale e quindi anche ai migranti. L’Europa, concludono i promotori, deve affrontare questa continua tragedia da un punto di vista etico, politico e giuridico.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento