•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Mafia, il pentito Messina rivela: “Volevo uccidere Bossi”. Riina minaccia il pm Di Matteo

Nel corso di una delle udienze del processo Stato-Mafia, in corso a Palermo, il   pentito di mafia Leonardo Messina, in risposta a una delle domande del Pm Nino Di Matteo, ha dichiarato la sua ostilità verso Umberto Bossi.

“Un giorno c’era Umberto Bossi a Catania e io dissi a Borino Micciché (capomafia di Cosa Nostra) questo ce l’ha con i meridionali, vado e l’ammazzo. Mi disse di fermarmi: questo è solo un pupo. L’uomo forte della Lega è Miglio che è in mano ad Andreotti”.

Messina ha poi spiegato il progetto di Cosa Nostra all’inizio degli anni ’90: “Avevamo un progetto separatista, si sarebbe creata una Lega del Sud e la mafia si sarebbe fatta Stato”. Per portare a compimento il disegno, Messina ha aggiunto che i malavitosi siciliani erano pronti “ad acquistare dalla ‘ndrangheta una grossissima partita di armi, tra cui bazooka, kalashnikov e pistole, investendo circa 2 miliardi di lire”.

Altra rivelazione di Messina è quella relativa a Giulio Andreotti, considerato, dentro Cosa Nostra, un “uomo d’onore, ‘punciuto’ (affiliato, ndr) e che ci avrebbe garantito al maxiprocesso”.

 bossi

 

RIINA MINACCIA IL PM DI MATTEO – Nell’ambito del maxi-processo, di cui la pubblica accusa è rappresentata dal pm Nino Di Matteo, giungono dal carcere di Opera, pesanti come pietre, le minacce del boss Totò Riina: “Questo Di Matteo non ce lo possiamo dimenticare. Corleone non dimentica”.

La dichiarazione, risalente allo scorso 13 novembre, è stata estrapolata grazie all’intercettazione di una conversazione che lo stesso Riina aveva avuto con un mafioso pugliese. A quest’ultimo, che gli chiedeva come avrebbe fatto ad eliminare Di Matteo se l’avessero portato in una località riservata, Riina avrebbe risposto: “Tanto sempre al processo deve venire”.

Proprio in virtù delle minacce ricevute, il vicepremier e ministro degli Interni, Angelino Alfano, ha confermato l’assegnazione di una speciale misura protezione a Di Matteo. Si tratta di una vettura di servizio dotata di un dispositivo “bomb jammer”, in grado di neutralizzare o prevenire attentati terroristici o altri crimini condotti attraverso l’utilizzo di ordigni esplosivi radio-controllati a distanza.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: