•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Inps: crolla il potere di acquisto delle famiglie. Metà dei pensionati con meno di 1000 euro

soldi potere di acquisto

Inps: crolla il potere d’acquisto delle famiglie. Metà dei pensionati con meno di 1000 euro

Il bilancio sociale dell’Inps non lascia interpretazioni alternative: la situazione dell’economia reale italiana è in profonda crisi. Basti pensare ad uno dei dati più significativi esposti: il potere d’acquisto delle famiglie è sceso, dal 2008 al 2012, del 9,4%. Del 4,9% solo tra il 2011 e l’anno seguente. Il reddito disponibile delle famiglie è il primo indice che ha subito una contrazione: -1,8% l’anno, di cui -2% tra 2011 e 2012.

Anche gli ammortizzatori sociali sono centro del dossier: rispetto al 2011 la spesa per la Cassa Integrazione Guadagni (Cig) è aumentata complessivamente del 21,7%, con una corrispettiva crescita sia per l’indennità di disoccupazione (18,2%) che dell’indennità di mobilità (17,3%). Coinvolti nella Cig 1.600.000 lavoratori, nell’indennità di disoccupazione 2.500.000 unità e nella mobilità 285.000. Il totale è impietoso: più di 4.000.000 di individui hanno percepito un ammortizzatore sociale durante l’ultimo, disgraziato, anno.

potere di acquisto

Pure i dipendenti pubblici sono stati oggetto della relazione Inps: a causa del blocco del turn over e dei pensionamenti, il numero dei lavoratori pubblici si è abbassato del 4%, corrispondenti a 130.000 stipendiati, il tutto confermato dal calo delle entrate contributive Inpdap del 8,2%. Adesso, la cifra dei dipendenti si attesta a 3.100.000 dipendenti.

Ma forse il dato più significativo è quello dei pensionati poveri: il 45,2% dei pensionati Inps ha un reddito inferiore ai 1.000 euro al mese, corrispettivi a 7.200.000 dipendenti a riposo. Di questi, 2.260.000 (14,3%) non arriva a 500 euro mensili.

Un freno a nuovi pensionamenti è dipeso dall’applicazione della Legge Fornero. Nell’ambito previdenziale si contano 629.774 nuovi trattamenti, con una decrescita del 7,4% rispetto all’anno 2011.Le nuove prestazioni previdenziali, equivalenti al numero di 516.566, sono cresciute non indifferentemente: +21,8%, di cui +23,4% i trasferimenti agli invalidi civili.

Pensioni e futuro demografico potere di acquisto

I lavoratori domestici iscritti all’Inps nel 2012, al contempo, si riducono: -12.077 unità al confronto dell’anno precedente. Di questi la distribuzione per nazionalità è la seguente: 23,3% italiano e 76,7% straniero. La parte italiana è cresciuta del 1,2%, mentre quella nata fuori i confini peninsulari è diminuita del 2,2%. La distribuzione territoriale è tutt’altro che omogenea, viene spiegato all’interno del dossier dell’istituto previdenziale: il 51% dei lavoratori domestici si trova nel nord del paese, il 30% al centro ed il restante 19% nel meridione.

La fotografia prodotta dall’Inps è spietata quanto veritiera. Uno scatto di reni che modifichi questa disperata e drammatica situazione è ormai d’obbligo.

Daniele Errera

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: