•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 12 novembre, 2013

articolo scritto da:

Le isole Falkland/Malvinas tra elezioni e petrolio

falkland

Lo scorso giovedì, nelle isole Falkland/Malvinas si sono svolte le elezioni legislative, a distanza di otto mesi dal referendum nel quale la maggioranza assoluta della popolazione aveva deciso di mantenere legami con il Regno Unito. E, per la prima volta nella storia, gli eletti all’assemblea legislativa avranno uno stipendio annuale di circa 47000 Euro, ma a condizione che s’impegnino a tempo pieno nel governo delle isole.

I lavori dell’assemblea sono iniziati già venerdì, in occasione del giuramento dei neoeletti, mentre il governo di Buenos Aires ha annunciato di non riconoscere la loro autorità. D’altronde, l’Argentina rivendica ancora la sovranità delle isole Falkland/Malvinas, sebbene esse siano controllate dal governo britannico ormai da oltre 175 anni e, soprattutto, dopo lo sciagurato tentativo di occupazione di trent’anni fa. Allora, il governo argentino decise di far leva sul sentimento nazionalistico lanciando quella che considerava un’operazione militare “facile e veloce” per reclamare le isole, ma dopo pesanti combattimenti, i britannici prevalsero e le isole rimasero sotto il controllo del Regno Unito.

Falkland petrolio

Di recente, l’Argentina ha denunciato le trivellazioni petrolifere intorno alle stesse isole, avviando una decisa campagna per scoraggiare le società energetiche britanniche a intraprendere qualsiasi operazione di estrazione intorno alle isole sudatlantiche. Centinaia di lettere di sollecitazioni sono state già inviate agli analisti britannici, spiegando loro che le compagnie petrolifere stanno operando in maniera clandestina. Infatti, l’accesso al gas scisto, e agli altri depositi on shore e off shore vicini all’Argentina, sarebbe stato negato a qualsiasi altra società petrolifera al largo delle isole Falkland/Malvinas.

Secondo i media, la nascente industria petrolifera potrebbe trasformare radicalmente la società delle stesse isole: infatti, l’esplorazione di petrolio sta già garantendo un sostanzioso guadagno di milioni di dollari, ma la maggior parte degli abitanti rimane comunque ancora preoccupata per i possibili problemi causati relativi ai rapidi cambiamenti.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Guido de Gregorio
Guido de Gregorio

Isole inglesi abitate da inglesi reclamate dai discendenti dei colonialisti spagnoli

Fernando Bianchi
Fernando Bianchi

L'Inghilterra forse ancora non si é accorta che l'epoca del colonialismo é finita da un pezzo.

Francesco Baldino
Francesco Baldino

Se le isole sono Inglesi, questi fanno ciò che vogliono. Hanno perso una guerra, dovrebbero essere rassegnati da un bel po.