•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 5 febbraio, 2014

articolo scritto da:

Forlì, Storia del Liberty ai Musei San Domenico

Forlì, storia del Liberty ai Musei San Domenica: quando l’arte è ‘glocal’

Art Nouveau, Jugendstil, Modern Style, Stile Floreale: chiamatelo come volete, è il Liberty il grande protagonista della mostra “Liberty – Uno stile per l’Italia”, aperto dall’1 febbraio al 15 giugno presso i Musei San Domenico di Forlì.

La rassegna, che approda nei grandi spazi del centro espositivo forlivese dopo le due grandi mostre dedicate, nel 2012, a Wildt e, nel 2013, al Novecento, si prefigge oggi l’obiettivo di presentarsi al grande pubblico, nazionale e internazionale, come la grande mostra che indaga lo stile “moderno” sotto molteplici punti di vista e senza restrizioni di tempo o spazio.

A ben pensarci, infatti, la forza del Liberty fu proprio quella di creare, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio della Prima Guerra Mondiale, un linguaggio e un’atmosfera comuni tra l’architettura e le varie arti, la letteratura, il teatro e la musica, in vista di un superamento dello storicismo e del naturalismo ottocentesco verso l’affermazione delle aspirazioni della modernità.  A questo scopo, la mostra indaga l’origine di tale modello stilistico a partire dalla rilettura di uno dei grandi protagonisti del Rinascimento italiano, Botticelli, e mette in luce le relazioni profonde e le contaminazioni con l’arte europea del periodo, in particolare le Secessioni.

liberty

Che il Liberty non sia solo uno stile architettonico, poi, lo dimostra la grande esposizione che segue e si sviluppa due sue piani della mostra: un viaggio tra pittura, scultura, arti decorative, vetrate, ferri battuti, mobili, oggetti d’arredo, tessuti e gioielli che inizia coi dipinti di Boldini, Previati, il faenzese Beccarini, Segantini, Pellizza da Volpedo, Marussig, Casorati e Boccioni e prosegue con le sculture di Wildt e Martini, con i ferri battuti di Mazzucotelli e Bellotto, con le ceramiche di Chini e Cambellotti, con i manifesti di Dudovich e si inoltra addirittura nella letteratura di D’annunzio, Pascoli e Gozzano, nella musica di Puccini, Mascagni e Ponchielli per, infine, uscire dai confini nazionali e servirsi dei modelli di Klimt, Adler, Moser, Klinger, Morris e Mocha come termini di paragone di uno stile pienamente europeo.

Non a caso, infatti, la mostra è stata definita “glocal”: dà cioè conto, estesamente, del Liberty in Italia e delle sue connessioni internazionali ma, al tempo stesso, collega questo movimento al territorio, proiettandosi all’esterno del museo in una serie di interessanti itinerari tra Forlì, Faenza e l’intera area romagnola.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Alfredo Bartolini ha scritto:

    ……credo che i musei sono di S. Domenico……..

Lascia un commento