•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 22 marzo, 2014

articolo scritto da:

Expo, Sala “Non posso restare solo”

Parla il commissario straordinario dell’expo Giuseppe Sala: “Abbiamo continuato a ripetere che bisogna fare squadra. Adesso dobbiamo dimostrare di esserlo e ciascuno deve assumersi la propria responsabilità. Dobbiamo salvare l’Expo”.

Al Corriere della Sera, il commissario straordinario all’Expo spiega: “Non mi sento solo in questa avventura – spiega Sala – perché non posso essere solo. Expo non è un evento che può essere realizzato da una sola persona con pochi collaboratori, questa non è l’Expo di Sala. Sarà un’opportunità di crescita e valorizzazione del nostro Paese solo se tutti i soggetti coinvolti, a partire dalle istituzioni, faranno la loro parte fino in fondo”.

expo ok

“Renzi mi ha ribadito la sua solidarietà – fa sapere il commissario dell’Expo -, e mi ha annunciato che entro quindici giorni verrà a Milano”. “Legalità e trasparenza – sottolinea quindi – sono valori cui non intendo derogare e su cui non transigo” tuttavia, avverte, “il mondo ci guarda e non si può perdere un’ora, ci sono 145 Paesi che credono in Expo. Ci sono 1.100 aziende, in particolare medie e piccole, che ad oggi hanno già lavorato per questa operazione”. “Ho chiesto al presidente Maroni – fa sapere inoltre Sala – di nominare entro lunedì il successore del direttore dei lavori, che risulta fra gli indagati. Mi è stato garantito che entro lunedì avremo il nuovo nome”. “Rognoni? Non aveva un ruolo definito in cantiere e in Expo. Grazie alla sua competenza tecnica dava supporto, ma non è questo il problema”.

 

 

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da: