•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 13 gennaio, 2014

articolo scritto da:

L’occupazione femminile resiste meglio alla crisi, il lavoro del futuro è donna?

L’occupazione femminile resiste meglio alla crisi,  il lavoro del futuro è donna? 

Le statistiche che l’ISTAT pubblica ogni giorno sono tragiche per l’occupazione, il tasso di disoccupazione raggiunge il 12,7%, quello di occupazione cala, ma se volessimo osservare meglio tutti i valori scopriremmo delle differenze, di genere.

L’Italia non ha mai spiccato per uguaglianza dei sessi, anzi, il tasso di occupazione femminile rimane sotto il 50%, vergognosamente indietro rispetto al resto d’Europa, per fattori economici, legislativi, culturali, ma quel che ci importa è osservare la tendenza, cosa succede con la crisi?

Ebbene, pare che sia l’altra metà del cielo quella che se la stia cavando meglio, o meno peggio. Innanzitutto il tasso di partecipazione è in crescita, a dispetto della stagnazione di quello maschile. Si tratta della porzione di donne che o lavorano o stanno cercando lavoro. Lo vediamo nel seguente grafico sugli ultimi 10 anni:

Naturalmente quando si parte da valori così bassi è più semplice salire, nel caso femminile, mentre veniamo da epoche in cui il lavoratore tipo era uomo, e comunque al differenza rimane di 20 punti. Ancora inaccettabile.

Tuttavia i dati più interessanti sono nel tasso di occupazione e di disoccupazione, dove si osserva il crollo nell’occupaizone maschile, di ben 7 punti dal 2007-8 dal 71% al 64% e di solo 1 punto per quella femminile, dal 47% al 46%. Lo vediamo nel seguente grafico:

Il gap tra uomini e donne passa in dieci anni dal 24% al 17%. C’è stata una piccola rivoluzione con molte donne che hanno perso il lavoro ma altre che a differenza di quanto avveniva nei decenni passati hanno deciso di entrare nella quota attiva della popolazione, cercarlo, e in molti casi trovarlo.

E’ nel tasso di disoccupazione che la differenza tra i sessi diventa minima. Come vediamo dal seguente grafico da 5 punti si passa a 1 solo.

Naturalmente la disoccupazione è sofferta da tutti, ma ancora di più dagli uomini, le donne hanno avuto un calo maggiore fino al 2007, e poi un aumento minore di quello maschile.

Perchè questo fenomeno?

– Da un lato, come già detto, ci sono i piccoli numeri di occupazione attività femminile, peggiorare i quali era difficile, ed è anche immaginabile che quelle poche donne che cercano di impagnarsi nel lavoro siano già autoselezionate, quindi le più istruite, in  tanti casi.

I mutamenti culturali, per quanto lenti, che portano le donne giovani a non ritenere più una aspirazione quella di essere casalinghe, ma di iscriversi per esempio all’università e cercare una occupazione

L’aumento dell’età pensionabile femminile ha una certa importanza, perchè erano soprattutto le donne a usufruire di pensionamenti anticipati, e leggi più favorevoli.

L’aumento di importanza dei servizi a discapito dell’industria, gli operai, in maggioranza uomini, diminuiscono a vantaggio, per esempio delle occupazioni di servizio alla persona, spesso appannaggio femminile.

Quest’ultimo è un dato fondamentale, che ci dice molto sul futuro. Man mano che la tecnologia sostituisce molte professionalità, soprattutto nella manifattura, solo da mansioni labour intensive, come i servizi alla persona, può venire maggiore occupazione, e pare proprio che tra le occupazioni increscita, badanti, infermiere, nel settore della ristorazione e del turismo, quasi tutte vedano le donne come protagoniste. Forse il lavoratore del futuro è proprio donna.

 

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da:

1 comments