•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 7 novembre, 2013

articolo scritto da:

Come cala la frequenza alla Messa nella Chiesa che accoglie Papa Francesco

papa francesco bertinotti

L’ISTAT non è riuscita a raccogliere dati successivi al 2010, ma quelli sulla frequenza settimanale della Messa degli italiani sono dettagliati e partono dal 1995, e soprattutto, sono divisi in fasce di età.

Il primo dato che emerge è il calo progressivo, dal 39,7% al 32% in 15 anni, di circa mezzo punto l’anno, lento ma inesorabile, della quota di coloro che vanno a Messa settimanalmente, con un minimo tra i 20-24 enni del 15,3% e un massimo tra i bambini dai 6 ai 13 anni del 58,1% e tra i 65-74enni del 46,8%.

 

Ma vediamo le elaborazioni dei dati ISTAT, prima tra le persone fino ai 34 anni:

 

e poi tra le persone dai 35 anni in su:

Si noti il crollo tra i 14-17enni tra 2004 e 2006 che li fa calare sotto la media totale, si tratta delle conseguenze della morte di Giovanni Paolo II e l’ascesa al soglio di un Papa percepito come più dottrinale e meno di massa, o comunque meno vicino ai giovani come Benedetto XVI. In questa fascia è rimasta poi una certa stabilità.

Un altro segmento che fa segnare un calo maggiore della media è quello dei 55-59 enni, la cui frequenza cala sotto la media totale dal 2008, e passa dal 37% al 30% in quattro anni. Sembra evidente che a entrare in questa fascia siano coloro che erano giovani negli anni ‘70, la generazione sessantottina, storicamente la più a sinistra rispetto sia alle generazioni precedenti che a quelle successive, e anche più secolarizzata, pare.

 

Tra le fasce che sembrano avere resistito meglio alla secolarizzazione vi sono naturalmente gli ultra 75enni, cresciuti e divenuti adulti negli anni ‘50, in un periodo in cui l’autorità della chiesa e il suo ruolo non era contestato, e dall’altro lato quello dei 6-13enni, a significare che la Chiesa, soprattutto la parrocchia, è ancora vista come un luogo cui affidare e in cui far crescere i figli, anche da parte di genitori non praticanti, almeno prima del momento in cui saranno i figli, da adolescenti, a scegliere se partecipare alla Messa o meno.

Più interessante è notare il calo minore delle fasce 25-34 anni e 35-44 anni, i 25-34enni nel 2010 avevano una frequenza alla Messa superiore ai 20-24enni, al contrario di 15 anni prima, e solo l’1,7% in meno dei 35-44enni rispetto ai 45-54enni andava a Messa ogni settimana quando la differenza nel 1995 era del 5,4%. Si tratta della generazione Wojtyla, ovvero di coloro che sono cresciuti tra il 1978 e il 2005, sotto il pontificato di Giovanni Paolo II, nell’era post-ideologica e mentre il muro di Berlino cadeva o era già caduto.

Questa generazione va certo meno a Messa dei padri, ma il calo è più attutito, e la frequenza ormai non si discosta molto dai fratelli maggiori, mentre sono forse i fratelli minori, tra i 14 e i 24 anni, ad avere ripreso quella secolarizzazione che sembrava frenata.

 Sarà interessante vedere cosa accadrà con Papa Francesco, quale influenza avrà il suo desiderio di approcciarsi a tutti, giovani, anziani, ma soprattutto non credenti, agnostici, non praticanti, andando “alle periferie dell’esistenza”

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento