•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 24 novembre, 2014

articolo scritto da:

Pensioni d’oro, la falla da 2 miliardi e la riforma Fornero

pensioni statali

Un nuovo emendamento sarà probabilmente presentato al ddl Stabilità a seguito dell’accendersi di una nuova polemica: sembra infatti essere sparita un’importante clausola dalla riforma delle pensioni di Elsa Fornero, la quale prevedeva un tetto per le pensioni d’oro. La norma introdotta dall’ex ministro doveva stabilire, a partire dal primo gennaio 2012, un limite ben preciso per quelle pensioni più elevate relative ad alcuni funzionari statali, i quali, una volta deciso di restare in servizio dopo aver raggiunto i 40 anni di anzianità, avrebbero percepito una pensione non superiore all’80% del valore dell’ultimo stipendio.

A rendersi conto di tale “falla” nella legge è stato, secondo l’Ansa, lo staff di Matteo Renzi: la non attuazione di questa clausola ha portato a un cumulo per coloro che sono passati dal sistema contributivo a quello retributivo e soprattutto nel caso di consiglieri di Stato e della Corte dei Conti, i quali percepirebbero attualmente una pensione più alta rispetto al vecchio sistema. Questo potrebbe rappresentare un problema non da poco per la classe dirigente di fronte all’opinione pubblica, a seguito dei grossi sacrifici già fatti soprattutto dai giovani.

Elsa Fornero

L’agenzia Public Policy ha riferito che l’emendamento che dovrebbe ripristinare il tetto alle pensioni d’oro è già al vaglio della Ragioneria dello Stato, la quale sembra aver espresso qualche dubbio. L’emendamento porta la firma del governo e l’autorizzazione del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi e ristabilisce un assegno pensionistico non superiore all’80% del valore dell’ultimo stipendio percepito per quei funzionari statali che decidano di lavorare fino ai 75 anni, senza perciò alcun incremento progressivo della pensione.

La forte polemica è scaturita soprattutto a seguito della denuncia della Codacons, secondo la quale la “norma scomparsa” all’interno della legge 241/2011 costa allo Stato 2,6 miliardi di euro l’anno e riguarda 160 mila persone.  “La clausola, che di fatto poneva un limite all’importo delle pensioni erogate dall’Inps, è misteriosamente sparita, con la conseguenza che circa 160 mila lavoratori che hanno già raggiunto i 40 anni di anzianità potranno contare su un incremento progressivo della pensione, il cui importo sarà addirittura superiore a quello dell’ultimo stipendio percepito”, è quanto si legge in una nota dell’associazione, la quale ha sporto denuncia presso la Procura di Roma, la Corte dei Conti e il Tribunale dei Ministri.

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

articolo scritto da: