•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 6 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Africa, Francafrique o Cinafrica?

Un dato che spiega l’interventismo francese di questi ultimi anni potrebbe essere il seguente: tra il 2000 e il 2011 la parte di mercato della Francia nell’Africa sub sahariana è diminuita del 50% anche se il valore delle esportazioni francesi è raddoppiato. Il dato significa che a far concorrenza alla Francia in un territorio che era praticamente il suo “cortile di casa” sono arrivate altre potenze, soprattutto quelle emergenti e aggressive dell’Asia, ma non solo se si pensa a Brasile e Sudafrica.

L’industria francese vuole ora recuperare terreno. E la strategia è duplice. Da una parte con gli interventi militari degli ultimi anni (Costa D’Avorio, Mali, Centrafrica) e gli interventi che potremmo definire di pressione diplomatica (Ciad, Niger, Camerun) ha cercato di mantenere le posizioni caldeggiando e sostenendo al potere classi politiche e personaggi fedeli. Dall’altra ha avviato una vera e propria offensiva economica e commerciale.

A Parigi si sta svolgendo un Forum economico Franco-Africano che dovrebbe portare al vertice per la Pace e la Sicurezza previsto per il 6 e 7 dicembre. Ci sono circa 560 imprenditori francesi e africani, una ventina di ministri e quattro capi di Stato che partecipano a questo vertice d’affari, voluto per “dare un nuovo slancio alle relazioni tra la Francia e il continente africano” , riferiscono i media transalpini che riportano interviste di politici e funzionari di alto livello francesi.

africa

In chiusura del Forum dovrebbero intervenire i presidenti Jakaya Kikwete (Tanzania), Alassane Ouattara (Costa d’Avorio) e Macky Sall (Senegal). Durante la giornata verrà presentato un rapporto articolato attorno a quindici proposte, la maggior parte basate su questioni di flussi, finanziari, umani, culturali e immateriali. Secondo Hubert Vedrinex, l’ex ministro degli Esteri incaricato di redigere il rapporto, “l’Africa può diventare il nuovo Eldorado della Francia e la fonte di numerose creazioni di posti di lavoro, fino a 200.000 nei prossimi cinque anni”.

Secondo Vedrine, nella zona Cfa composta prevalentemente da ex colonie, le aziende francesi possono competere con la Cina dato che in Africa sub-sahariana la Francia è il terzo investitore. Le dinamiche sociali, politiche ed economiche sono complesse ma queste notizie possono contribuire a spiegare alcune prese di posizione di Parigi negli ultimi anni e alcuni avvenimenti. Ciò che è certo è che un equilibrio politico ed economico oggi in Africa Occidentale non c’è. Gli attori che si fanno concorrenza per stabilirne uno a loro favorevole sono tanti. L’instabilità e i conflitti in molti casi sono proprio legati a queste dinamiche.

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: