•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 15 settembre, 2014

articolo scritto da:

Combattere la solitudine da social con un sano cruciverba. Parola di Stefano Bartezzaghi

“Siamo soli” cantava, non molto tempo fa, Vasco Rossi. Senza volere equiparare i due (l’ago della bilancia piega inevitabilmente verso il secondo), è quello che sostiene anche Stefano Bartezzaghi nel suo intervento a Camogli. Per il grande saggista enigmista italiano, la solitudine si divide in due categorie: una solitudine pre-moderna, quella dell’asceta eremita legata a un’immersione totale nella natura, e una solitudine moderna, quella dell’incomunicabilità come resa senza condizioni, quella della sanguinetiana “folla solitaria”, la stessa che spietatamente partorisce una contemporanea società massmediale. Il primo a parlarne è Dossena che, in un testo letterario, raccoglie una serie di panvocalismi a cui aveva giocato coi suoi lettori su alcune rubriche che tenne in diversi  quotidiani italiani.

Ma Dossena non ha creato un format: questo genere, quello del gioco enigmistico, nasce infatti da una tradizione italiana più che secolare, che prosegue nella modernità e si scontra oggi con i mass media. L’interattività, infatti, non nasce con la telematica: fin dagli esordi, infatti, la stampa periodica sollecita un’interattività col lettore, la cui prima forma è la posta, tanto che gli stessi titoli dei quotidiani periodici rimandano alla sua idea (Corriere, Espresso, Daily Mail), mentre la seconda è quella dei giochi e dei diversi concetti di gioco nelle forme del concorso e del puzzle (enigma, indovinelli, cruciverba, sudoku).

Anche tra i giochi, come in ogni manifestazione culturale, esiste un’evoluzione qualitativa: i primi sono le charade del Tour de France, poi vengono gli enigmi di Philadelphia di Edgar Allan Poe, i nodi di Lewis Karrol, i giochi matematici di Martin Garden. A metà strada tra ieri e oggi c’è la parabola di Dossena, che prosegue con Eco che con Benigni sono stati i primi a proporre, ormai tanti anni fa, il gioco di cambiare una sola lettera ai titoli famosi dei film: da quel momento non si contano più i siti in cui è possibile fare questi giochi.

Ma ormai, oggi, questi passatempi si sono frantumati: noi giochiamo in qualsiasi momento, il nostro strumento di lavoro è il computer e il computer ci viene venduto con dentro dei giochi, non abbiamo più bisogno di interrompere un’attività per metterci a giocare: ciò crea un cortocircuito che aliena e rende solo il giocatore medio. Eppura una soluzione sembra esserci. Sulla facciata apparentemente chiusa della mass-medialità, il gioco apre uno spiraglio e forse bisognerebbe riprendere quella sociologia che parte dai giochi per osservare quali sono le conseguenze di questa frammentazione, dal gioco ai giochi al ludico.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: