•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 11 novembre, 2013

articolo scritto da:

Ciclone nelle Filippine: 10.000 morti. Grandi operazioni umanitarie: Bergoglio dona 150mila dollari

 

Il ciclone Hayan è stato il più forte di sempre a colpire l’arcipelago delle Filippine: lo scenario che si è lasciato alle spalle è di morte e devastazione senza precedenti. Sono 23mila le case distrutte, 4 milioni i bambini colpiti dal tifone di forza 5 (scala Saffir-Simpson) e bisognosi d’aiuto, 620 mila gli sfollati.

La città di Tacloban, capoluogo dell’isola di Leyte cioè quella maggiormente colpita dalla furia di venti a 300 km/h e di onde alte 6 m, è stata rasa al suolo: le condizioni delle strade e dei trasporti sono proibitive, le comunicazioni avvengono esclusivamente via radio.

Il bilancio delle vittime è destinato a salire, per ora si contano 10mila morti, moltissimi i dispersi e gli irreperibili, sono ancora molte le aree del paese che risultano inaccessibili, le strutture sanitarie non permettono il ricovero dei feriti e le cure.

Il ciclone Hayan è stato il più forte di sempre a colpire l’arcipelago delle Filippine

Il ciclone Hayan è stato il più forte di sempre a colpire l’arcipelago delle Filippine

I testimoni raccontano che “i sopravvissuti si aggirano per le strade in preda alla disperazione e alla fame”: si assaltano i negozi rimasti in piedi, si stanno verificando violenze e scontri per accaparrarsi quello che resta dei beni di prima necessità come acqua, cibo ma anche vestiti e coperte. Il Presidente Benigno Aquino pensa di proclamare la legge marziale contro gli sciacalli che svaligiano i negozi armi alla mano.

Dal Pentagono, Chuck Hagel, ha reso noto che il contingente americano nell’Oceano Pacifico porterà aiuti e beni di primo soccorso a Manila e supporterà anche le operazioni di ricerca in mare.

Anche Ban Ki Moon sollecita le agenzie umanitarie dell’ONU a predisporre l’intervento: l’UNICEF Supply Division ha già stanziato 60 tonnellate di beni di prima necessità, ripari, kit medici e sanitari oltre a strumenti per la depurazione dell’acqua che, tramite ponte-aereo, arriveranno martedì 12 Novembre. Si mobilitano anche l’OMS e la Comunità Europea.

Dal Vaticano arriveranno nelle zone maggiormente colpite 150 mila dollari: “prima e immediata espressione concreta dei sentimenti di spirituale vicinanza e paterno incoraggiamento del Papa, nei confronti delle persone e dei territori devastati dalle inondazioni”. La somma verrà ripartita dalla Chiesa Locale.

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento