•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 1 marzo, 2014

articolo scritto da:

Albertini lascia Scelta Civica per approdare nel Nuovo Centrodestra

Scelta Civica sembrava dovesse interpretare il ruolo del leone alle elezioni politiche 2013. Ed invece, dopo il risultato elettorale tutt’altro che positivo, non solo si è vista scindere in più formazioni con malumori al loro interno, ma ha visto fuoriuscire molti dei suoi esponenti in altri partiti, estranei alla tradizione centrista. L’ultimo caso è Gabriele Albertini.

Ad accogliere l’ex sindaco di Milano è sempre un partito della maggioranza che sostiene Matteo Renzi a Palazzo Chigi, ma spostato più a destra nell’emiciclo parlamentare: è il Nuovo Centrodestra. Roberto Formigoni, ex Presidente della Giunta Regionale lombarda, fa gli onori della casa attraverso un cinguettio su twitter: “eccolo! È Gabriele Albertini, è lui il nuovo senatore che aderisce al Ncd. Albertini torna dalla parte giusta, lavora e combatte con Ncd”.

 

Un buon colpo per il Nuovo Centrodestra che può, così, incrementare le proprie forze al Senato. Proprio lì, a Palazzo Madama, dove c’è un maggiore potere di ricatto, di coercizione, essendo la camera elettiva nella quale la stessa maggioranza a larghe intese è di poco sopra rispetto alle opposizioni. Albertini, che era presente ad un convegno meneghino assieme a Formigoni, ha raccolto l’entusiasmo ed il soddisfatto benvenuto da parte del leader Ncd e titolare del Viminale Angelino Alfano, il quale ha così commentato la new entry nella famiglia da poco scissa dal Pdl: “con Albertini la nostra rappresentanza al Senato è ancora più forte”.

 

Daniele Errera

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: