pubblicato: martedì, 18 Mar, 2014

articolo scritto da:

Emendamento Calderoli salva finanziamento pubblico ai partiti

Governo pone fiducia su dl Enti locali

Se Renzi aveva impegnato i suoi maggiori sforzi sul tema delle detrazioni Irpef, ora un emendamento a firma Calderoli (e Bisinella) rischia di dare la nomea a quell’iniziativa di ‘salva partiti’. Infatti la postilla inserita dall’ex Ministro della Semplificazione “estende le detrazioni Irpef alle erogazioni ‘non liberali’, cioè ai contributi imposti dai partiti ai loro eletti”.

A beneficiarne, qualora venisse approvato dal Parlamento, sarebbero tutti i partiti, nessuno escluso. Una riedizione, sotto altre forme e nomi, del finanziamento pubblico ai partiti (nella cui norma di abolizione, Adnkronos ha scovato l’emendamento). A tutto ciò si aggiunge la retroattività (dal 2007 in poi) della norma, coincidente col  “periodo delle violazioni accertate e non ancora prescritte”, il che salverebbe le donazioni irregolari espletate in passato: infatti le erogazioni in denaro dirette ai partiti “devono comunque considerarsi detraibili” dall’Irpef.

Bocciato Porcellum, Calderoli "Toppa peggio del buco" Renzi "Si torna a Prima Repubblica"

A votare contro solo il Movimento 5 Stelle. Il resto dei partiti (di maggioranza ed opposizione) hanno votato a favore di questa nuova norma Calderoli che, però, rappresenta un surplus rispetto quella passata: l’eliminazione dal testo della parola “liberali”, a cui viene aggiunto, poi, ‘comunque’ riferito ‘a detraibili dall’Irpef’, amplia la possibilità di applicazione non solo in senso retroattivo – come detto sopra –, ma apre la possibilità “per mettere a detrazione tutte le erogazioni versate dagli eletti al loro stesso partito a titolo di contributo”.

Daniele Errera

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: